Recensione di Huawei P20 Pro: le sue tre fotocamere battono il Galaxy S9 Plus

0
18
Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Il Buono: Il Huawei P20 Pro scatta foto sorprendenti in condizioni di scarsa illuminazione. Il suo colore farà girare la testa.

Il Cattivo: Manca la ricarica wireless e non c’è la presa per cuffie o lo spazio di archiviazione espandibile. Le impostazioni automatiche della fotocamera non sempre producono i risultati migliori.

Il Verdetto: La rivoluzionaria modalità in condizioni di scarsa illuminazione di Huawei P20 Pro e la straordinaria combinazione dei suoi colori lo rendono un serio concorrente tra i telefoni Galaxy, iPhone e Pixel.

Mi piacciono le cose che si distinguono. E’ per questo che sono sempre stato un fan delle giraffe su una pianura aperta e ho sempre diffidato fondamentalmente di quegli insetti che si travestono da foglie morte. Ed è anche per questo che mi piace il nuovo telefono top di gamma di Huawei, il P20 Pro (EUR 615,00). Si distingue per due motivi: il suo bizzarro colore «twilight» rosa e blu (si può ottenere anche in oro rosa, blu o nero) e il fatto che ha un totale di tre fotocamere sul retro.

Questi obiettivi si combinano per scattare fantastiche foto di giorno, ma di notte scattano le migliori immagini in condizioni di scarsa illuminazione che abbia mai visto da un telefono, soprattutto quando usi la modalità notturna.

Le foto a bassa luminosità sono ancora migliori dei Galaxy S9 (EUR 471,00) e S9 Plus (EUR 593,62) di Samsung. Le loro lenti a doppia apertura da 12 megapixel possono scattare scatti brillanti in condizioni di scarsa illuminazione, ma spesso producono scatti sfocati se c’è anche la minima quantità di movimento dal soggetto. Il P20 Pro vince qui perché crea immagini costantemente dettagliate che non sfocano se le tue mani si spostano leggermente mentre tieni il telefono.

All’interno del guscio psichedelico di Huawei P20 Pro c’è una tonnellata di tecnologia al top. Il processore non riesce a catturare il Galaxy S9 per velocità, ma supererà con sicurezza qualsiasi compito quotidiano. Lo schermo OLED, completo di tacca «opzionale» nella parte superiore, fa risaltare tutto quello che fai sul tuo telefono, e la batteria da 4.000mAh garantirà che resterà in funzione per un intero giorno. Il telefono è anche resistente all’acqua.

In breve, l’Huawei P20 Pro spunta quasi tutte le caselle di un telefono di punta e lo fa con un look che lo distingue dalle masse. A EUR 615,00 è tutt’altro che economico, ma è il primo telefono Huawei premium che merita i tuoi soldi.

È una lotta dura tra il P20 Pro e il Galaxy S9 Plus. Le prestazioni superiori di S9 Plus, la risoluzione dello schermo più elevata e il jack per cuffie lo rendono il miglior telefono tuttofare. Ma la combinazione dei colori accattivanti del P20 Pro e le incredibili abilità fotografiche sono altrettanto allettanti. Quindi, se preferisci il suo design e la sua configurazione a tre fotocamere non perderai molto scegliendolo sopra l’S9 Plus.

Huawei P20 contro P20 Pro

Huawei P20 contro P20 Pro

Allora che mi dici del normale Huawei P20? E’ un telefono completamente diverso.

È più piccolo e ha due fotocamere posteriori invece di tre – in altre parole, non c’è il teleobiettivo. Le caratteristiche del P20 sono ridotte a tutto tondo. Utilizza un diverso sensore della fotocamera e tecnologia dello schermo, ha una batteria più piccola con meno RAM ed è più suscettibile ai danni causati dall’acqua.

Tuttavia, il P20 è anche un po’ più economico a EUR 428,98. Sarà più facile per molte persone usarlo con una mano sola. Si vende ancora in quel fantastico colore blu-rosa, e aggiunge un’altra colorazione degna chiamata oro champagne.

Il design del P20 Pro riporta il divertimento ai telefoni

Il design del P20 Pro riporta il divertimento ai telefoni

Amo la combinazione dei colori di P20 Pro. Per quanto mi riguarda, e’ l’unico colore che vale la pena prendere. Il modo in cui il blu si fonde con il rosa è fantastico, quasi come guardare la benzina sull’acqua. Mi riporta indietro a un tempo in cui i telefoni non si prendevano così sul serio e osavano sembrare diversi. E’ come quel tizio in ufficio che si e’ presentato indossando maglietta e infradito, mentre tutti gli altri sono arrivati in completo grigio.

Non sono solo i colori che mi piacciono, è anche lo schienale a specchio, il vetro curvato che si sente meraviglioso da tenere. La sua sensazione rassicurante solida mi ricorda l’iPhone X (EUR 863,50). È anche resistente all’acqua (IP67), quindi non devi preoccuparti di scattare foto sotto la pioggia.

Il lato negativo è che la scocca del P20 Pro è un magnete per le impronte digitali, indipendentemente dal modello scelto. Questi colori freddi saranno presto ricoperti da uno strato di grasso.

Non c’è nemmeno la ricarica wireless. Questo è frustrante dal momento che il retro in vetro lo permetterebbe, a differenza dell’involucro metallico del modello precedente. Inoltre, non troverai una presa per cuffie, quindi preparati a usare il dongle dell’adattatore incluso o a passare alle cuffie wireless.

Le tre fotocamere del P20 Pro non sono un espediente

Le tre fotocamere del P20 Pro non sono un espediente

Oltre ai colori stravaganti, sono le tre fotocamere sul retro che rendono il Huawei P20 Pro davvero eccitante. Sono disposte verticalmente lungo il lato sinistro sul retro del telefono. Hai a disposizione un sensore da 40 megapixel (questa è la tua fotocamera principale) e un sensore da 20 megapixel che scatta solo in bianco e nero, ma aggiunge dettagli agli scatti. C’è anche un teleobiettivo da 8 megapixel.

Quella fotocamera da 40 megapixel è un numero ridicolo di pixel per un telefono, ma l’idea non è di usarli tutti insieme. La risoluzione predefinita è di soli 10 megapixel, ma Huawei P20 Pro utilizza i dati acquisiti da entrambi gli obiettivi per creare immagini nitide, ben esposte e con colori bilanciati. Se ti ricordi la fotocamera da 41 megapixel di Nokia 808 Pureview del 2012, capisci l’idea.

La teoria è che otterrai una qualità dell’immagine più dettagliata e bilanciata da una fotocamera ad alta risoluzione. E nel mio test sono rimasto impressionato dagli scatti del P20 Pro. Le immagini all’aperto sono colorate e nitide, con un buon equilibrio di esposizione tra luci e ombre.

La modalità automatica utilizza l’intelligenza artificiale per riconoscere rapidamente e accuratamente una scena al fine di ottimizzare le impostazioni. Può identificare gli alberi come «verde», ad esempio. Ma spesso ho scoperto che non mi piacevano le «ottimizzazioni» che il telefono fa di default.

La modalità automatica di P20 Pro ha aumentato la saturazione dell’immagine al punto in cui i colori sembravano innaturali e sgargianti. Una scena che il telefono ha riconosciuto come verde aumenta i verdi, mentre una scena «cielo blu» esaspera il blu. Ho scoperto che l’annullamento del rilevamento automatico della scena ha portato a scatti più naturali che potrei modificare in modo più sottile in Snapseed, se lo desiderassi.

Torniamo al teleobiettivo da 8 megapixel. Il suo utilizzo offre uno zoom ottico 3x (il più grande zoom ottico disponibile su un telefono) o uno zoom combinato (ottico + digitale) 5x. Con uno zoom 3x, le immagini rimangono nitide e a 5x, si perde solo un po’ di dettagli.

Ma è quando tramonta il sole che questo telefono brilla. Le situazioni di scarsa illuminazione sono in genere quelle in cui la maggior parte delle fotocamere dei telefoni non funzionano, ma le dimensioni più grandi del sensore e il software di stabilizzazione di Huawei P20 Pro consentono di scattare le migliori immagini in condizioni di scarsa illuminazione che abbia mai visto da un telefono. Anche le barre nere e scure sono catturate bene, con molti dettagli visibili nell’ombra, mentre le luci al neon sulle pareti rimangono adeguatamente esposte.

Il Huawei P20 Pro realizza questa magia fotografica notturna attraverso una modalità «notte» separata, scattando più foto a esposizione più lunga da combinare in un’unica immagine finale. Di conseguenza, le immagini scattate in modalità notturna impiegano 4 secondi per acquisire, cosa che non è ideale per scatti rapidi. La cosa notevole è che non hai bisogno di un treppiede, quindi che tu sia un dilettante o un appassionato, questa modalità catturerà la tua attenzione. Aspettare 4 secondi normalmente farebbe spazientire chiunque, ma se stai cercando di catturare uno scatto notturno e hai tempo per comporlo, le abilità in condizioni di scarsa illuminazione del P20 sono davvero superbe.

C’è anche una vasta gamma di opzioni di ripresa, tra cui panorama, effetti di profondità di campo (modalità verticale), modalità pro per i controlli manuali e una modalità dedicata in bianco e nero che utilizza il sensore monocromatico.

La modalità Ritratto sul Huawei P20 Pro è piuttosto buona. I selfie della fotocamera frontale sono decenti ma non sbalorditivi. Anche in una buona luce esterna ho scoperto che i dettagli nell’immagine avevano una certa morbidezza, il che è stato deludente data la risoluzione da 24 megapixel. Ma l’esposizione e il bilanciamento dei colori sono buoni per la maggior parte e, pur non avendo le stesse prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione della fotocamera principale, lo schermo può agire come un flash, il che aiuta a illuminare il viso per i selfie nelle notti buie.

Tacca o no: P20 Pro ti permette di scegliere

Tacca o no P20 Pro ti permette di scegliere

Ora che abbiamo coperto la tripla fotocamera, torniamo ad un’altra caratteristica controversa: la tacca.

La parte anteriore del telefono è dominata da un display da 6,1 pollici, dove in alto si trova una tacca simile a quella dell’iPhone X. Funziona in modo molto simile, con notifiche, l’ora, la batteria e le informazioni di rete che appaiono nelle piccole lacune su entrambi i lati della tacca. A differenza dell’iPhone, tuttavia, è possibile disattivare la tacca nelle impostazioni. Tutto ciò che accade realmente è che le aree della tacca sono riempite digitalmente di nero per dare l’aspetto di una barra solida sulla parte superiore. Preferivo vedere la tacca piuttosto che perdere quel look senza lunetta.

Il mio problema più grande con il display è lo scanner di impronte digitali sotto lo schermo. Mettere lo scanner lì richiede un «mento» che rende il telefono più lungo di quanto sarebbe se lo scanner di impronte digitali potesse essere spostato alla schiena. Di conseguenza, la lunetta è notevolmente più spessa in basso che in alto, persino con la tacca svanita. Questo conferisce al P20 Pro un aspetto sbilanciato.

Anche se non sono un fan del posizionamento su questo telefono, lo scanner è stato almeno in grado di leggere accuratamente le mie impronte digitali come la maggior parte dei telefoni top-end che ho usato.

Il display stesso è luminoso, vibrante e molto nitido, grazie al suo schermo OLED – la stessa tecnologia dello schermo che troverai su Galaxy S9 e iPhone X – e alla sua risoluzione di 2.244×1.080 pixel. Questo si traduce in una densità di 408 pixel per pollice, che è al di sotto dei 458 ppi dell’iPhone X e dei 529 ppi di S9 Plus. Non è una differenza che noterai nell’uso quotidiano, però.

Molta potenza

Il P20 Pro funziona con il processore octacore Kirin 970 di Huawei. È veloce, ma non è il meglio del meglio in termini di benchmark. Ha raggiunto 6.751 nel test multicore di Geekbench 4, che lo ha messo un bel passo sotto il punteggio di S9 Plus di 8.416 e miglia dietro il 10.275 dell’iPhone X. Anche nel test 3DMark Ice Storm: Unlimited, la differenza di prestazioni è stata la stessa. In termini di benchmark, i punteggi del P20 Pro lo mettono alla pari del OnePlus 5T (EUR 499,99) un telefono che costa diverse centinaia di euro in meno.

Detto questo, è improbabile che lo noterete. Navigare nell’interfaccia di P20 Pro è estremamente veloce, senza ritardi durante l’apertura di menu o app. Il foto ritocco in Snapseed e giocare a Riptide: Renegade e NOVA: Legacy è stato estremamente fluido.

In breve: non c’è nulla che tu possa lanciare a questo telefono che non possa gestire comodamente.

Huawei P20 Pro esegue Android 8 Oreo, sopra cui Huawei ha schiaffeggiato la sua interfaccia Emotion. Questa era goffa e sgradevole sui telefoni precedenti, ma ha fatto molta strada e ora non è affatto male. L’aspetto generale non è troppo lontano da Android puro, a parte la mancanza di un cassetto app (che è possibile riattivare nelle impostazioni).

Viene fornito con varie applicazioni preinstallate, tra cui Booking.com e eBay (entrambe possono essere disinstallate), per non parlare di vari servizi Huawei e due «SIM Toolkit», ma non si sente troppo ingombrato di conseguenza.

Durata della batteria per tutto il giorno? Forse sì, forse no

C’è una batteria capiente da 4.000mAh, che Huawei dice che ti farà avere un paio di giorni di utilizzo. È più grande della batteria del Galaxy S9 Plus, ma non dura necessariamente più a lungo. Non è impossibile ottenere più di un giorno di utilizzo, a patto che tu stia attento a quello che fai. Il telefono mantiene la carica in modo affidabile in standby, quindi se sei il tipo di persona che dà un’occhiata al telefono ogni tanto, torna a casa dal lavoro e invia solo qualche messaggio, il P20 Pro può arrivare a quel bersaglio di due giorni.

Un uso più impegnativo, naturalmente, lo svuoterà più velocemente. Nei nostri test di riproduzione video in loop (in modalità aereo), il P20 Pro è durato 15 ore e 45 minuti. Questo lo colloca al di sotto del S9 Plus che ha una media di 16 ore e 55 minuti e al di sotto del Mate 10 Pro (EUR 430,47) che ha segnato la durata record di quasi 20 ore.

Huawei P20 Pro contro la concorrenza

Ecco come si confronta con il normale Huawei P20, i telefoni Galaxy S9, l’iPhone X e i Google Pixel 2 e 2 XL.

Huawei P20 (EUR 428,98): Le caratteristiche che rendono il P20 Pro così eccitante sono assenti sul suo fratello minore. Hai ancora quel bel colore rosa e blu, ma la tripla fotocamera e’ sparita. C’è’ una posteriore da 12 megapixel e nessun teleobiettivo. Si ottiene uno schermo più piccolo, diversa tecnologia dello schermo (LCD invece di OLED), una batteria più piccola e meno RAM. Il corpo è solo resistente agli spruzzi.

Galaxy S9 (EUR 471,00) e S9 Plus (EUR 593,62): le abilità fotografiche notturne del P20 Pro sono ciò che mette questo telefono sopra il Galaxy S9 Plus, ancor più del sensore monocromatico o il teleobiettivo. Non c’è davvero concorrenza quando la luce scende. Ma se le riprese in condizioni di scarsa illuminazione non sono una priorità per te, le prestazioni più veloci e lo schermo più nitido di Galaxy S9 Plus lo rendono l’opzione migliore. Vale anche la pena avere il jack per cuffie e lo slot per schede microSD.

iPhone X (EUR 863,50): Anche se non ci sono colori brillanti, l’iPhone X ha un design senza dubbio sorprendente. È anche una potenza a tutto tondo, con un processore fulmineo e una fotocamera brillante per quasi tutte le condizioni di ripresa. L’iPhone ha anche un vantaggio con il suo innovativo sblocco 3D del volto (ma nessun lettore di impronte digitali se il Face ID non funziona). Il P20 Pro è il re in condizioni di scarsa illuminazione, e il suo prezzo più basso per un dispositivo di grandi dimensioni addolcisce l’affare.

Google Pixel 2 (EUR 599,99) e Pixel 2 XL (EUR 639,99): I telefoni Pixel 2 erano i re uscenti della fotografia in condizioni di scarsa illuminazione, ma il P20 Pro ha preso quella corona. Aggiungete il design e la resistenza all’acqua e il P20 Pro è l’opzione più attraente. L’interfaccia Android pura di Pixel 2 vale comunque la pena considerare, soprattutto se un’interfaccia facile da usare e senza problemi è importante per te.

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Twitter e Facebook.
FONTECNET
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi