Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

PRO

  • Colori naturali e autentici
  • Neri profondi e dettagliati
  • Ampi angoli di visione

CONTRO

  • Elaborazione del movimento non perfetta
  • Altri TV suonano meglio

Essere eccellenti semplicemente non basta per Samsung. Ecco perché, nonostante la sua ammiraglia 2018 sia stata la migliore TV mai prodotta, con prestazioni ben superiori a quelle di qualsiasi altro set retroilluminato, Samsung si è fissata sui pochi difetti che gli hanno impedito di vincere il premio di migliore TV dell’anno.

Il nuovo Q90R, qui recensito nella versione da 65 pollici (Vedi su Amazon.it), è tutto quello che era il Q9FN (Non disponibile), ma con praticamente tutti i suoi difetti corretti. Non solo è il miglior set retroilluminato che abbiamo mai provato, ma si misura anche con i suoi rivali OLED nel loro stesso terreno di gioco.

Immagine

Immagine

La principale critica del Q9FN dello scorso anno (e dei TV QLED nel loro complesso) rispetto ai rivali OLED, è la visione da lato. Non sorprende, quindi, che Samsung abbia dato priorità al tentativo di risolvere questo particolare problema.

Chiamata Ultra Viewing Angle, la nuova funzionalità di Samsung prevede strati aggiuntivi sul pannello che riducono la perdita di luce e diffondono uniformità della luce. Il risultato è angoli di visione quasi impeccabili. Anche nelle angolazioni più acute, i colori rimangono vivaci e i neri rimangono puri. Questo non sembra più essere un ovvio vantaggio di OLED, e questo è un passo enorme per Samsung.

E mentre il Q9FN era già in grado di produrre neri profondi per un TV non-OLED, i dettagli scuri non erano ancora all’altezza. Samsung ha sovra compensato con i suoi set Q900R da 8K, che sacrificano troppa profondità nella loro ricerca di dettagli e appaiono un po’ sbiaditi, ma questo nuovo Q90R ha un equilibrio superbo.

Guardando la scena in “Harry Potter And The Deathly Dallows Parte II” dove l’esercito di maghi di Voldemort si accumula su una collina sopra Hogwarts, la differenza nella consegna del Q9FN dello scorso anno e del Q90R del 2019 è lampante. Sul modello recente si può vedere molto di più il paesaggio e la struttura di Hogwarts. E tutto questo senza che i neri appaiono sbiaditi e senza che l’immagine assomigliare ad una di quelle migliorate artificialmente.

Quando la scena focalizza su Voldemort, è chiaro che il Q90R non ha problemi con gli oggetti luminosi in scene altrimenti buie. Laddove il Q9FN si trattenesse per evitare di creare un alone visibile attorno all’oggetto illuminato, Samsung ha migliorato la precisione della sua retroilluminazione (che mantiene la luminosità di picco del Q9FN pari a 2000 nits e circa 500 zone di attenuazione) e quindi può illuminare gli oggetti luminosi senza paura. Il risultato è che, mentre Voldemort sembra un po’ ombreggiato sul Q9FN, la sua pelle bianca appare luminescente in modo inquietante sul Q90R.

Siamo stati davvero colpiti anche dall’autenticità dei suoi colori. Laddove il Q9FN era un po’ caldo nel suo approccio ai colori, il Q90R ha un equilibrio leggermente più fresco e neutro, senza perdita di pugno o vivacità. La tonalità rosea del Q9FN allontana occasionalmente lo sguardo, ma con il Q90R si ottiene tutto il dinamismo dell’immagine e un maggiore senso di realismo.

Guardando l’apertura di “Guardians Of The Galaxy Vol.2” il Q9FN i campi sembrano bruciati dal sole e le nuvole un po’ rosa. I campi del Q90 sono un po’ più naturali e organici, e le nuvole sono più pure. Quando l’inquadratura vira sul protagonista nella Ford Mustang, i miglioramenti del bilanciamento dei colori diventano più chiari, con il leggero rossore dei volti del Q9FN che viene abbattuto senza che i toni della pelle diventino innaturalmente pallidi.

Lo stesso valle per i pianeti Sovrano. L’oro sulla loro superficie è altrettanto brillante, ma evita la leggera sfumatura arancione del Q9FN. C’è anche una maggiore definizione del bordo, e un po’ più di dinamismo al contrasto, con gli elementi luminosi e scuri del pianeta più pronunciati e drammatici. Il pianeta sembra più solido e tridimensionale.

Il nuovo processore Quantum 4K condivide molti degli attributi del processore Quantum 8K, introdotto con la gamma Q900R, compreso il suo approccio basato sull’IA per rendere l’upscaling, che utilizza un vasto e crescente database di immagini per creare un algoritmo più accurato. Tutto questo si traduce in immagini più nitide e più chiare da contenuti non 4K. È più ovvio quando si visualizzano contenuti in formato standard, che è sorprendentemente scorrevole e privo di artificialità.

Purtroppo, l’unico aspetto delle prestazioni che Samsung ha apparentemente scelto di non migliorare è l’elaborazione del movimento. Il Q9FN non era male, ma era al di sotto di ciò che la maggior parte dei televisori Sony è in grado di fare e la storia si ripete con il Q90R. La modalità Auto produce immagini terribilmente eccessivamente elaborate, mentre l’impostazione Personalizzata, che consente di modificare individualmente la riduzione della sfocatura e la riduzione del judder, è ancora a corto dell’equilibrio privo di artefatti, nitido e fluido che stiamo cercando.

Naturalmente, è possibile disattivare completamente l’elaborazione del movimento, ma apprezziamo la leggera levigatura e nitidezza delle impostazioni predefinite della modalità Custom, anche se occasionalmente viene tradito da movimenti molto difficili da gestire.

Parlando di impostazioni, c’è misericordiosamente poco da cambiare per ottenere le prestazioni migliori. Per l’HDR, è necessario selezionare il preset Standard, scegliere il grado di elaborazione del movimento preferito e disattivare “Digital Clean View”, mentre per tutti gli altri contenuti si consiglia di attenersi sempre a Standard, settare “Oscuramento locale” ad “Alto”, diminuire la “Luminosità” di un punto e la “Nitidezza” di cinque.

Suono

Suono

La parte sonora della modalità intelligente è divisa in due parti:

  1. “Adaptive Sound”, che ottimizza il suono in base alle dimensioni della stanza, alla posizione del televisore e alle caratteristiche di ogni scena;
  2. e Adaptive Volume, che regola automaticamente il volume in base ai modelli di utilizzo e all’input audio.

Consigliamo di spegnere “Adaptive Volume”, ma riteniamo che “Adaptive Sound” sia utile. È simile alla modalità Audio ottimizzata dello scorso anno, che ha aggiunto maggiore forza, apertura e dinamica, ma va oltre adattandosi in tempo reale a ciò che viene suonato e analizzando l’acustica della tua stanza. Il risultato finale è un suono pulito e aperto, in particolare per un televisore con altoparlanti più o meno invisibili.

Ma il Q9FN dell’anno scorso suonava un po’ più diretto e immediato, e nessun TV raggiunge i TV con premium audio come l’AF9 di Sony, l’OLED903 B&W di Philips o il FZ952 di Panasonic.

Samsung ribatte contro i modelli di Philips e Panasonic che hanno una soundbar integrata, che se uno desidera un suono migliore dal Q90R è possibile aggiungere la soundbar che preferisce, spazio per la quale è incorporato nel design. È un argomento ragionevole, ma ci sono un sacco di persone che vogliono un TV che suona alla grande, senza il fastidio di un dispositivo separato.

Il telaio del TV stesso è in gran parte invariato rispetto al Q9FN dello scorso anno. La lunetta metallica è un po’ meno opaca, ma per il resto rimane uguale. Con 4cm di spessore non lo chiami sottile, soprattutto se paragonato agli OLED, ma il Q90R sembra sgargiante lo stesso.

La differenza di design tra esso e il Q9FN è il supporto: il vecchio piedistallo è stato sostituito da un unico supporto in metallo curvato che dà al televisore l’aria di un grande Apple iMac. Il nuovo supporto, che solleva il TV di qualche centimetro in più rispetto al modello dello scorso anno, appare leggermente imbarazzante ma presenta vantaggi pratici come ingombro ridotto e spazio per una soundbar.

C’è un solo ingresso sul retro del televisore per il cavo sottile e in gran parte trasparente che corre tra esso e la scatola OneConect, che gestisce non solo tutti gli ingressi e le uscite, ma anche l’alimentazione. È una soluzione così ordinata che siamo stupiti che altri produttori non l’abbiano ancora copiata.

Caratteristiche

Caratteristiche

In termini di connessioni fisiche, il Q90R ha una selezione tipica di quattro HDMI, tre USB, Ethernet, antenna, e uscita ottica. Gli HDMI non sono ufficialmente certificati 2.1, ma Samsung offre funzionalità avanzate in stile 2.1 come la frequenza di aggiornamento variabile.

Il sistema operativo di Samsung è già uno dei migliori in circolazione: veloce, fluido e intuitivo, e si sta specializzando per ottenere ciò che si desidera guardare il più rapidamente possibile. La selezione di app non è seconda a nessuno. Netflix e Amazon sono ovviamente presenti nelle loro forme 4K HDR (quest’ultimo in HDR10+), così come Google Play Film & TV.

La grande notizia è che anche l’app iTunes di Apple è in arrivo, portando la più grande e migliore selezione di film 4K HDR in giro.

Il Q90R presenta anche la seconda generazione della modalità Ambient di Samsung, progettata per sfruttare il televisore anche quando non viene utilizzato per la visione di film e spettacoli TV. Il televisore si fonde con la parete su cui è montato, oppure, in alternativa è possibile scegliere tra 50 “screensaver”, tra cui petali che cadono sul display o sagome di foglie che soffiano nel vento.

È persino possibile utilizzare i nuovi televisori QLED come sorgente luminosa. È possibile scegliere l’illuminazione romantica o la modalità festa. Pensiamo comunque che tu abbia molta più probabilità di utilizzare Ambient 2.0 per visualizzare le tue foto.

Tornando alle cose serie dei formati HDR, il Q90R supporta HDR10, HLG e, naturalmente, HDR10+.

Verdetto

Il Samsung Q90R QLED (Vedi su Amazon.it) è un televisore eccezionale che fa cose precedentemente considerate vantaggi intrinseci di OLED.

Il Q90 è un televisore retroilluminato che diventa nero quasi come un OLED e ha angoli di visione da OLED, pur mantenendo il proprio vantaggio di una maggiore luminosità. Vanta anche colori brillanti ed eccellenti dettagli scuri, per non parlare del favoloso sistema operativo ricco di app.

Potrebbe essere questo il miglior TV del 2019? È troppo presto per dirlo, ma una cosa è certa: i rivali di Samsung dovranno faticare per battere il Q90R.

Leggi anche: MIGLIORI TELEVISORI

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Facebook e Twitter.
RASSEGNA PANORAMICA
Immagine
Suono
Caratteristiche
FONTEWhat Hi-Fi?
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Facebook e Twitter. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi