Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Pro

  • Sensore HERO
  • Design confortevole ed ergonomico
  • Pulsanti e impostazioni CPI programmabili

Contro

  • Niente RGB
  • Rotella del mouse troppo fine
  • Leggermente stretto per mani più grandi

Prima del 1999, non c’erano mouse da gioco; prima del 2005, i mouse da gioco erano un concetto di nicchia. Di conseguenza, durante il boom dei giochi per PC nei primi anni 2000, se volevi precisione e controllo, la soluzione migliore era un mouse di alta qualità. Il Logitech MX518 (EUR 145,00) ha debuttato nel 2005 ed è stato recentemente rilanciato nell’edizione “Leggendaria”.

Negli ultimi 14 anni, il MX518 è diventato qualcosa di un oggetto da collezione. Logitech ha probabilmente prodotto migliori mouse da gioco da allora, ma c’è qualcosa di innegabilmente attraente in questo vecchio mouse argento e nero, che è tutto curvo piuttosto che angolare come i moderni mouse di gioco.

Alcune differenze chiave

Logitech MX518 Legendary gaming mouse Review | WASD

Se hai mai usato il MX518 originale, allora hai una buona idea di cosa aspettarti. Il mouse ha esattamente la stessa forma e si sente estremamente vicino all’originale, se solo un po’ più leggero.

Non sorprende che il MX518 Legendary (Vedi su Amazon.it) si senta come un mouse di un’epoca precedente. Evita gli angoli acuti e le linee rette che si trovano su mouse come il G502 di Logitech, e invece opta per curve aggraziate e bordi arrotondati. I pulsanti sinistro e destro si fondono perfettamente con il poggia polsi in un unico guscio lucido, e la finitura in gomma sulla rotellina del mouse è liscia piuttosto che scanalata, che sicuramente è vecchia scuola. I pulsanti DPI sono posizionati sopra e sotto la rotellina del mouse, il che è comodo e più facile che avere un solo pulsante per scorrere tra i preset quando è necessario effettuare una regolazione. C’è anche un pulsante che passa attraverso i cinque profili a bordo del mouse.

I lati del nuovo MX518 sono scanalati per sostenere una presa destrorsa. Sono in plastica opaca senza finitura gommata e il lato sinistro ha un piccolo labbro per sostenere il pollice. Funziona bene, ma ho trovato questo mouse più scivoloso di quanto mi piacerebbe. Sul lato sinistro ci sono altri due pulsanti, Avanti e Indietro per la navigazione web ma, come tutti i pulsanti, sono anch’essi programmabili.

Capovolgendo il mouse, ho trovato solo tre piedini scorrevoli e un anello in teflon attorno al sensore ottico per consentire al mouse di viaggiare senza problemi su più superfici. Nei miei test, il mouse ha scivolato bene sia su morbidi che duri tappetini per mouse, così come sulla mia scrivania in legno.

Il mouse si sente molto naturale nella mia mano e mi è piaciuto molto il piccolo supporto che il mouse ha dato al pollice. Con cinque pollici di lunghezza e tre pollici di larghezza, si sente benissimo sia per l’impugnatura a palmo sia per quella ad artiglio. I giocatori che usano una presa a punta delle dita possono trovare il MX518 un po’ troppo grosso, ma pesando soli 101 grammi è facile da usare indipendentemente dallo stile di presa che preferisci. Il Leggendario è solo cinque grammi più leggero dell’originale MX518 ma rispetto al mio mouse Corsair Scimitar (EUR 80,58) (sono un avido giocatore di MMO) da 147g, sembra decisamente una piuma.

Se tutto questo sembra molto basico, è perché lo è. Il MX518 Legendary è un mouse senza fronzoli. Non ci sono lucine RGB e nessuna connettività wireless, e le cose importanti sono quelle sotto il cofano. Gli interruttori Omron, ad esempio, ora hanno una durata di 20 milioni di clic.

Il più grande aggiornamento però viene fornito con l’aggiunta del nuovo sensore HERO. È l’ultima iterazione, il HERO16K, ed è lo stesso sensore utilizzato nei mouse eSport di prima generazione come il G PRO Wireless (EUR 134,00) e il G502 (EUR 58,93). È un sensore ad alta fedeltà, capace di sensibilità da 100 a 16.000 CPI. Anche se è improbabile che la maggior parte dei giocatori utilizzino una sensibilità così elevata, è in grado di fornire un tracciamento accurato e non usa l’accelerazione o lo snap angolare.

Se hai utilizzato una periferica Logitech G nell’ultimo anno, ti sentirai a casa quando programmerai il MX518 Legendary. All’interno del Hub G, puoi rimappare uno qualsiasi degli otto pulsanti del mouse, assegnare macro e scorciatoie e regolare le impostazioni DPI. Grazie a una modesta quantità di memoria integrata, le impostazioni possono essere salvate su uno qualsiasi dei cinque profili del mouse e possono essere selezionate al volo. Puoi anche impostare G Hub da attivare automaticamente il profilo adatto appena avvii un determinato gioco, che è una caratteristica utile per assicurarsi che i mapping personalizzati siano sempre giusti e liberarti il pulsante del profilo per essere rimappato a un’altra funzione.

I classici

I classici

Dal momento che la serie MX ha goduto di enorme popolarità dal 2002 al 2005, ho pensato che il miglior test delle capacità del nuovo MX518 sarebbe stato vedere se poteva ancora gestire alcuni dei giochi più popolari di quel periodo. Dopotutto, se Logitech vuole un’estetica retrò e un pubblico retrò, la periferica dovrebbe essere in grado di gestire alcuni titoli retrò.

Nel 2002, Blizzard ha pubblicato Warcraft III: Reign of Chaos, che avrebbe già dovuto aver un sequel. Questo epico RTS ha posto le basi per World of Warcraft e le sue innumerevoli espansioni creando personaggi leggendari come Thrall, Arthas Menethil, Sylvanas Windrunner e Illidan Stormrage. Il MX518 ha fatto un ottimo lavoro a ordinare il mio esercito di Orchi intorno alla mappa.

Il nostro viaggio nel passato continua nel 2003, quando Max Payne 2: The Fall of Max Payne ha conquistato il titolo di miglior sparatutto in terza persona. Pochi giochi sono così eleganti come la serie Max Payne, e la seconda puntata è stata probabilmente il suo miglior mix di stile, sostanza e storia. Questo gioco mi ha permesso di testare la precisione del MX518. Gli appassionati del genere possono stare tranquilli: il sensore HERO è accurato e reattivo.

Passiamo poi al 2004, e la serie Far Cry che ha debuttato quell’anno. Armato di un arsenale di armi e di una camicia hawaiana davvero atroce, Jack Carver ha dovuto abbattere una serie di scagnozzi e mutanti in un paradiso del Sud Pacifico andato male. Dal momento che Far Cry è uno sparatutto in prima persona, mirare con precisione è la cosa più importante, ed è qui che i tre pulsanti DPI dell’MX518 sono stati davvero utili: il tasto DPI SU è posizionato davanti alla rotellina, quello DPI GIÙ sotto la rotellina e quello DPI (funziona in modo simile al pulsante da cecchino sui mouse più recenti) ancora più indietro. Per gli standard moderni, il design è un po’ stravagante, ma nei primi anni 2000, essere in grado di cambiare DPI al volo era quasi inaudito.

Infine, il 2005 ci ha portato il Star Wars: Knights of the Old Republic II: The Sith Lords. Dato che il gioco è un RPG in cui puoi mettere in pausa ed emettere ordini in qualsiasi momento, la reattività non è così importante, ma i pulsanti programmabili lo sono, in modo da poter avere abilità speciali a portata di mano.

E quelli moderni

Solo per assicurarmi che il MX518 funzioni bene anche con i giochi moderni, ho giocato un po’ a Destiny 2, Overwatch, StarCraft: Remastered (anche se tecnicamente questo potrebbe essere ancora più retrò rispetto agli altri giochi che ho provato) e alcuni altri. Il MX518 ha funzionato molto bene, rendendolo una scelta perfetta per chiunque sia sul mercato per un nuovo mouse da gioco, nostalgico o meno.

Il Verdetto

La risurrezione da parte di Logitech del classico MX518 sbarca sul lato dell’eccellenza. Prendere un vecchio mouse, il preferito dai fan, e implementare in esso tecnologia più recente ha creato una vera legenda. Come mouse da gioco, è una buona scelta per qualcuno che vuole diventare più serio. Per quelli più vecchi tra noi, è un meraviglioso ritorno a tempi decisamente più semplici. Se vuoi un mouse compatto o stai cercando un mouse per mancini, questo potrebbe non essere adatto a te, ma la sua sensazione leggera e confortevole combinata con gli interni di precisione non ha eguali per Vedi su Amazon.it. Ed è un ottimo mouse da ufficio, come era destinato ad essere vent’anni fa.

Leggi anche: MOUSE DA GIOCO

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Facebook e Twitter.
RASSEGNA PANORAMICA
PUNTEGGIO
9
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Facebook e Twitter. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi