Sony Cyber-Shot DSC-RX100 recensione approfondita

0
124
Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Ideale per

  • gli appassionati alla ricerca di una fotocamera portatile
  • Aspiranti fotografi che non vogliono il costo e la maggior parte delle lenti intercambiabili

Non così buona per

  • lavoro in condizioni di scarsa illuminazione (rispetto a una fotocamera con grande sensore) o per scattare foto a velocità rapida

La Sony Cyber-shot DSC-RX100 (EUR 301,00) è una fotocamera compatta basata su un sensore CMOS da 20MP e grande 1″. Dispone di una lente stabilizzata F1.8-4.9 equivalente a 28-100mm con rivestimento Zeiss T* per ridurre al minimo la riflessione interna. Anche il resto delle sue specifiche è abbastanza impressionante – un 3.0″ LCD a risoluzione VGA ma utilizzando la tecnologia WhiteMagic di Sony per offrire una maggiore luminosità o una migliore durata della batteria, e 1080p60 video o 1080i con la possibilità di scattare un fermo da 17MP senza interrompere la registrazione di filmati. La fotocamera può anche vantare (secondo i test CIPA) 330 scatti con una sola carica.

Nonostante la disponibilità di fotocamere mirrorless relativamente piccole a grandi sensori (e a prezzi sempre più bassi), la maggior parte dei grandi nomi del settore ora offrono modelli per attirare le persone che sono al proprio agio con una DSLR ma vogliono qualcosa di più facile da portare in giro. La RX100 è qualcosa di più serio.

Una piccola fotocamera con un grande sensore

Un sensore da 1” è due volte più grande del sensore della Fujifilm X10 (Non disponibile) e 2,7 volte più grande rispetto alla maggior parte del resto delle fotocamere in questa classe. L’unica fotocamera paragonabile che offre un sensore più grande è la Canon G1 X (Non disponibile), che offre un’impressionante qualità d’immagine, ma con uno stile più ingombrante e le dimensioni simili a una DSLR.

Nonostante il grande sensore, la RX100 è ancora tascabile. Non è la fotocamera compatta più piccola sul mercato, ma si adatta al taschino di una giacca, rendendola una vera e propria seconda fotocamera per i possessori di DSLR. In linea di principio, almeno, la RX100 non dovrebbe presentare lo stesso compromesso di qualità dell’immagine delle altre fotocamere compatte esistenti oggi.

Scatti da appassionati

L’interfaccia utente di RX100 rende molto chiaro che Sony si è concentrata sulla realizzazione di una fotocamera che soddisferà gli appassionati. La differenza tra questa e le interfacce sui modelli Nikon 1 non potrebbe essere più marcata. La RX100 non ha tanti comandi manuali, ma l’ormai banale ghiera di controllo che circonda le lenti è fondamentale per la sua usabilità. Aggiungi a questa un menu di funzioni personalizzabile – che consente di specificare a quali impostazioni si desidera accedere rapidamente e in quale ordine – e si dispone di una fotocamera compatta ma molto controllabile. Il modo in cui Sony ha fatto tutto questo ricorda l’interfaccia di controllo Ricoh (probabilmente ancora la nostra preferita).

Chiaramente Sony crede che ci sia un pubblico esperto di fotografia che vuole una seconda fotocamera senza dover aver a che fare con un’interfaccia utente semplicistica o investire in un secondo sistema di lenti. È abbastanza chiaro che spera anche che molti appassionati di fotografia vogliono una fotocamera piccola e di alta qualità, ma riconoscono che la maggior parte che acquista una con obiettivo intercambiabile alla fine non cambia mai obiettivo.

Corpo & Design

Corpo & Design

La Sony Cyber-shot RX100 è una fotocamera compatta relativamente convenzionale in termini di stile e layout di controllo. In termini di dimensioni, è a metà tra la Canon PowerShot S100 (Non disponibile) e la Fujifilm X10, ma ha una più forte somiglianza fisica con la prima. Come l’S100, la RX100 presenta un design a doppio quadrante di controllo, con un quadrante sul retro che raddoppia come un controller a quattro vie e un anello di controllo attorno al barile dell’obiettivo sulla parte anteriore della fotocamera. A differenza della S100 (e dell’Olympus XZ-1), l’anello di controllo è a rotazione libera e non dispone di fermi a scatto.

Display WhiteMagic

La RX100 è la prima fotocamera di Sony ad utilizzare la tecnologia LCD’ WhiteMagic’ (sebbene Ricoh l’abbia già utilizzata nella sua GR Digital IV). Questa utilizza quattro punti per creare ogni pixel sul display, aggiungendo un punto nero a quelli esistenti di rosso, verde e blu. Di conseguenza, il display da 1,2M punti ha la stessa risoluzione di 640×480 pixel dei più comuni display da 920k punti, ma con la possibilità di offrire una maggiore luminosità. Questo può essere utilizzato in due modi: offre la stessa luminosità degli altri schermi, ma con circa la metà dello scarico della batteria, oppure può essere utilizzato per offrire il doppio della luminosità – che è particolarmente utile all’aperto su una fotocamera senza uno schermo inclinabile.

Intervallo di apertura

La RX100 offre un intervallo di apertura F1,8-4,9.

Come è comune nelle fotocamere compatte con obiettivi grandangolari (e molte fotocamere mirrorless), la correzione software della distorsione dell’obiettivo è una parte intrinseca del design. Questo è uno dei modi in cui Sony è stata in grado di offrire un obiettivo grandangolare di fronte a un sensore così grande, mantenendo l’intero pacchetto a dimensioni ragionevoli.

La maggior parte delle distorsioni viene automaticamente corretta nell’anteprima della fotocamera e nei suoi JPEG. Le correzioni vengono applicate quando i file Raw vengono elaborati con il software di Sony o con quelli di Adobe. Altri convertitori di terze parti, come DXo, offriranno le proprie correzioni. Poiché la correzione fa parte del design della fotocamera, si conclude che qualsiasi convertitore che non applica le correzioni non supporta completamente la fotocamera.

Interfaccia utente

Interfaccia utente

La RX100 è costruita intorno all’interfaccia utilizzata da Sony sulle sue fotocamere SLR e SLT. Questo è un buon punto di partenza perché, anche se non è necessariamente la migliore sul mercato, non è affatto male. E, ancora più importante, è stata sviluppata tenendo in mente gli alti livelli di interazione dell’utente. La RX100 presenta le modalità iAuto e Superior Auto che appaiono in tutte le altre fotocamere, il che significa che è una creatura molto capace anche in modalità Auto, ma offre anche una buona quantità di controllo diretto.

Le manopole di controllo sul retro della fotocamera e intorno all’obiettivo sono i punti di controllo primari, con altre quattro funzioni principali assegnate ai punti cardinali sul controller a quattro vie. Premendo il pulsante “DISP” si passa attraverso le opzioni di visualizzazione, tra cui un istogramma dal vivo e un utilissimo indicatore di livello elettronico a doppio asse.

Tuttavia, è il menu Fn di RX100 che si distingue in questa classe. La fotocamera consente di selezionare fino a sette opzioni, in qualsiasi ordine desiderato, che appaiono nella parte inferiore dello schermo quando si preme il pulsante Fn. Ciò consente un rapido accesso alle impostazioni che ti ritrovi regolarmente a cambiare.

Pulsante funzione

Fino a 7 funzioni possono essere assegnate al pulsante Fn posteriore della RX100 attraverso il sistema di menu principale. Una volta assegnate, queste funzioni appaiono in un semplice sottomenu da sinistra a destra quando viene premuto il tasto Fn, e l’opzione attiva può essere regolata utilizzando la ghiera di controllo posteriore della fotocamera.

Una gamma simile di funzioni può essere assegnata al pulsante sinistro e verso il basso del controller a quattro vie. Inoltre, queste opzioni ottengono una ‘Memoria’ e’ Auto Portrait Framing’, oltre alle tre funzioni che possono essere assegnate al pulsante centrale:

  • AEL Toggle
  • AF/MF Control Toggle
  • Focus Magnifier

Anello di controllo

Come la Canon PowerShot S100, la RX100 presenta un sottile anello di controllo intorno al suo barilotto dell’obiettivo. Una delle otto funzioni può essere assegnata a questo anello se si sovrascrive l’impostazione predefinita, ma ruota senza intoppi e senza fermi.

Questa rotazione fluida è perfetta se si sceglie di usarlo come zoom del obiettivo, per esempio, ma nella nostra esperienza l’assenza di qualsiasi feedback tattile può rendere la modifica delle opzioni più discrete, come ISO e compensazione dell’esposizione, un po’ disorientante. È interessante notare che, con la RX100 in modalità messa a fuoco manuale, la funzione predefinita dell’anello di controllo si imposta come regolazione della messa a fuoco, sovrascrivendo qualsiasi opzione tu possa avergli assegnato.

Funzioni che possono essere assegnate a Control Ring

  1. Standard (l’impostazione scelta da Sony, in base alla modalità di esposizione)
  2. Compensazione esposizione
  3. ISO
  4. White Balance
  5. Stile creativo
  6. Effetto immagine
  7. Zoom
  8. Velocità dell’otturatore
  9. Apertura
  10. Non impostata (nessuna funzione assegnata)

iAuto+ Mode

Come tutte le fotocamere Sony recenti, la RX100 include la modalità Superior Auto (iAuto+) dell’azienda. Questa fa uso delle molte modalità di scena della fotocamera, ma utilizza anche le modalità multi-shot HDR e riduzione del rumore, se ritiene che la scena lo richieda. Quindi, nonostante l’ampio livello di controllo dell’utente, la RX100 può essere utilizzata anche per puntare e scattare.

Handling

Handling

Il corpo in alluminio della RX100 è solido e pesante in modo rassicurante, e anche se manca di una presa anteriore, un “back stop” in gomma testurizzata sul retro della fotocamera significa che non dovrebbe scivolare dalla mano. Quelli con dita più grandi possono trovare i pulsanti sul retro della fotocamera un po’ piccoli e difficili da distinguere, ma il leggero incavo intorno a ciascuno significa che sono difficili da premere accidentalmente.

In mano

La RX100 è una piccola fotocamera solida e ben costruita e nonostante il suo sensore da 1” si gestisce più o meno allo stesso modo di una tipica fotocamera compatta di fascia alta. Quando la fotocamera è spenta, si inserisce comodamente nella tasca della giacca o dei pantaloni e anche con l’obiettivo esteso, la RX100 rimane piccola e ben bilanciata.

Molte delle nostre impressioni iniziali della RX100 sono state rinforzate durante il nostro tempo con la fotocamera. Di gran lunga il suo problema più evidente è la mancanza di click-stop sulla rotella di controllo. Questo può essere un vantaggio quando si modifica una delle impostazioni come zoom o messa a fuoco. Tuttavia, per impostazioni quali diaframma, velocità dell’otturatore o compensazione dell’esposizione, la mancanza di un feedback tattile ha l’effetto di allontanarti dall’esperienza di ripresa. A meno che non accendi i suoni della fotocamera, riceverai solo un feedback visivo che qualcosa è cambiato, e per noi questo non era abbastanza per darci l’impressione di aver regolato un’impostazione.

E’ anche frustrante che, nonostante il livello relativamente alto di personalizzazione della fotocamera, non sia possibile modificare la funzione della ghiera di controllo posteriore. A impostazioni predefinite, imita semplicemente la funzione dell’anello di controllo anteriore, sprecando uno dei quadranti.

L’altra frustrazione è la velocità massima dell’otturatore abbastanza limitata. 1/2000 di secondo e ISO 125 significa che l’apertura più luminosa della fotocamera F1.8 può essere utilizzata solo in condizioni di scarsa illuminazione.

Sì il menu è piuttosto lungo, ma è un prezzo che siamo felici di pagare per ottenere un buon livello di personalizzazione. La RX100 è l’unica Sony che consente di definire la gamma Auto ISO, ad esempio. I display, i controlli e le funzioni video danno tutti un sacco di spazio per la configurazione, ma non hanno bisogno di essere cambiati molto spesso. Imposta il pulsante funzione per includere le funzioni più utilizzate e raramente dovrai immergerti nel menu principale.

Video

Il video è uno dei veri punti di forza della RX100. Gli aspiranti cineasti non saranno spazzati via dal bitrate del filmato, ma per tutti tranne l’utente più esigente, le specifiche sono molto buone. I video possono essere catturati in 1080p60 o 1080i60, con una scelta di P, A, S o M delle modalità di esposizione.

La fotocamera offre la scelta di AF continuo o messa a fuoco manuale durante la registrazione di filmati e consente di zoomare mentre si scatta. La stabilizzazione dell’immagine SteadyShot della fotocamera è disponibile anche durante le riprese, il che significa che puoi scattare senza un treppiede. Ci sono due modalità – Standard e Attiva – che compensano diverse quantità di movimento. La modalità standard compenserà felicemente un po’ di tremolio di mano, mentre la modalità Attiva cercherà di affrontare movimenti di ampiezza maggiore, come scattare mentre si cammina. Così facendo ritaglia leggermente il filmato video, per dare alla fotocamera più area da cui prendere il filmato.

C’è anche la possibilità, quando si riprendono video interlacciati, di catturare immagini da 17MP (immagini 16:9 a piena risoluzione) senza interrompere il filmato. Aggiungi a questo l’aiuto di messa a fuoco “focus peaking” che Sony ha incluso nelle sue fotocamere Alpha e hai un dispositivo video molto capace. L’unica cosa che manca davvero è un ingresso per microfono esterno ma, a parte questo, questa è la migliore fotocamera per video della sua classe.

Qualità video e funzionamento

Il video della RX100 è molto impressionante, soprattutto quando ti rendi conto che stai lavorando con una fotocamera così piccola. Come per le foto, non offre molto controllo sulla profondità di campo, ma la gamma dell’obiettivo è piuttosto flessibile e c’è un sacco di controllo manuale. Il filmato stesso è chiaro e dettagliato, specialmente in modalità 1080p. Anche il video interlacciato è molto buono, ma potrebbe rivelarsi un po’ più complicato a editare. Poiché è catturato come vero filmato interlacciato (ogni campo viene catturato 1/60 di secondo a parte, piuttosto che essere entrambi catturati insieme, 30 volte al secondo, come fanno la maggior parte delle fotocamere), dà un’impressione di movimento più fluido ma è un po’ più difficile da de-interlacciare se si desidera riprodurlo su un computer.

La RX100 tenterà di utilizzare lo zoom digitale quando si raggiunge l’estensione completa della portata dell’obiettivo, ma si consiglia vivamente di non farlo. Non solo la qualità dell’immagine soffre drammaticamente, ma anche la velocità di zoom cambia. Di conseguenza, si rischia di avere un video in cui si zooma lentamente, si arresta per un attimo quando lo zoom ottico si esaurisce, e dopo inizia a zoomare molto più velocemente, con l’immagine che improvvisamente diventa sfocata. È difficile immaginare uno scenario in cui tutto questo non sembrerà terribile, ed è un peccato che l’opzione non possa essere disattivata.

In funzione, la RX100 offre un buon grado di controllo. Può usare l’autofocus ma i migliori risultati si ottengono mediante la messa a fuoco manuale. Se sei disposto a farlo, la RX100 fornisce due strumenti chiave: il picco di messa a fuoco (che evidenzia le regioni ad alto contrasto/in-focus, per guidare la tua messa a fuoco) e l’anello di controllo ampio e fluido per la messa a fuoco manuale. Mentre la mancanza di clic è controproducente nella ripresa di immagini fisse, è tuttavia un bonus per le riprese video.

Purtroppo, la RX100 eredita le stranezze di riproduzione piuttosto frustranti da altri modelli di Sony – la riproduzione di film è separata dalla riproduzione di immagini fisse, e insiste sulla riproduzione di una clip dopo l’altra. Questo rende la revisione dei filmati o il tentativo di eliminare quelli indesiderati molto più confusa e richiede più tempo di quanto dovrebbe. E, mentre una di queste irritazioni deriva dalla necessità di archiviare i filmati MP4 e AVCHD in cartelle separate sulla scheda di memoria, la riproduzione continua è puramente una scelta di Sony.

Qualità dell’immagine

Flash

La RX100 include un piccolo flash incorporato che si aprirà ogni volta che si attiva la modalità flash.

Rispetto a un piccolo sensore compatto

La RX100 potrebbe sembrare una tipica fotocamera compatta a sensore piccolo, ma in teoria, il sensore da 1″ dovrebbe essere più capace quando si tratta di qualità dell’immagine.

L’elaborazione della RX100 non è perfetta: sembra che si stia applicando una riduzione del rumore e quindi i risultati siano più nitidi, ma l’effetto complessivo è molto più piacevole, realistico e dettagliato. Anche a basse ISO il sensore più grande sta semplicemente catturando un’immagine più pulita, il che significa che c’è meno bisogno di elaborarla eccessivamente.

ISO 3200

Nelle riprese a scarsa illuminazione, l’ampio vantaggio del sensore della RX100 si mostra molto chiaramente – sia attraverso la più bassa profondità di campo sia con un rendering meno rumoroso. Avere la modalità Raw sulla RX100 significa che è possibile ottenere una qualità dell’immagine leggermente migliore di quella possibile da JPEG.

Automatic CA/Fringing Correction

L’Automatic Fringing/CA Correction in JPEG sta rapidamente diventando una caratteristica standard nelle fotocamere compatte in questi giorni, e la RX100 non fa eccezione. In modalità JPEG quasi tutte le frange vengono rimosse automaticamente. In Raw, ai bordi estremi, ci sono piccoli accenni di frange colorate ma sono estremamente ben controllate, anche all’estremità grandangolare dell’obiettivo.

Modalità Raw

La cosa impressionante della RX100 non è tanto che può scattare Raw, ma che può farlo molto rapidamente.

Il motore JPEG della fotocamera in genere fa un buon lavoro. Non siamo stati grandi fan dell’approccio di Sony in passato, poiché la sua affilatura piuttosto pesante può travolgere i dettagli molto sottili. Tuttavia, con il sensore da 20MP con cui la RX100 è equipaggiata, qualsiasi dettaglio perduto è molto, molto fine nel mondo reale – le texture che vorresti mostrare, come l’erba, sono spesso catturate su abbastanza pixel che l’elaborazione fa un buon lavoro nel trasmetterle in modo convincente.

Come tale non c’è motivo per scavare più dettagli convertendo da Raw. Detto questo, la capacità di mettere a punto l’affilatura in base al soggetto è sempre utile.

Riduzione del rumore

Oltre ad essere in grado di sintonizzare meglio la nitidezza sull’immagine specifica, la ripresa in Raw fornisce un mezzo per adattare il livello di riduzione del rumore all’immagine scattata. In generale, la RX100 fa un buon lavoro nell’utilizzare un’adeguata quantità di riduzione del rumore ad ogni impostazione ISO, ma ovviamente non può adattarlo al soggetto. La conversione predefinita di Adobe Camera Raw sarà efficace per rimuovere il rumore di colore (crominanza), ma non tocca il rumore di luminanza. In questo modo è facile aumentare la quantità di riduzione del rumore che si desidera applicare, fino a raggiungere un equilibrio di soppressione del rumore e dettagli che si è soddisfatti.

Color channel clipping

La passione di Sony per i JPEG luminosi significa l’occasionale sovraesposizione del canale rosso. La conversione da Raw offre molto più spazio per correggere questa sovraesposizione (poiché i file hanno ancora tutti i dati disponibili – piuttosto che aver fissato i livelli di ciascun canale, l’uno rispetto all’altro). Risultati ancora migliori sarebbero possibili con l’editing selettivo, ma un leggero spostamento di toni rossi lontano dal magenta è sufficiente per dare un’immagine molto più convincente.

Qualità complessiva dell’immagine

In generale, la qualità dell’immagine della RX100 è molto impressionante. Cattura un sacco di dettagli, gli presenta bene e continua a farlo abbastanza bene anche quando la luce inizia a sparire. Non c’è molto più dettaglio da scoprire nelle riprese in Raw – i principali vantaggi derivano dal controllo più preciso che ottieni sulla riduzione del rumore e dalla possibilità di estrarre ulteriori dettagli dalle regioni ombra (anche se DRO lo fa bene).

L’esposizione della RX100 tende verso l’estremità più luminosa della scala, il che significa che c’è un leggero rischio di perdere i dettagli evidenziati. Vale la pena tenere d’occhio l’istogramma o riportare indietro la compensazione dell’esposizione di 0,3EV, se sei preoccupato per queste cose. Anche il bilanciamento dei bianchi di Sony sembra virare sul lato freddo. Può essere abbastanza preciso, ma abbiamo trovato che una sintonizzazione fine verso l’estremità ambra della scala dà immagini più piacevoli nella maggior parte dei casi.

L’elaborazione delle immagini è generalmente abbastanza buona – c’è un leggero suggerimento che le immagini stanno avendo una buona quantità di riduzione del rumore e vengono quindi affilate di nuovo, ma c’è ancora una sorprendente quantità di dettagli sottili da trovare. I risultati sono piacevolmente non da fotocamera compatta.

Nel complesso, tuttavia, la RX100 ha prestazioni impressionanti e, con 20MP, fornisce molta flessibilità, indipendentemente da ciò che si intende fare con le immagini.

Caratteristiche

Nonostante le dimensioni ridotte, la RX100 include tutte le funzionalità che Sony ha messo nelle sue recenti fotocamere a obiettivo intercambiabile. Questo include HDR, Sweep Panorama e modalità di riduzione del rumore multi-shot per lavorare in condizioni di scarsa illuminazione. Molte di queste sono modalità che abbiamo visto e discusso in precedenza, ma sono abbastanza interessanti da valere la pena dare un’altra occhiata.

Sweep Panorama

Sweep Panorama è stato un pilastro di Sony per un po’ di tempo ed è stato molto copiato da altri produttori. L’implementazione di Sony rimane la migliore che abbiamo visto, con la fotocamera che fa un ottimo lavoro di cucire le immagini insieme.

Poiché sta scattando una sequenza di immagini, qualsiasi oggetto che si muove attraverso la scena rischia di apparire più volte o essere allungato o compresso, a seconda di come si muove rispetto alla fotocamera. La ripresa di scene bagnate da una sorgente luminosa può produrre risultati interessanti.

Complessivamente, tuttavia, il sistema è relativamente flessibile, anche se sarebbe bello non dover scavare nel menu principale per giocare con le impostazioni. Sei però limitato dalla fotocamera che funziona alla sua lunghezza focale grandangolare, il che è un peccato.

Non è lo stesso come scattare scrupolosamente un panorama con una DSLR e un treppiede, ma significa che puoi catturare la stessa foto panoramica senza dover portare un treppiede in giro o far aspettare i tuoi compagni di escursionismo mentre tu ti prepari a scattare. Nel complesso è una caratteristica che ci piace, ben fatto.

Dynamic Range Optimization

Il principale mezzo di RX100 per sfruttare al meglio la sua gamma dinamica è il’ Dynamic Range Optimizer’ di Sony, questo non fa nulla per catturare una maggiore gamma di toni, ma illumina selettivamente le regioni d’ombra in modo che l’immagine finale sia più bilanciata. DRO può stare spento o essere impostato manualmente, o su Auto dove la fotocamera decide in base al contrasto nella scena.

Per una frazione di secondo dopo aver scattato ogni immagine, si può a visualizzarla senza DRO applicato, prima che lo schermo si aggiorna con l’elaborazione applicata. Nel complesso, Auto fa un buon lavoro nel creare immagini bilanciate con una vasta gamma di toni, ma senza compromettere il contrasto generale o che il rumore o la sua riduzione diventano problematici.

DRO può essere abilitato anche durante le riprese in Raw, anche se non influisce sui dati Raw, quindi il suo effetto sarà visibile solo se si esegue il file Raw tramite il convertitore di Sony. Questa è una delle caratteristiche che ci fa desiderare che la RX100 avesse un’opzione di conversione Raw in-camera – essere in grado di impostare il livello di DRO dopo aver scattato un’immagine renderebbe molto più facile ottimizzare i propri scatti.

HDR

La RX100 è dotata anche di HDR a tre riprese di Sony, che utilizzerà tre diverse esposizioni per massimizzare la gamma di informazioni di luminosità che può acquisire, per poi fondere le esposizioni in un’unica immagine. Questa è una modalità solo JPEG che salva l’immagine a scatto singolo normalmente esposta, e la versione composita delle tre riprese.

Riduzione del rumore multi-shot

Un’altra caratteristica ora standard sulle Sony alimentate da CMOS è la riduzione del rumore multi-shot – una funzione che scatta sei immagini e poi le combina in un’unica immagine più pulita. Poiché il rumore si verifica in modo casuale, la combinazione di più scatti consente alla fotocamera di mostrare la media di tale rumore. Il sistema è abbastanza intelligente da utilizzare le informazioni del sistema di stabilizzazione dell’immagine in modo che utilizzi solo immagini relativamente non scosse e dello stesso soggetto.

I risultati sono piuttosto impressionanti. Come ci si può aspettare, nelle condizioni di scarsa illuminazione in cui si potrebbe desiderare di usarlo, il leggero movimento tra le immagini significa che i dettagli davvero sottili non sono perfettamente nitidi intorno ai bordi. Tuttavia, la foto è innegabilmente meno rumorosa della versione standard.

Il sistema di riduzione del rumore multi-scatto è alla base della modalità ‘Hand Held Twilight’, disponibile sia dalla posizione SCN sulla ghiera delle modalità che automaticamente, se la fotocamera lo ritiene necessario, in modalità Superior Auto. In entrambi i casi, utilizzerà il maggior numero possibile di scatti, ma ignorerà gli scatti con movimenti eccessivi (fotocamera scossa o soggetto in movimento), in modo che l’immagine finale non sia un disastro assoluto.

Clear Image Zoom

Clear Image Zoom è un’impostazione di zoom digitale basata su ciò che Sony chiama in modo incomprensibile ‘By Pixel Super Resolution’. L’idea è che valuta l’immagine a livello di pixel che poi confronta con un database di modelli, nel tentativo di aggiungere dettagli appropriati. Clear Image Zoom può essere abilitato o disabilitato nel menu e non è disponibile quando si scatta in Raw. Fondamentalmente raddoppia lo zoom delle fotocamere, portandolo a circa 200mm equivalente.

I risultati di Clear Image Zoom non sono male, e abbiamo scoperto che offre un leggero miglioramento e una maggiore comodità rispetto al tentativo di potenziare un’immagine Raw nella stessa misura.

Oltre a questo c’è un convenzionale zoom digitale, che può essere abilitato separatamente, che estende la portata della fotocamera a circa 400mm equivalente, ma i risultati sono piuttosto terribili.

Conclusioni

Pro

  • Eccellente qualità dell’immagine e solide prestazioni ISO
  • Caratteristiche e qualità del filmato leader di classe
  • Un buon grado di personalizzazione mette le impostazioni preferite a portata di mano
  • Funzionamento veloce, tra cui messa a fuoco e acquisizione Raw
  • Gamma flessibile dell’obiettivo (anche se uno zoom più luminoso sarebbe stato bello)
  • Eccellente gamma di funzioni aggiuntive (Sweep Panorama e Auto HDR in particolare)
  • Buona durata della batteria per questa classe di fotocamera
  • Ricarica tramite USB (con adattatore veloce) rende facile viaggiare leggero

Contro

  • La manopola di controllo senza clic contribuisce a un’esperienza di ripresa vaga e inattiva
  • La misurazione del flash è imprevedibile
  • La mancanza di filtro ND può limitare la possibilità di utilizzare ampie aperture
  • Schermo difficile da vedere al sole diretto, nonostante la tecnologia WhiteMagic
  • Nessuna opzione ufficiale per inserire i filtri sull’obiettivo (sono disponibili adattatori di terze parti)
  • La conversione Raw in-camera aggiungerebbe flessibilità
  • La riproduzione avviene in modo confusionale visto che i file sono separati in immagini fisse, MP4 e AVCHD
  • I rallentamenti quando si tenta di ingrandire in modalità di riproduzione è fastidiosa
  • La ricarica solo tramite USB rende imbarazzante utilizzare una batteria di scorta

Conclusione generale

La RX100 è una fotocamera emozionante – in parte perché rappresenta l’arrivo di un altro importante produttore nel mercato entusiasta, ma soprattutto perché è un pezzo spettacolare di ingegneria. In un certo senso questo rischia di essere la sua rovina – Sony ha fatto un grande lavoro nel montare un grande sensore in una piccola fotocamera e sarebbe facile per i disinformati trascurare la quasi magia che ha richiesto.

La RX100 potrebbe non sembrare radicalmente diversa da una recente serie Canon ‘S’ compatta – il cui equilibrio tra qualità dell’immagine e tascabilità l’hanno resa la fidanzatina della sua classe. Ma il sensore molto più grande di Sony significa che la supera in ogni misura. Con circa tre volte più spazio per raccogliere luce e un obiettivo con una gamma di F simili, la RX100 supera comodamente la piccola Canon.

Infatti, nonostante le apparenze, la RX100 ha più cose in comune con la G1 X di Canon rispetto a qualsiasi altra. In termini di zoom, la G1 X è l’unica fotocamera in grado di superare la RX100 per la qualità dell’immagine, ma è anche molto più grande, più costosa e molto più lenta sotto quasi tutti gli aspetti. È interessante notare che le uniche altre fotocamere come questa sono le fotocamere Nikon 1 System, ma non sono così piccole, non sono disponibili con un obiettivo così luminoso e semplicemente non sono state progettate per offrire lo stesso livello di controllo utente.

Qualità dell’immagine

Qualunque sia la nostra preoccupazione per la gestione, abbiamo pochissime preoccupazioni circa la qualità dell’immagine della RX100. Nella maggior parte delle situazioni, la fotocamera offre immagini che sono semplicemente migliori di quanto ci si aspetterebbe di solito da una fotocamera compatta. L’elaborazione JPEG non è particolarmente bella alla visualizzazione 1:1, ma con 20MP, c’è poca ragione per scattare così da vicino.

L’esposizione è abbastanza affidabile e le impostazioni predefinite dell’immagine consentono di raggiungere un buon equilibrio. Ci sono situazioni in cui i rossi possono sovraesporre, ma questi non sono frequenti e un po’ di attenta esposizione e post-elaborazione può salvare la maggior parte degli scatti. Abbiamo anche trovato il bilanciamento dei bianchi un po’ freddo per i nostri gusti (è abbastanza facile spingere verso Amber, se lo si desidera).

L’obiettivo della RX100 è molto veloce solo alla sua estremità grandangolare, il che significa che non c’è spazio reale per la fotografia a profondità di campo poco profonda. A questo si aggiunge la mancanza di un filtro ND integrato e, se si tenta di utilizzare la impostazione F1.8, si raggiunge rapidamente i limiti imposti dalla sensibilità ISO 125 e dalla velocità massima dell’otturatore di 1/2000 secondo. Essenzialmente la figura F1.8 è utile principalmente per scatti in condizioni di scarsa illuminazione (e per fare bella mostra sullo scaffale del negozio).

Handling

La RX100 si posiziona bene in mano e il poggia pollice in gomma ben posto sul retro significa che è possibile mantenere una buona presa su di essa. Detto questo, nonostante non pensavamo davvero che fosse necessario, abbiamo scoperto che l’aggiunta di una presa di terze parti rendeva la fotocamera più bella da tenere e utilizzare.

C’è molto da dire a sostegno dell’ergonomia della RX100 – il suo design mette una buona quantità di controllo a portata di mano senza dover coprire la superficie della fotocamera con manopole e quadranti. Il menu Fn, con la sua scelta di fino a sette funzioni, posizionate nell’ordine scelto, è ottimo per prendere il controllo della fotocamera. È semplice, ad esempio, aggiungere l’accesso all’impostazione della qualità dell’immagine in modo da poter accedere rapidamente alle funzioni solo JPEG della fotocamera, come l’HDR.

La ghiera di controllo dell’obiettivo della RX100 è la prima che abbiamo incontrato che si muove in modo libero, piuttosto che fare clic tra le posizioni. Funziona bene per impostare la messa a fuoco o lo zoom, ma è deludente quando viene utilizzata per variabili come ISO, compensazione dell’esposizione, diaframma o velocità dell’otturatore. Se si spengono i suoni della fotocamera (tutti controllati da una singola impostazione), non si ha alcuna sensazione reale che qualcosa stia cambiando in risposta alla rotazione della manopola. Questo e la mancanza di controllo sulla funzione del quadrante posteriore finiscono per rendere il quadrante di controllo meno efficace di quanto dovrebbe essere.

Parola finale

Molta lode è già stata ammucchiata sulla RX100 ed è ben giustificata – il suo design simile al TARDIS significa che c’è molta fotocamera in questa piccola scatola di quanto il suo esterno piuttosto sobrio suggerirebbe.

Questo non significa che la RX100 sostituirà la fotocamera DSLR o il sensore di grandi dimensioni mirrorless – semplicemente non può competere con la qualità dell’immagine o la flessibilità che i sensori e le lenti intercambiabili offrono. Nel frattempo, la scarsa implementazione del quadrante significa che probabilmente non è una fotocamera di cui innamorarsi – ci sono alcuni miglioramenti evidenti che potrebbero essere fatti, ma è ancora una fotocamera che merita molto rispetto.

Come fotocamera secondaria, le immagini sono costantemente così buone che raramente ti ritroverai troppo deluso nelle occasioni in cui non hai avuto la tua grande DSLR con te. E le sue capacità video leader nella categoria significano che vale la pena preferirla, anche quando hai portato la DSLR con te. Inoltre, è altrettanto felice a scattare panoramiche e immagini HDR automatizzate così come immagini Raw con un sacco di controllo dell’esposizione, il che significa che si arriva a casa con una selezione di immagini e video molto più varia di quanto si potrebbe con una delle sue concorrenti.

Nel complesso, si tratta di uno strumento flessibile e affidabile che consente di prendere tanto controllo quanto si desidera. Non è una fotocamera perfetta, ma è difficile pensare ad un’altra che include così tante capacità ed entra lo stesso in tasca. Da non sottovalutare.

Verdetto

La RX100 (EUR 301,00) è probabilmente la fotocamera compatta più capace sul mercato di oggi, combinando i vantaggi della qualità dell’immagine di un sensore di medie dimensioni, con le proporzioni di una fotocamera compatta convenzionale. Gli estesi controlli manuali, anche se non impeccabili, rendono la RX100 un’ottima seconda fotocamera per gli appassionati di DSLR.

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Facebook e Twitter.
FONTEDPREVIEW
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Facebook e Twitter. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi