Il QLED può battere l’OLED? Forse no. Ma forse non è necessario

Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare un compenso per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Il nostro verdetto

  • Un precedente bug di HDR è stato schiacciato e il Q7F è ora un’alternativa incredibilmente vigorosa e più economica ai suoi rivali OLED

Pro

  • Immagini incredibilmente luminose e vivaci
  • Dettagliato e molto nitido davvero
  • Design pulito e accattivante
  • Intelligente e semplice da usare
  • Eccellente per i giochi

Contro

  • Sacrifica le prestazioni del nero per la vivacità
  • Angoli di visione mediocri
  • Il movimento non è perfetto

Eccolo, finalmente: il primo Samsung QLED ad andare contro un OLED delle stesse dimensioni. In realtà, stiamo confrontando questo QE55Q7F contro tre OLED: LG OLED55B7V, Sony KD-55A1 e Panasonic TX-55EZ952B.

L’LG è il vero rivale qui, perché è migliore del Panasonic e molto più economico del Sony. Ed è costruito da LG, il progenitore del moderno OLED e rivale di Samsung.

C’è ancora una grande differenza tra i prezzi dell’LG B7 (Check on Amazon) e Samsung Q7F (Check on Amazon), per non parlare delle differenze fondamentali nella tecnologia di base.

Questo rende questo test un abbinamento sbagliato? Assolutamente no. Samsung lancia la sua tecnologia QLED contro l’OLED e, mentre OLED è davvero la cosa più nuova, ci sono ancora alcune cose che il vecchio LCD può fare meglio.

Immagine

Immagine

Il vantaggio maggiore di un TV LCD con retroilluminazione a LED su un TV OLED è la sua luminosità, quindi non sorprende che questa sia la differenza più evidente tra il Q7F e l’LG B7.

Riproduciamo “Animali fantastici” su entrambi i set e gli approcci alternativi sono immediatamente evidenti, con il logo del film che emerge in modo molto più brillante dallo sfondo scuro quando viene visualizzato sul Samsung.

Sembra fatto di una sorta di materiale metallico, e brilla nella luce. È anche estremamente definito, il che conferisce al logo una maggiore solidità e profondità rispetto a quello che si ottiene da LG.

Ma ciò che è anche chiarito qui è che, per consentire al Samsung di raggiungere questi prodigiosi livelli di “pugno”, la TV ha bisogno di alzare la retroilluminazione, il che significa che la profondità dei neri altrove nell’immagine viene sacrificata.

Questa è una caratteristica inevitabile dei televisori con retroilluminazione – in particolare quelli che sono illuminati dai bordi, come questo Samsung.

Per illuminare un oggetto al centro dello schermo

Per illuminare un oggetto al centro dello schermo, i LED devono diventare più luminosi, il che significa che la luminosità dell’intero pannello aumenta – incluse le barre nere che si ottengono nella parte superiore e inferiore durante la visione di un film. Talvolta noterai questi cambiamenti mentre la retroilluminazione si alza e si abbassa.

In tutta onestà il Q7F implementa efficacemente la retroilluminazione, in quanto i neri non vengono sacrificati quasi quanto quelli di molti schermi LCD concorrenti. E non c’è l’annebbiamento dell’immagine tipicamente associato ai televisori retroilluminati.

Resta il fatto, tuttavia, che un OLED illumina ciascun pixel individualmente, quindi non c’è alcun sacrificio della profondità del nero, indipendentemente da quanto brillante debba essere il resto dello schermo.

Ma la Samsung contesta questa debolezza a livello di DNA con altri punti di forza. Abbiamo già discusso della luminosità, ma vale la pena ribadire: il Q7F offre una spinta ben oltre persino il Sony A1, e questo è particolarmente evidente quando si riproducono contenuti HDR (il set supporta HDR10 e HLG).

La marcia dei granchi rossi nel “Pianeta Terra II” è un piacere viscerale, poiché le migliaia di crostacei rossi brillanti si stagliano vividamente contro la sporcizia del suolo della foresta e lo shock occasionale di una vibrante vegetazione verde. Per vivacità visiva è difficile di trovare meglio.

Il Q7F non è tutto basato sulla luminosità

Il Q7F non è tutto basato sulla luminosità, perché serve anche un’immagine eccezionalmente nitida e dettagliata.

I singoli capelli, i diversi materiali di abbigliamento e ogni piega di una camicia sono tutti messi in evidenza dalla definizione nitida. Personaggi e oggetti in primo piano risaltano in modo chiaro e solido rispetto agli sfondi, e le visioni hanno una profondità palpabile.

C’è un senso che la TV stia imponendo un po’ del proprio carattere agli atti migliorando attivamente le immagini, in particolare quando si guardano contenuti non 4K, ma non si può negare lo spettacolo offerto. Questa potrebbe non essere la versione più autentica di ciò che stai guardando, ma sicuramente è eccitante.

E questo non vuol dire che le cose siano esagerate. Il Q7F dà certamente la priorità alla “vibranza” e al “pugno”, ma non a scapito di sottigliezze come il tono della pelle, che è sorprendentemente sfumato e ben giudicato.

Evita di sederti fuori asse, però, i colori svaniscono e il nero diventa grigio. Questa non è la TV da acquistare se hai regolarmente familiari o amici che guardano da tutti gli angoli della stanza.

Il movimento è gestito piuttosto bene

Il movimento è gestito piuttosto bene, anche se la Samsung non è così fluida come l’LG B7, né possiede un’impostazione che bilancia perfettamente nitidezza e realismo.

Proverai a disattivare completamente l’elaborazione del movimento e a usare la modalità Personalizzata ma la perfezione rimarrà incredibilmente fuori portata.

Fino ad ora abbiamo parlato solo di 4K e 1080p, ma le caratteristiche vibranti della TV arrivano anche quando guardiamo contenuti in standard-def tramite uno dei sintonizzatori TV o un DVD.

C’è un po’ di confusione quando si arriva alle immagini a queste basse risoluzioni, e sia LG che Panasonic le ripuliscono più efficacemente, ma sono certamente guardabili.

Il Q7F è eccellente anche come monitor per giochi, con quella luminosità e vibranza impressionanti che si prestano bene alla grafica generata al computer e un intervallo di input incredibilmente basso di 23,8ms (in modalità Gioco) che assicura che lo schermo non ti rallenterà mai.

Samsung ha fatto un buon lavoro quest'anno

Samsung ha fatto un buon lavoro quest’anno semplificando le impostazioni di calibrazione delle immagini, ma c’è ancora del lavoro da fare per ottenere il miglior aspetto dello schermo.

Come spesso accade, dovresti iniziare spegnendo le impostazioni Eco, poiché hanno un effetto negativo sulla qualità dell’immagine. Dovresti anche sperimentare con le opzioni di elaborazione del movimento: qui la preferenza personale è il fattore dominante.

Troviamo il passaggio di “Temperatura colore” a “Freddo” e la modifica dell’impostazione del colore verso una leggera distorsione verde aiuta a bilanciare la vivacità e il realismo dell’immagine. Togliendo alcuni punti di Nitidezza aiuta a contenere il desiderio del set di migliorare i bordi. Ti consigliamo inoltre di disattivare “Contrast Enhancer”, in quanto tende a schiacciare i dettagli neri.

Se applicate questi settaggi alla modalità “Standard”, saranno attivi ogni volta che guardate il contenuto SDR. Ma quando il Q7F rileva un segnale HDR, passa a un set di preset HDR che non terrà conto di nessuna delle tue modifiche.

La buona notizia è che la modalità HDR predefinita è abbastanza buona, in realtà richiede solo che tu modifichi le impostazioni di “Temperatura del colore” e di “elaborazione del movimento”.

Noterai che qui le opzioni “Contrast Enhancer” e “Local Dimming” sono al massimo, ma per i contenuti HDR vanno bene.

Suono

Suono

Ci sono un certo numero di opzioni disponibili nei menu audio Samsung, ma la migliore è la modalità Standard. Fornisce un palcoscenico corposo, pesante e relativamente ben proiettato dagli standard prevalenti.

L’LG B7 è un po’ più nitido e dettagliato nella sua consegna, ma dovresti andare più in alto nella gamma LG OLED o optare per la Sony A1 per ottenere uno schermo piatto che suona decisamente meglio.

Anche così, ti consigliamo di abbinare alla TV un sistema audio separato. Queste immagini meritano davvero un audio altrettanto incisivo.

Caratteristiche

Caratteristiche

Non c’è modo di aggirare il fatto che il Samsung Q7F sembra poco appariscente accanto ai pannelli ultrasottili OLED, ma questo non vuol dire che non sia un set dall’aspetto intelligente a sé stante.

La cornice straordinariamente sottile ti lascia pensare che tutto quello che puoi vedere dalla parte anteriore sia lo schermo e, a 45mm dalla parte anteriore a quella posteriore, è davvero sottile per gli standard dei televisori retroilluminati. Questo è almeno in parte grazie a tutte le connessioni che sono alloggiate in una scatola One Connect esterna.

One Connect di quest’anno è più grande di quello dell’anno scorso e, per la prima volta, richiede la propria connessione di alimentazione. Avrai bisogno di avere due prese di corrente disponibili se vuoi che il tuo QLED produca un’immagine.

Anche lo schermo e la scatola di connessione del cavo sono stati aggiornati, ed è ora così sottile da essere quasi invisibile da una stanza all’altra. È lungo 5 metri, quindi puoi nascondere la scatola One Connect e lasciare il display molto ordinato ed elegante.

Parlando di pulito, sobrio ed elegante

Parlando di pulito, sobrio ed elegante, questi sono anche tratti sia dell’attuale sistema operativo TV di Samsung sia dell’elegante telecomando in argento che viene fornito con il Q7F e i suoi fratelli QLED. In tandem, creano un’esperienza utente che è liscia e scattante, e ti porta rapidamente al contenuto che stai cercando.

Potresti ritrovarti a utilizzare occasionalmente il microfono integrato del telecomando per l’emissione di comandi vocali. Sicuramente è il modo più veloce per attivare la modalità di gioco. C’è anche il classico telecomando di plastica, se lo preferisci, ma sospettiamo che sceglierai di nasconderlo e tenerlo come backup.

Quando si tratta di contenuti

Quando si tratta di contenuti, ce ne sono sicuramente moltissimi, con Netflix e Amazon al centro della scena.

Verdetto

Non dovrebbe sorprendere affatto scoprire che il Samsung offre un’immagine completamente diversa ai suoi rivali OLED. Ciò che potrebbe essere un po’ una sorpresa è quanto sia avvincente quest’offerta.

Si tratta di un televisore che massimizza le qualità intrinseche della tecnologia LCD/LED e li combina con le tecnologie di elaborazione di fama mondiale di Samsung per produrre un’immagine che è infinitamente vibrante, dinamica e ben definita. È una vera emozione da guardare.

Ciò non vuol dire che è senza limitazioni, soprattutto nei suoi neri, che a volte sono inevitabilmente compromessi. Anche il movimento è un po’ imperfetto, e c’è quella fastidiosa sensazione che quello che stai guardando sia stato portato a 11 e non sia autenticamente vero.

In definitiva, l’immagine più naturale e senza compromessi dell’LG B7 lo rende la nostra scelta preferita, ma c’è molto da dire sui pregi marcatamente diversi del Q7F. In particolare del prezzo significativamente più conveniente (Check on Amazon).

FONTEWhat Hi-Fi?
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.