Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Stile unico e incredibile immagine OLED, ma c’è una “tassa Sony” da pagare

Il Buono: Con l’eccezione di altri televisori OLED 2017, la Sony A1 supera ogni altro televisore che abbiamo testato. Offre livelli di nero perfetti, ampi angoli di visione, colori accurati e una grande immagine luminosa. Il suo design senza stand è quasi tutto immagine se visto di fronte.

Il Cattivo: ha la stessa qualità di immagine dei televisori LG OLED meno costosi.

Il Verdetto: Con un’immagine incredibile che corrisponde ma non supera i televisori OLED 2017 di LG, la Sony A1 ($2,998.00) non vale il prezzo extra per la maggior parte degli acquirenti di fascia alta.

«È una Sony».

Quel memorabile slogan pubblicitario del periodo di massimo splendore dell’azienda negli anni ’80 e ’90 risuona ancora oggi. Negli ultimi anni Sony ha mantenuto la sua reputazione con costosi televisori LCD ad alte prestazioni come gli eccellenti XD9305 (Out of stock) e ZD9 (Check on Amazon). Per il 2017 lo storico marchio giapponese fa un ulteriore passo in avanti con l’A1, il suo primo televisore basato su OLED.

I televisori a diodi a emissione di luce organica producono la migliore qualità delle immagini che abbiamo mai testato. In questi giorni solo LG Display può produrli e fornisce i pannelli OLED utilizzati nella A1 di Sony. Naturalmente anche LG Electronics vende una serie di modelli OLED, tutti in competizione con questa Sony. Indipendentemente dalle loro differenze di prezzo, tutti i televisori LG OLED hanno la stessa spettacolare qualità dell’immagine, quindi naturalmente quello che mi piace di più è il meno costoso, il C7.

La C7 costa attualmente

La C7 costa attualmente circa €1.000 in meno rispetto alla Sony A1. E dopo averle confrontate fianco a fianco, posso dirvi che hanno fondamentalmente la stessa qualità di immagine. Ho notato alcune differenze nell’elaborazione video, colore e uscita di luce, ma sono tutte molto minori. In altre parole, la Sony non vale 1.000 euro in più rispetto alla C7 basandosi solo sulla qualità dell’immagine.

Ma è una Sony. E per i grandi fan di quel marchio con soldi da spendere, che potrebbero non avere un posto caldo nel loro cuore per LG, questo potrebbe essere abbastanza. Altri acquirenti possono essere influenzati dal bellissimo stile tutto immagine dell’A1, dai suoi altoparlanti nascosti o anche dal suo sistema TV Android altamente capace.

Per tutti gli altri nella fascia di prezzo OLED TV di fascia alta, tuttavia, quel denaro extra equivale semplicemente a una “tassa Sony”, che non hanno bisogno di pagare. L’A1 è un ottimo televisore, ma il C7 ha un valore migliore.

Cavalletto

Cavaletto

Nessuno osa accusare Sony di design TV convenzionale con l’A1.

La maggior parte dei televisori utilizza un supporto a piedistallo o delle “gambe” per mantenere i pannelli piatti in posizione verticale su un tavolo o una credenza, ma Sony impiega un cavalletto enorme. Visto di lato, il pannello OLED ultra sottile si appoggia all’indietro di qualche grado, sostenuto da un pezzo di plastica appoggiato nella direzione opposta. Ospita gli ingressi, l’alimentatore, un subwoofer e altra elettronica. Una cerniera di bloccaggio lo unisce al pannello e il peso elevato nella parte inferiore impedisce al televisore di ribaltarsi in avanti.

Visto dalla parte anteriore, l’effetto è sorprendente: poiché lo stand è fondamentalmente invisibile, la Sony assomiglia a un quadro, anche più di altre TV. Il bordo inferiore poggia direttamente sul vostro mobile e non ci sono altoparlanti visibili. E’ solo un rettangolo nero minimalista.

Lo schermo funziona anche da altoparlante

Lo schermo funziona anche da altoparlante

Quindi dove sono gli altoparlanti, si potrebbe chiedere? Sono effettivamente incorporati nello schermo con una tecnologia che Sony chiama Acoustic Surface. Piccoli trasduttori dietro lo schermo lo fanno vibrare per produrre frequenze più elevate, mentre il subwoofer nel cavalletto si occupa dei bassi. Non si riesce a vedere la vibrazione, e non ha alcun effetto sulla qualità dell’immagine, ma il concetto è abbastanza cool.

Ho chiesto all’esperto di audio di Effemeride.it di confrontare il suono dell’A1 con quello dell’LG E7 (Check on Amazon) (che ha una sound bar incorporata) e del Samsung QE65Q7F (EUR 2.707,89) (che ha una disposizione tipica degli altoparlanti). Ecco la sua interpretazione:

La principale affermazione di Sony è che il suo design centralizzato degli altoparlanti significa che il dialogo sembra effettivamente uscire dalla bocca dell’attore. La stessa cosa accade con qualsiasi altoparlante posizionato abbastanza vicino allo schermo. Quando stai guardando, il tuo cervello compensa la piccola differenza di posizionamento.

Per una TV

Per una TV, la Sony era un buon interprete con la musica. Nel capolavoro gotico di Nick Cave «Red Right Hand», ha fornito una piacevole delineazione tra il basso e la voce di Nick Cave. Il sub aggiunto da davvero peso a questa traccia rock, e aggiunge gravitas a «A Glow» di Sylvan Esso, che suona sgradevole sulle altre due TV.

L’LG suona meglio con i film, tuttavia. Mentre la sua mancanza di bassi profondi significa che la scena di Thanator Chase di «Avatar» è derubata di qualche emozione, le voci suonavano più chiare e più naturali della Sony. Attraverso l’altoparlante della Sony, la voce di Sigourney Weaver suona particolarmente strana – suona molto più profonda e nasale di quanto dovrebbe essere – anche se le esplosioni suonano più dinamiche dell’LG. Il Samsung era OK con il dialogo, ma per il resto suona manca il pugno in confronto agli altri due.

Nel complesso, l’LG E7 batte la Sony di un piccolo margine, ed entrambi suonano meglio dei tipici sistemi audio a schermo piatto come quello del Samsung Q7. Ma se ti importa del suono allora dovresti almeno investire in un sound bar decente, che suonerà meglio di qualsiasi TV.

Google è l’arma segreta della Smart TV di Sony

I set Sony eseguono il sistema Smart TV di Google, che batte le soluzioni di Samsung e LG (ma non Roku TV) nel più importante area: copertura dell’app.

Le app Amazon e Netflix di A1 supportano sia 4K che HDR. Google Play Film e TV ha il supporto 4K, così come l’app YouTube. L’app Ultra di Sony, in esclusiva per Sony TV, ha film 4K e HDR di Sony Pictures.

Altre app insieme ai giochi

Altre app insieme ai giochi sono disponibili sul Google Play Store (non eccitarti troppo, è specifico per Android TV, e molto meno estesa di quella sul tuo telefono). Parlando di telefoni, molte altre app possono essere lanciate sulla Sony tramite la sua funzionalità integrata di Google Cast, che funziona proprio come un Chromecast. E la ricerca vocale usando il telecomando funziona molto bene per trovare cose.

Android TV significa anche che Sony funzionerà con l’altoparlante Google Home. In questo momento la funzionalità video è limitata all’app YouTube.

Caratteristiche e connessioni

Caratteristiche chiave

Tecnologia display: OLED

Retroilluminazione LED: N/A

Risoluzione: 4K

HDR compatibile: HDR10 e Dolby Vision

Schermo: Piatto

Smart TV: Android TV

Telecomando: Standard

OLED è più vicina al plasma rispetto alla tecnologia LED LCD (QLED o altro) utilizzata nella stragrande maggioranza dei televisori di oggi. Quando LCD si basa su una retroilluminazione che brilla attraverso un pannello a cristalli liquidi per creare l’immagine, con OLED e plasma, ogni singolo sub-pixel è responsabile della creazione di illuminazione. Ecco perché OLED e plasma sono noti come «emissive» e LED LCD sono chiamati display «trasmissivi», e una grande ragione per cui la qualità dell’immagine di OLED è così buona.

A differenza delle TV Samsung, i set Sony di fascia alta come l’A1 supportano entrambi i principali tipi di video HDR: Dolby Vision e HDR10.

•4x ingressi HDMI con HDMI 2.0b, HDCP 2.2

  • 4x ingressi HDMI con HDMI 2.0b, HDCP 2.2
  • 3x porte USB
  • 1x ingresso video composito
  • Ethernet ( Porta LAN)
  • Uscita audio digitale ottico
  • 1x Ingresso RF (antenna)
  • Porta RS-232 (minijack)

La selezione delle connessioni, tutte situate sul cavalletto, è di prim’ordine. A differenza di molti set Samsung, la Sony ha in realtà un ingresso video analogico per dispositivi legacy (non HDMI). Tutti gli ingressi funzioneranno con dispositivi 4K e HDR, ma per i migliori risultati Sony consiglia di utilizzare l’ingresso 2 o 3 (che hanno una larghezza di banda maggiore rispetto agli altri) con i lettori Blu-ray 4K e assicurarsi di attivare la modalità «HDMI enhanced».

Qualità dell’immagine

I tre televisori OLED 2017 che ho testato – Sony A1, LG C7 e LG E7 – sono essenzialmente alla pari per qualità d’immagine. Se dovessi sceglierne uno personalmente e il denaro non fosse un problema, baserei la mia scelta su altre considerazioni (stile o caratteristiche). Ecco quanto sono identici.

Sony sostiene una migliore elaborazione video nelle sue demo, ma nei miei test ogni vantaggio è minore, e LG ha effettivamente gestito alcuni test di elaborazione meglio di Sony. Il colore del mio TV campione di Sony era un po’ più preciso, ma gli LG erano così vicini che di nuovo non rappresenta un vero vantaggio. I livelli bianchi e neri, gli elementi costitutivi della qualità dell’immagine, sono essenzialmente gli stessi. E non dovrebbe sorprendere che tutti e tre i televisori OLED superino tutti i televisori LCD che ho testato.

Camera buia: Guardando «The Revenant» su Blu-ray, i perfetti livelli di nero e l’ineguagliabile contrasto di OLED hanno reso l’immagine della Sony nettamente superiore dei vari Samsung LCD.

Rispetto ai due televisori LG OLED, tuttavia, Sony non ha mostrato alcun vantaggio in una stanza oscura, e le tre sembravano quasi identiche. Nel capitolo 15, per esempio, mentre il fuoco danza sui volti e sui vestiti di John e Bridger, i riflessi, le ombre e i colori erano tutti superbi.

Camera luminosa: l’A1 è un po’ più buia rispetto agli OLED LG nelle sue impostazioni di immagine più brillanti e in definizione standard, anche se con sorgenti HDR la luminosità era paragonabile. Come di consueto con OLED, l’emissione luminosa complessiva di picco è inferiore a quella LCD.

Guardando programmi TV e film, ho trovato tutti e tre gli OLED molto luminosi per quasi tutti gli ambienti illuminati e anche nelle scene più innevate di «The Revenant», lo svantaggio dei bianchi degli OLED era difficile da individuare.

La Sony era essenzialmente identica agli OLED LG nel preservare i livelli di nero e ridurre i riflessi – un po’ peggio di Samsung, la cui gestione dei riflessi è tra le migliori che abbia mai visto. Entrambi gli OLED 2017 hanno mostrato una sfumatura violacea ai riflessi rispetto al B6 (Vedi su Amazon.it) del 2016.

Precisione del colore: prima della calibrazione, la Sony era superba nella migliore modalità immagine, Cinema Pro, e in seguito era quasi perfetta. «The Revenant» è splendente con un bel colore naturale – un sacco di foreste verdi, cieli azzurri e spettacolari panorami montani – e la Sony li ha riprodotti fedelmente. Tuttavia, il suo vantaggio nelle mie misurazioni rispetto agli altri televisori è stato difficile da individuare. Tutti e tre possono essere estremamente precisi.

Elaborazione video: Con i miei test di movimento l’A1 non ha funzionato altrettanto bene ai set di LG. Non ha avuto problemi a fornire un materiale adeguato a 1080p/24 nella sua impostazione Trucinema MotionFlow, che è predefinita nella modalità immagine Cinema Pro, ma non è in grado di fornire una risoluzione a pieno movimento senza introdurre l’effetto da soap opera. Samsung e LG possono.

L’input lag è stato misurato a 47 millisecondi in modalità Gioco – decente, ma peggiore rispetto agli LG o al Samsung Q7.

Angoli di visione e uniformità: un grande vantaggio OLED rispetto all’LCD è la sua immagine superba quando viene vista ad angolo. Gli OLED mantengono la fedeltà e la precisione del colore molto meglio di tutti gli LCD LED.

L’uniformità dello schermo Sony è stata solida ma non perfetta, con motivi scuri e a campo intero che mostrano una leggera banda verticale, molto simile a quella dell’LG E7. Gli schermi LCD, in particolare il Samsung, hanno mostrato problemi di uniformità molto più evidenti, ad esempio variazioni di luminosità sullo schermo.

HDR e video 4K: la Sony è un ottimo performer anche con materiale HDR, ma da quello che ho visto non è sostanzialmente meglio, o peggio, rispetto ai set LG.

Ho confrontato i televisori affiancati utilizzando le migliori modalità HDR predefinite – Cinema Pro per Sony – a partire da «The Revenant» su Blu-ray 4K. Le parti gloriosamente HDR-ificate, come il sole brillante e il cielo del primo attacco indiano nel capitolo 3, erano fantastiche su tutti e tre i set OLED, e nettamente migliori del LCD.

Guardando lo svolgersi della scena, gli LG apparivano leggermente più luminosi della Sony in molte aree. Le misurazioni hanno confermato questa impressione. La differenza non era massiccia (73 contro 93 nits) ma era visibile fianco a fianco, e contribuiva ad un aspetto leggermente più impattante sugli LG.

Ho tenuto d’occhio altre differenze tra gli OLED, in particolare i dettagli sulle nuvole che alcuni televisori HDR possono tagliare, ma non ne ho visti in «The Revenant». Così sono passato a «Mad Max: Fury Road». Gli OLED erano tutti molto simili con questo film, e le misurazioni più vicine l’uno all’altro rispetto a «The Revenant», anche se a mio occhio l’LG E7 ha ancora un leggero vantaggio di luminosità e impatto rispetto alla Sony. Anche i dettagli sulle nuvole sembravano identici, così come i rossi brillanti durante l’inseguimento nella tempesta nel Capitolo 3.

HDR e 4K streaming funzionano come previsto, e tutte le differenze erano simili a quelle che ho visto su Blu-ray 4K.

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Twitter e Facebook.
FONTECNET
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi