Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Miglior design e caratteristiche della categoria e un immagine di prim’ordine

Il Buono: Il Samsung Q8 offre un’eccellente qualità delle immagini, con profondi livelli di nero, prodigiosa luminosità, accurato colore, eccellente elaborazione video e potenti prestazioni ad alta gamma dinamica. Ha uno stile elegante e moderno e le migliori caratteristiche della classe. La sua esclusiva modalità Ambient aiuta a fondersi nel vostro arredamento quando la TV è «spenta».

Il Cattivo: Più costoso di molti televisori con simile qualità di immagine e non tanto più economico di un LG OLED. Bixby non può competere con Alexa o Google Assistant.

Il Verdetto: Il Q8 di Samsung ha la qualità dell’immagine, il design e gli extra per creare un’alternativa interessante per i clienti di fascia alta che non vogliono un OLED.

Potrebbe sorprenderti apprendere che, sebbene Samsung sia il produttore televisivo numero 1 al mondo, i suoi televisori non hanno vinto il premio di migliore qualità delle immagini dalla fine del 2015 con il JS9500. Non a caso, quel televisore è stato anche l’ultimo Samsung che ho recensito dotato di full-array local dimming (FALD).

Con i suoi due migliori QLED del 2018 – il Q8 () recensito qui e il Q9 (EUR 2.300,00) – Samsung ritorna a FALD. Il Q8 produce alcune delle migliori immagini basate su LCD che abbia mai visto: non buono come OLED, ma abbastanza buono da riportarlo nella lista della migliore qualità delle immagini. Non ho ancora recensito il Q9, ma mi aspetto che sia ancora meglio. E dovrebbe, dato il suo prezzo significativamente più alto.

All’ inizio dell’estate 2018, il Q9 e il suo principale concorrente, l’OLED C8 di LG, costano circa lo stesso, mentre il Q8 è più economico. Questo lo rende una valida alternativa per chi vuole acquistare una TV di fascia alta ed è diffidente del burn-in delle OLED o che ha bisogno di un televisore da 75 pollici.

L' elenco degli extra di Samsung

L’ elenco degli extra di Samsung è lungo, caratterizzato dalla modalità Ambient che lo aiuta a integrarsi nel tuo arredamento quando non stai guardando la TV, un eccellente sistema di smart TV che include la possibilità di controllare il resto dei tuoi dispositivi e alcune delle migliori funzionalità pensate apposta per i giocatori. L’incorporazione di Bixby e’ un po’ un fallimento, ma probabilmente non scegli una TV così costosa solo per il controllo vocale, vero?

Al suo prezzo attuale il Q8 non è tanto un affare quanto la Sony XF90 (EUR 1.235,80), ma è un televisore leggermente migliore, grazie a superiori caratteristiche e design. Se apprezzate le cose più belle e pretendete un’immagine di livello mondiale ma trovate il Q9 o un OLED troppo costosi, l’eccellente Q8 fa un sacco di senso.

Più spessa ma piena di stile

Più spessa ma piena di stile

I televisori Samsung hanno sempre avuto un grande aspetto, e spesso questo è sinonimo di TV ultrasottili. Mi piace ancora molto l’aspetto del Q8, ma è notevolmente più spesso. Il motivo, dice Samsung, è quello di accogliere quella retroilluminazione full-array, ma importa solo quando si guarda il televisore di profilo.

Di fronte è tipicamente minimalista e moderno, con una sottile striscia di nero lungo l’immagine incorniciata da un bordo grigio più chiaro. La distanza bordo-immagine nella parte superiore, laterale e inferiore è stretta come qualsiasi altro televisore a circa mezzo pollice, ma mentre i concorrenti hanno fondi più ampi, il telaio Samsung mantiene la stessa distanza su tutti e quattro i lati. E il logo è piccolo – più piccolo del «Samsung» sul retro del mio telefono.

Un canale sul retro consente di instradare i cavi, ma non aspettatevi lo stesso tipo di trattamento pulito che si otterrebbe da un Q7 o Q9, che dispongono della scatola di ingresso esterna dell’azienda e della connessione «invisibile».

Il telecomando è simile

Il telecomando è simile all’anno scorso, ma nero invece che argento. È super semplice, facile da tenere e ha il minor numero possibile di pulsanti: la maggior parte dell’azione avviene sullo schermo o, se ti senti avventuroso, tramite il controllo vocale Bixby. Un tasto dedicato consente di visualizzare menu come un tastierino numerico e altre opzioni.

Modalità ambiente: ciao ciao, rettangolo nero

La modalità ambiente è una nuova funzionalità, esclusiva sui televisori QLED Samsung, che riempie lo schermo del televisore quando non stai guardando la TV. L’idea è che invece di un grande rettangolo nero in mezzo al soggiorno, si ottiene… qualcos’altro. È piuttosto bello, soprattutto se odi quel rettangolo nero, ma la sua caratteristica distintiva – la capacità di essere abbinato alla tua parete – può essere importante o meno.

Ho iniziato con uno dei campioni di colore preimpostati e ho cercato di abbinarlo a una parete bianca dietro il televisore. Nonostante la regolazione dei controlli di luminosità e colore, non ho mai ottenuto la corrispondenza che volevo. Tuttavia, con un muro di mattoni ha funzionato meglio.

Ho anche provato

Ho anche provato a scattare una foto del muro usando l’app SmartThings sul mio telefono, che poi la porta al televisore e tenta di allinearla. Non ho avuto molta fortuna, ma almeno Samsung aveva messo le mani avanti chiamando la funzione di photo-match «sperimentale».

Quando è acceso, sullo schermo compaiono immagini artistiche – accompagnate dall’ora, da un bollettino meteo o da titoli di notizie. Puoi scegliere tra montagne, diversi orologi, acqua o altri disegni, oppure scegliere delle foto – stock o, tramite l’app SmartThings, dal tuo telefono. Le immagini sono un po’ più buie rispetto alla TV normale. La luminosità dipende dall’illuminazione della stanza, perché la modalità Ambient utilizza un sensore di illuminazione.

Non è possibile che il televisore attivi automaticamente la modalità Ambiente. Invece è necessario farlo manualmente premendo un pulsante dedicato sul telecomando o scegliendo una voce dal menu. Si spegne automaticamente quando non percepisce più movimento nella stanza, o dopo un periodo di 1, 2, 3 o 4 ore.

Oltre alla modalità Ambient, l’app SmartThings ti permette anche di fare cose come far apparire i promemoria del calendario sulla TV (Google Calendar è supportato), specchiare il telefono alla TV, riprodurre le cose dal televisore sul telefono (con una qualità audio e video molto scadente nei miei test) e permettere che l’audio proveniente da cose in TV passi attraverso l’altoparlante del telefono o (più utilmente) le cuffie, proprio come la funzione di ascolto privato di Roku.

Smart TV, stupido Bixby

Il sistema smart TV integrato di Samsung è eccellente. Lo preferisco ai WebOS di LG, in parte perché i programmi TV e i film di Netflix e Prime Video appaiono nella selezione immediata, in modo da poter continuare a guardare rapidamente. Netflix consente anche di cambiare i profili tra i diversi membri della famiglia.

Non è buono come Roku, soprattutto perché preferisco l’ampiezza delle app di Roku e il layout a schermo intero e incentrato sulle app. Roku ottiene inoltre nuove app e funzionalità aggiornate più rapidamente. Anche il sistema TV Android di Sony ha più app di Samsung, ma Samsung è molto più veloce e più reattivo.

Il sistema di Samsung è anche l’unico che permette il controllo diretto dei dispositivi del vostro sistema utilizzando il telecomando TV, che, secondo la mia esperienza, può essere un valido sostituto di un telecomando Harmony, anche se non altrettanto capace.

Dove Samsung rimane indietro

Dove Samsung rimane indietro però rispetto a LG e Sony e Bixby e i suoi comandi vocali. Google Assistant è meglio di Bixby praticamente in ogni modo.

Il problema più grande è che Bixby non ha funzionato o ha capito male i miei comandi più spesso di Google Assistant. Ha funzionato bene con il tempo, ma ha capito «spegnere la modalità di gioco» come «spegnere demo» la prima volta e non è riuscito, e più di una volta quando ho chiesto di «passare a HDMI 1» si è offerto di cercare quel termine invece di eseguire il comando.

Anche quando mi ha sentito bene, i risultati di Bixby sono stati spesso deludenti. Dicendo, «Mostrami drammi su Netflix» mi ha presentato un paio di posti da cercare («in TV» o «sul web»), nessuno dei quali ha dato risultati rilevanti. Lo stesso con: «C’è della pizza da queste parti?» Ogni comando funzionava come previsto utilizzando Google Assistant su LG C8 (EUR 1.500,69) e Sony XF90.

Bixby è inoltre disabilitato completamente all’interno di Netflix. Questo non è il caso con Google Assistant, per esempio, che funzionava normalmente indipendentemente dal fatto che fossi o meno in Netflix. E se ti interessa l’integrazione domestica intelligente, Bixby – che si collega all’universo SmartThings di Samsung – non può funzionare con lo stesso numero di dispositivi di Google Assistant. Forse Bixby migliorerà man mano che Samsung continua a svilupparlo, ma in questo momento è anni dietro i suoi concorrenti.

Più funzionalità, molte connessioni

Il Q8 costa ma è tuttora il più economico televisore Samsung con full-array local dimming. Questa tecnologia, che migliora significativamente la qualità dell’immagine LCD nella nostra esperienza, aumenta i livelli di nero e il contrasto rendendo alcune aree dell’immagine più chiare o meno chiare in reazione a ciò che appare sullo schermo. Secondo Samsung, la differenza principale di qualità dell’immagine tra il Q8 e l’ammiraglia Q9 è più zone di attenuazione e un’immagine più luminosa. Tuttavia, l’azienda non dice esattamente quante zone ha ciascuno.

Caratteristiche Chiave

Tecnologia display: LED LCD

Retroilluminazione LED: Full array con dimming locale

Risoluzione: 4K

HDR compatibile con: HDR10

Schermo: Piatto

Smart TV: Tizen

Telecomando: Standard

Come il Q9 e altri televisori Samsung QLED, il suo pannello LCD è potenziato da uno strato di punti quantici – nanocristalli microscopici che illuminano una lunghezza d’onda specifica (colore) quando energizzati. L’effetto è migliore luminosità e colore rispetto ai televisori non dotati di QD, secondo Samsung. Il Q8 utilizza un vero pannello a 120Hz, che migliora le prestazioni di movimento, ma come al solito la specifica «Motion Rate 240» è solo marketing.

Il set supporta contenuti HDR (High Dynamic Range) solo nei formati standard HDR10 e HDR10+. Manca il supporto Dolby Vision trovato sulle TV HDR della maggior parte dei concorrenti. Non ho visto alcuna prova che un formato HDR sia intrinsecamente «migliore» dell’altro, quindi sicuramente non considero la mancanza di Dolby Vision un problema su questo televisore – invece è solo un fattore in più da considerare.

Novità per il 2018 Samsung ha migliorato alcune funzionalità di gioco ed è probabilmente la TV più attrezzata per i giocatori. Il Q8 è compatibile con un tasso di aggiornamento variabile, chiamato FreeSync, da selezionati dispositivi inclusi alcuni PC e Xbox One X e One S. Il Q8 non ha full HDMI 2.1 (nessun televisore 2018 lo ha), quindi consente velocità fino a 120Hz o risoluzioni fino a 4K – ma non entrambe contemporaneamente. Secondo Samsung le risoluzioni supportate sono 1080p a 120Hz, 2,560×1,440p a 120Hz e 3,840×2,160 (4K) a 60Hz, e tutte possono supportare anche i giochi HDR.

Per usare FreeSync dovrai attivare la modalità di gioco automatico, nuova per il 2018. Oltre ad abilitare il VRR, la funzionalità consente al televisore di passare automaticamente alla modalità di gioco, riducendo il ritardo di ingresso, quando rileva che stai giocando. Quest’anno la modalità di gioco aggiunge anche funzionalità di motion smoothing, chiamate Game Motion Plus, anche se aggiungono un po’ di ritardo (vedi sotto per i dettagli).

4x ingressi HDMI con HDMI 2.0, HDCP 2.2

  • 4x ingressi HDMI con HDMI 2.0, HDCP 2.2
  • 2x porte USB
  • Porta Ethernet (LAN)
  • Uscita audio digitale ottico
  • RF (antenna) Ingresso remoto (RS-232) porta (EX-LINK)

Questa lista è molto solida, a meno che non possedete un dispositivo legacy che richiede video (componenti o compositi) o audio analogici. Il Q8 è uno dei pochi televisori che non offre nemmeno un ingresso analogico, audio o video.

A differenza dei Q7 e Q9, che utilizzano un box di ingresso esterno e una nuova connessione «invisibile» più sottile tra il box e il televisore, il Q8 ha ingressi integrati nel retro del televisore, proprio come la maggior parte degli altri set. Samsung dice di aver ricevuto richieste per un modello di fascia alta, box-free da alcuni consumatori e installatori.

Qualità dell’immagine

Non è OLED, ma il Q8 è proprio li con i migliori.

Rispetto a simili televisori dotati di FALD

Rispetto a simili televisori dotati di FALD, il Samsung è stato il mio preferito in generale, con prestazioni superiori in camera luminosa e l’HDR più impressionante. Allo stesso tempo non ha funzionato significativamente meglio della meno costosa Sony XF90.

Camera buia: grazie alla dimmerazione locale, il Samsung ha mostrato un ottimo contrasto nella mia stanza buia, abbinando e superando in qualche modo la qualità dell’immagine degli altri televisori dotati di FALD della mia prova. Erano tutti estremamente vicini, tuttavia.

Guardando la nuova versione di The Matrix su Blu-ray, le barre nere del Q8 hanno fornito il tipo di nero inchiostro che ha fatto risaltare il resto dell’immagine durante l’inseguimento notturno iniziale sul tetto; anche se ovviamente non potevano corrispondere alla profondità di nero di un OLED. (Parlando di nero, il Blu-ray 1080p sembrava un po’, beh, più grigio della versione 4K HDR, con livelli di nero che hanno derubato il pugno da alcune scene. Non è colpa della TV, ma vale la pena notarlo. )

D’altra parte il Q8 tende ad attenuare le luci un po’ più delle altre TV FALD, quindi in alcune scene c’era meno pugno. In The Matrix, mentre Trinity salta attraverso la strada i riflessi dei lampioni sono più scuri sul Q8. In effetti, la luminosità di Samsung dà una priorità ai livelli di nero rispetto alle luci, e personalmente penso che questa sia una buona scelta nella maggior parte dei casi.

Il Q8 ha conservato i dettagli nelle ombre molto bene, alla pari del Sony. Tuttavia, la differenza sarebbe difficile da individuare al di fuori di un confronto affiancato.

Camera luminosa

Camera luminosa: continuando il suo regno come re della luminosità, il Samsung è ancora una volta il televisore più luminoso che abbia mai misurato. Il Q8 ha battuto il Sony XF90 e il Q7 di buon margine. Detto questo mi aspetto che il Q9 sia ancora più brillante.

Samsung produce i migliori schermi antiriflesso sul mercato, che contribuiscono ulteriormente a migliorare il contrasto e il risalto in ambienti luminosi. Gli schermi del Q8 e Q7 erano più o meno alla pari nel preservare il contrasto e ridurre i riflessi, e meglio di qualsiasi altro televisore della gamma.

Accuratezza del colore: secondo le misurazioni, il Q8 era buono in questa categoria prima della calibrazione e ancora meglio in seguito. La tavolozza di colori tenui di The Matrix è stata trasmessa bene, dal viso pallido di Trinity nel club al verde slavato del cubicolo dell’ufficio di Neo, alla luce più naturale all’interno del Dojo virtuale. La saturazione era eccellente e l’unico televisore che sembrava costantemente migliore con il colore era l’OLED di LG. Detto questo, erano tutti molto vicini e, come al solito, le differenze sarebbero difficili da distinguere al di là di un confronto fianco a fianco.

Elaborazione video: Come al solito il Samsung ha superato i miei test in questa categoria, fornendo una cadenza di film di 1080p/24 con sorgenti basate su film e una grande quantità di risoluzione di movimento (1.000 righe) con sorgenti basate su video. Il televisore ha ottenuto entrambi i risultati con l’impostazione Auto Motion Plus di Custom con Riduzione della Sfocatura a 10 e Judder Reduction a 0, quindi se avessi questo televisore lo «imposterei così e dopo me ne dimenticherei».

I risultati non sono buoni come quelli che ho visto sul Q7 del 2017, che era abbastanza pulito nel mio modello di test e capace di registrare 1.200 linee complete nelle stesse impostazioni.

Se vuoi armeggiare, puoi sempre aggiungere più effetto da soap opera aumentando la Riduzione Judder o scegliendo la modalità Auto invece che quella Personalizzata. Nel frattempo, l’opzione LED Clear Motion rende il movimento ancora più nitido grazie all’inserimento di una cornice nera, a scapito di uno sfarfallio e di un’immagine più buia.

Samsung continua la sua recente tradizione di eccellente ritardo di input in modalità di gioco con un punteggio di poco più di 14 millisecondi con sorgenti HDR 1080p e 4K.

Parlando della modalità di gioco, per il 2018 ti offre la possibilità di aggiungere un movimento più fluido e migliorare la risoluzione del movimento con la modalità Game Motion Plus. Secondo i miei test, ha aumentato la risoluzione del movimento da 300 linee a circa 600 con la riduzione della sfocatura al massimo (10). Ancora una volta può essere migliorato coinvolgendo LED Clear Motion, ma lo sfarfallio è peggio, quindi dubito che molti spettatori vorranno utilizzare tale impostazione. Il lato negativo? Raddoppia il ritardo di ingresso a circa 30ms.

Uniformità e angolo di visione: come gli altri set con FALD, il Q8 ha mantenuto un’immagine uniforme su tutto lo schermo, senza aree più chiare, bande o spotting. Con modelli di test a campo intero, sembrava leggermente più luminoso al centro rispetto ai bordi, e rispetto a Sony sembrava meno uniforme – più luminoso sul fondo nei modelli più scuri. Tuttavia, non riuscivo a rilevare nessuna differenza con il materiale di programma rispetto ai modelli di test.

Da fuori angolo, il Q8 ha perso il livello di nero e la fedeltà del colore a circa la stessa velocità di Sony e Q7, mentre l’OLED di LG, come previsto, gli ha battuti tutti.

HDR e video 4K: Matrix sembra spettacolare sulla nuova versione 4K HDR – se possiedi un nuovo televisore 4K HDR e ti piace questo film (e a chi non piace?), prendilo. Domina la versione HD Blu-ray, e rende il film ancora più piacevole.

Come ho detto nelle recensioni precedenti, tra le TV non OLED nella mia line-up la Q8 è stata la mia preferita con HDR, grazie al contrasto superiore: livelli del nero che hanno battuto la Sony in combinazione con le luci più brillanti. Il suo vantaggio con HDR non era tuttavia estremo; ogni LCD ha i suoi punti di forza, e nessuno può avvicinarsi all’OLED di LG.

Il più grande difetto HDR del Samsung è la sua tendenza, come si è visto prima con SDR, ad attenuare le luci più degli altri.

Passando allo streaming ho messo l’Uomo nell’Alto Castello di Amazon. Ancora una volta il Samsung e l’LG erano alla pari e con Sony alle spalle. Questo titolo ha rivelato la sua immagine più dinamica rispetto al Sony. Come rivelato dalle mie misurazioni, il Sony e l’LG sembravano un po’ più accurati di colore, con il Q8 che mostrava un cast leggermente più giallastro, ma la differenza era sottile.

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Twitter e Facebook.
FONTECNET
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi