Se stai giocando sul serio, hai bisogno di un buon paio di cuffie. E se vuoi comunicare con la tua squadra, avrai anche bisogno di un microfono. Ma questo non significa che devi buttare un sacco di soldi per qualcosa che risolverà entrambi i problemi. Quindi, per scoprire quale auricolare fa il miglior lavoro di sposare queste due funzioni per meno di €120, abbiamo contrapposto cinque famosi produttori di periferiche di gioco in una battaglia per vedere qual è il migliore.

Alcuni di voi potrebbero chiedersi perché non comprare solo un normale paio di cuffie e un tradizionale microfono da stand. Il primo motivo è il costo. Ottenere entrambi questi elementi separatamente può facilmente superare i €120. Ma oltre a ciò, combinando microfono e audio, si ottiene un gadget di facile utilizzo che dovrebbe funzionare su tutta la gamma di dispositivi (PC, console e telefoni).

Al loro nucleo, le cuffie sono dispositivi semplici. Dovrebbero sentirsi bene quando li indossi, qualsiasi funzione aggiuntiva o espediente dovrebbe aggiungere al prodotto complessivo, non sminuirlo, e devono assolutamente suonare bene. Quindi questi sono esattamente i criteri su cui giudicheremo le cuffie: comfort, funzionalità e qualità audio.

Ora che abbiamo stabilito le regole di base, incontriamo i concorrenti. Per questo confronto, stiamo guardando a Logitech G433, HyperX Cloud Alpha, Creative Sound BlasterX H7 Tournament Edition, Razer Kraken 7.1 v2, e SteelSeries Arctis 5. Il prezzo, questi dispositivi costano tra €90 e €120, quindi è un campo di gioco abbastanza piano.

1. Comfort

La maggior parte di queste cuffie funziona perfettamente quando si parla di design generale, con gli auricolari Razer, HyperX e Creative dotati di grandi padiglioni chiusi in pelle e tenuti insieme da una fascia regolabile imbottita sulla parte superiore. Quelli sul Razer Kraken sono un po’ più spaziosi di quelli degli altri due, e anche la loro imbottitura è leggermente più morbida, ma non con un enorme margine.

Nel frattempo, Logitech G433 e SteelSeries Arctis 5 optano entrambi per i paraorecchie in stoffa, che impediscono alle tue orecchie di sudare. Tuttavia, i diversi approcci delle due aziende si traducono in livelli di comfort molto diversi.

Nonostante il G433 sia l’unico auricolare in grado di offrire due set di cuscinetti intercambiabili per le orecchie, entrambi si sentivano piuttosto male. I pad predefiniti rivestiti in tessuto a rete sono rigidi, quasi al punto da essere graffianti, e si sentono più come del cartone. Il secondo set è composto da una microfibra scamosciata, e anche se si sentono leggermente più morbidi, il G433 era per noi l’auricolare meno confortevole dei cinque.

Al contrario, i padiglioni rivestiti di stoffa su Arctis 5 (che SteelSeries chiama AirWeave) sono incredibilmente morbidi e leggeri. Le cuffie non sono eccessivamente tese, le paraorecchie sono abbastanza profonde da impedire la pressione sui lati delle orecchie, e in alto, c’è una cinghia elastica regolabile invece di una fascia imbottita che mantiene le cuffie in posizione. Inoltre, a differenza della concorrenza, gli auricolari di Arctis permettono un po’ di flusso d’aria per far sì che le orecchie non si surriscaldino e, quando combinato con tutto il resto, rendono Arctis 5 la cuffia più comoda da indossare.

Vincitore: SteelSeries Arctis 5


2. Caratteristiche

Con ogni cuffia che arriva a meno di €120, non aspettarti lo stesso tipo di funzionalità aggiuntiva che potresti trovare in una cuffia da €300. Nessuno degli auricolari che abbiamo testato è wireless. Per la maggior parte, sono focalizzati sul comfort e sull’audio decente, ma non sono privi di trucchi.

L’approccio senza fronzoli di HyperX significa che oltre a un microfono e un telecomando in linea, entrambi rimovibili, non c’è molto altro da fare. Sound BlasterX H7 offre un po’ di più grazie a un’app audio regolabile per i giocatori PC e audio surround virtuale 7.1. Anche il Logitech G433 aggiunge audio surround tramite un DAC che è possibile collegare a un PC.

Eppure la vera battaglia arriva tra Razer Kraken e SteelSeries Arctis 5, che sono gli unici due auricolari a offrire microfoni retrattili. Inoltre, sfruttano appieno l’integrazione del PC per offrire funzionalità quali l’illuminazione RGB personalizzabile e l’audio surround 7.1, oltre a trucchi software eleganti come la riduzione del rumore ambientale.

Sfortunatamente per il Razer Kraken, l’attivazione della riduzione del rumore ambientale ha reso il suono del microfono peggiore, non migliore. E a differenza di Arctis 5, il Kraken non viene fornito con alcun tipo di controllo del volume, il che significa che devi regolare tutto usando un software di qualche tipo.

Per quanto riguarda Arctis 5, ha tutto. È possibile ritirare il microfono per spegnerlo o utilizzare il selettore del volume e il pulsante di disattivazione dell’audio incorporati per regolare il volume. E se sei su PC, puoi anche usare il telecomando in linea per regolare il bilanciamento tra audio di gioco e chat, il che è bello se non riesci a sentire i tuoi amici sopra il rumore delle esplosioni in sottofondo. In realtà, l’unica caratteristica che Arctis 5 non ha è un DAC dedicato, che si trova sulle cuffie più costose di SteelSeries.

Infine devi tenere conto della connettività. Razer ti offre due opzioni: puoi avere una cuffia con audio surround USB e 7.1 che funziona sul PC, o nessun suono surround, una spina da 3,5 mm e la possibilità di utilizzare l’auricolare su una console senza un adattatore. Arctis 5 offre audio surround e la possibilità di utilizzare l’auricolare su un PC o con una console, senza necessità di adattatori aggiuntivi. Così l’Arctis 5 ottiene la sua seconda vittoria.

Vincitore: SteelSeries Arctis 5


3. Qualità audio

La qualità del suono è stata la battaglia più stretta delle tre; a parte il G433, che suonava così male quando si utilizza il DAC su PC che pensavo che le cuffie fossero rotte. Con un secondo paio di cuffie G433, mi sono imbattuto nello stesso identico problema. Mentre il G433 suona un po’ meglio quando collegato usando i jack da 3,5 mm, non offre il suono pieno o ricco di qualsiasi altro auricolare della prova. E quando colleghi il DAC, tutto diventa ancora peggio. In genere, cerco di evitare di usare la parola “piano” per descrivere l’audio delle cuffie, quindi lascia che lo metti in questo modo: con il G433, l’audio suona come se stesse rimbalzando all’interno di una tazza di metallo.

L’auricolare Kraken perdeva solo un tocco dei propri bassi, qualcosa che ho incontrato anche su alcuni dei prodotti precedenti di Razer. Per il resto, suonava abbastanza bene, ma quel problema dei bassi, oltre alle difficoltà che ho incontrato con alcune delle funzioni avanzate del microfono, sono sufficienti a metterlo fuori gara.

Quindi rimangono Sound BlasterX H7, SteelSeries Arctis 5 e HyperX Cloud Alpha. Per immergermi profondamente nel loro audio durante il gioco, ho provato le cuffie per più sessioni di gioco di 2 ore, concentrandomi principalmente su Overwatch per la sua eccellente gamma sonora. In particolare, stavo cercando di vedere se potevo individuare singoli dettagli come il rumore di passi che venivano da dietro o il sibilo di un Tracer che si teleporta in lontananza.

Grazie alla possibilità di personalizzare l’EQ e altre impostazioni audio nella sua app, Sound BlasterX H7 e SteelSeries Arctis 5 hanno offerto un audio più che soddisfacente. Tuttavia, l’aderenza più morbida di Arctis 5, ha fatto sì che a volte trapelasse un po’ di rumore ambientale, il che ha reso i suoni più delicati più difficili da sentire. Il Sound BlasterX H7 d’altra parte ha sofferto di una risposta piatta nelle frequenze alte e nei mezzitoni.

Alla fine, la vera stella era l’HyperX Cloud Alpha, che ha dimostrato che non hai bisogno di espedienti o trucchi fantasiosi per far suonare bene le cose. Questo auricolare era l’unico senza un’app per PC dedicata. Invece, il Cloud Alpha si basa su driver a doppia camera di grandi dimensioni, un design chiuso e padiglioni auricolari aderenti per offrire un suono semplice ma di alta qualità. Il suo microfono era ugualmente abile, che i miei amici su Discord concordano che suona il più ricco e accurato rispetto persino al mio microfono Blue Yeti, che costa più di qualsiasi auricolare a confronto . Nel frattempo, il filtro fuzzy pop e il microfono incorporato a cancellazione del rumore hanno aiutato a sintonizzare i suoni indesiderati senza rovinare la mia voce.

Vincitore: HyperX Cloud Alpha


4. Vincitore assoluto

Non so davvero cosa sia andato storto nella realizzazione del Logitech G433, ma è semplicemente troppo stravagante per essere un contendente. Il G433 arrivò persino con la maggior quantità di “extra” nella confezione (custodia di stoffa per il trasporto, un secondo set di padiglioni e tre diversi connettori audio), ma la sua forma e il suo suono erano troppo deludenti.

Le cuffie Razer Kraken, Sound Blaster H7 e HyperX Cloud Alpha avevano tutti i loro punti di forza. Mi piace soprattutto come HyperX sia riuscito a fornire audio di alta qualità senza trucchi o espedienti. Il Cloud Alpha è la quintessenza di un solido design e di un buon suono trasformato in un semplice pacchetto, e se dovessi sceglierlo sarebbe probabilmente il mio secondo classificato.

Ma quando si tratta di scegliere un vincitore assoluto, l’auricolare SteelSeries Arctis 5 è quello che si distingue. Il suo eccezionale comfort, la ricchezza di funzioni e l’audio di alto livello lo hanno spinto primo di tutti gli altri. Le cuffie SteelSeries hanno costantemente superato le aspettative e, dopo tutti i test, è stata la coppia alla quale mi sono ritrovato a gravitare quando era ora di giocare. Se hai intenzione di acquistare un auricolare con un prezzo inferiore a €120, Arctis 5 è la soluzione migliore.

Vincitore: SteelSeries Arctis 5

Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell’e-commerce.

Effemeride.it supporta i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa.

Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche.

Per rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook.