Ti ricordi l’iPod? Anche noi – ma in tutta onestà non ci manca.

Apple ha scelto un tempo strano per uscire, più o meno, dal mercato dei lettori musicali portatili – l’aumento dell’audio ad alta risoluzione ha reso il PMP un essenziale accessorio per gli audiofili… e ci sono alcune buone alternative per iPod, e in alcuni casi a prezzi molto gradevoli. Quindi, se vuoi goderti i brani ad alta definizione mentre sei in movimento o se vuoi solo risparmiare la durata della batteria del telefono, qui di seguito c’è qualcosa che si adatterà alle tue esigenze.

1. FiiO M3

FiiO M3

€54

Sorprendentemente, questo player che costa sui 50 euro è compatibile con i brani ad alta definizione. Un must per chiunque abbia un budget limitato.

  • + Piccolo e leggero
  • + Memoria microSD espandibile
  • + Suono dettagliato
  • + Supporto ad alta definizione
  • – I piccoli controlli non saranno per tutti

Mini verdetto: Un lettore musicale piccolo ma di talento per quelli che non vogliono intasare il loro smartphone con tanti brani.

L’ultimo riproduttore di musica portatile che abbiamo visto da FiiO (l’X5) era troppo grosso.

O il marchio cinese ha preso a cuore le nostre critiche o era semplicemente pronto per la sfida, perché l’M3 ha circa le dimensioni (e il peso) di una scatola di fiammiferi.

Caratteristiche e costruzione

FiiO M3 Caratteristiche e costruzione

È quasi troppo portatile, allo stesso modo che una torta nuziale può essere troppo carina da mangiare. Ma a parte le dimensioni, non è certo un player di bassa statura. Per €54 ottieni un lettore in grado di gestire musica ad alta definizione – il supporto WAV arriva fino a 24-bit/96kHz, mentre FLAC è limitato a 24-bit/48kHz.

La memoria interna da 8GB – è sufficiente per oltre 200 album MP3 o circa dieci album ad alta definizione – e può essere espansa con una scheda microSD fino a 64GB che si inserisce nella parte inferiore dell’unità.

Proprio accanto a essa, c’è un jack per cuffie da 3,5mm e uno slot microUSB per la ricarica. Una ricarica di 2,5 ore ti dà un tempo di riproduzione di 24 ore, solo leggermente più lungo di quanto ci è voluto alla nostra squadra per attaccare il cordino.

Nonostante la sua natura laboriosa, l’accessorio è utile, in particolare considerando le dimensioni minime del FiiO.

Oltre al pulsante di accensione e all’interruttore di blocco per evitare l’accidentale pressione dei pulsanti all’interno della tasca (si trovano sui bordi), la maggior parte dei controlli sono pulsanti retroilluminati al di sotto del display.

Sono -non sorprendentemente – vicini, quindi preferiremmo che i pulsanti del volume fossero spostati di lato.

Passare da un Apple iPhone 6 Plus al FiiO, con il suo schermo da 2 pollici, è un po’ strano ma il display è luminoso e coerente e USA saggiamente la sua superficie.

Durante la riproduzione è in gran parte coperta dalle copertine degli album, e c’è anche la traccia e il titolo dell’album in bella mostra. Curiosamente, il bit e la frequenza di campionamento vengono visualizzati solo quando la copertina dell’album è assente, come una sorta di sostituto.

Tuttavia, tenendo premuto il pulsante del menu si accede alle impostazioni, dove è possibile visualizzare le informazioni sulla traccia, nonché aggiungere tracce alle playlist, selezionare EQ e apportare modifiche generali alla riproduzione.

L’interfaccia è pulita e, una volta presa in considerazione il suo design incentrato sui simboli, è anche abbastanza intuitiva. La tua libreria musicale può essere visualizzata per traccia, artista, album o cartella.

Suono

FiiO M3 Suono

Il drive e l’ardore sono la fibra sonora del FiiO, quindi diamo il via ai test ascoltando The Burglar (16-bit /44.1kHz) di Animal Collective.

I synth psicotropi sono comunicati con una buona sbronza e il FiiO ha la chiarezza e la precisione per evitare di inciampare nei ritmi sperimentali della canzone e nella struttura non convenzionale. Hai la possibilità di ascoltare (se non del tutto seguire) cosa sta succedendo.

Passiamo a Pockets of Light (24-bit/44.1kHz) di Lubomyr Melnyk e ci sono tutti i dettagli che servono mentre ogni nota di piano è distinta e coesiva – anche se gran parte della varianza dinamica del pezzo da 19 minuti è ampiamente trascurata.

Un buon livello di equilibrio tonale e di peso aiuta la performance del M3.

Troviamo però la presentazione dei rivali di Sony (NW-F886) e LG (G5) un po’ più ampia, che diventa una risorsa cruciale quando le melodie a più livelli diventano più complicate e le vibrazioni vocali un po’ sopra le righe.

La linea di fondo è che, se stai cercando l’audio ad alta risoluzione – al di sopra della qualità dei CD musicali – faresti meglio a comprare uno smartphone più avanzato (in termini di qualità e prezzo) o persino un lettore musicale ad alta risoluzione di Sony o Astell & Kern.

Gli auricolari nella scatola non sono particolarmente ergonomici, né sono abbastanza buoni da sfruttare al massimo i pregi del FiiO. Li archiviamo sotto “in caso di emergenza” e impieghiamo qualcosa come i SoundMagic E10S, secondo noi il minimo indispensabile.

Verdetto

Il FiiO M3 si rivolge a coloro che non vogliono che la loro raccolta musicale intasca lo spazio di archiviazione sul proprio telefono, ma non sono disposti a sborsare una quantità significativa per un dispositivo dedicato.

Questo tipo di approccio alla musica in movimento potrebbe essere più di un interesse minoritario rispetto a cinque anni fa, ma tuttavia avrà i suoi fan.

Per tutto ciò che il FiiO offre a questo prezzo, merita un riconoscimento.

2. Cowon Plenue D

Cowon Plenue D

€264,90

Questo maestro di musica portatile dal prezzo realistico sembra fantastico. Lo devi a te stesso provarlo almeno una volta.

  • + Bassi corposi
  • + Medi perspicaci
  • + Ben organizzato
  • + Buon equilibrio tonale
  • – Niente di eccezionale nonostante il prezzo

Mini verdetto: Un lettore portatile a basso costo e di alta qualità che supera facilmente il suono dello smartphone.

Immagina se qualcuno ti chiedesse di cucinare loro la cena, scrivere una poesia, dipingere un ritratto e palleggiare un pallone tutto insieme. A meno che tu non sia una sorta di esperto artistico/atletico universale, probabilmente avrai delle difficoltà a riuscirci.

Indubbiamente avresti più successo se potresti concentrarti su un solo compito alla volta.

Parlando sonicamente, è esattamente ciò che ci aspettiamo dai nostri smartphone. Sono macchine per surfare il web, postare su Facebook, chiamare a casa e ascoltare la musica e ci si aspetta che facciano tutto bene.

Questo è il vantaggio di un dedicato lettore musicale portatile: è progettato esclusivamente per lo scopo di riprodurre musica e, di conseguenza, ha un enorme vantaggio, in termini di prestazioni, sullo smartphone.

Mentre a volte è facile vedere (o, più correttamente, sentire) la logica dei lettori portatili ad alto prezzo, alternative più economiche hanno un compito più difficile.

Devono essere significativamente migliori del tuo telefono, senza costi eccessivi, ed essere abbastanza compatti da non dispiacere di portare in giro un pezzo extra di kit di riproduzione musicale insieme al tuo telefono.

Ecco perché qualcosa come il Cowon Plenue D è così rinfrescante. È compatto, relativamente economico e la sua qualità sonora giustifica immediatamente il suo prezzo.

Caratteristiche e costruzione

Cowon Plenue D Caratteristiche e costruzione

Il Plenue D è di pochi centimetri più corto e un po’ più profondo di un iPhone 8. Pesa 94 g, e il suo corpo in alluminio sembra elegante e si sente a proprio agio nella mano. Fin qui tutto bene.

Sul lato sinistro c’è uno slot per una scheda microSD (fino a 128GB) e sulla destra sono i controlli di riproduzione. È possibile trasferire la musica nella sua memoria interna da 32GB tramite lo slot microUSB nella parte inferiore.

Il Plenue D è in grado di gestire file fino a 24 bit/192kHz nei formati FLAC, AIFF, ALAC, WAV, WMA e MP3 – e una volta caricato, navigare nei suoi menu è relativamente semplice.

Il Plenue D ha un touchscreen, che è più facile dei pulsanti di navigazione. Ordina la tua musica in categorie comuni come genere, artista e anno, oltre ad avere un’opzione ‘Cartelle’ che mostra la musica così com’è sulla memoria interna o esterna.

Cowon ha caricato il Plenue D con le modalità di elaborazione del suono ‘Jet Effect 5′ e ‘BBE+’. Queste eccitanti opzioni offrono una gamma di preset audio, dai più tradizionali (Rock, Classic, Pop, ecc.) a quelli più stravaganti (inclusi “Feel the Wind”, “Mild Shore” e “X-Bass”).

Per le nostre orecchie, alcuni di questi suonano un po’ esagerati. Il rock rende la tua musica più dinamica e incisiva, ma anche un po’ più dura, mentre altri hanno un valore ancora meno ovvio: “Reverb Stadium”, ad esempio, aggiunge un’eco artificiale che inizialmente devia ma sicuramente impedisce la qualità del suono.

L’impostazione “MP Enhance Restore”, che Cowon dice che “migliorerà le armoniche perse attraverso la compressione”, può rendere un suono audio di bassa qualità un po’ più pieno.

Tuttavia, Cowon stesso avverte che potresti sentire delle distorsioni quando usi le impostazioni di JetEffect e che utilizzarle su file ad alta risoluzione potrebbe rallentare la velocità operativa del lettore. In definitiva, ti consigliamo di provarli per te stesso e dopo non utilizzarle mai più.

Dovresti avere tutto il tempo per giocarci, però. Cowon sostiene che il Plenue D ha 100 ore di durata della batteria durante la riproduzione di MP3 e 51 ore per i file ad alta risoluzione senza perdita (a seconda del volume in cui vengono riprodotti, ovviamente).

Suono

Cowon Plenue D Suono

Partendo da una registrazione a 24 bit/192kHz di Sequentia: Lacrimosa di Mozart (come interpretato da Karl Böhm, Konzertvereinigung Wiener Staatsopernchor e Wiener Philharmoniker), siamo lieti di annunciare che il Plenue D lo trasmette con delicatezza e raffinatezza.

L’ascesa dinamica del canto corale è fluida e ben gestita, e ogni linea Latina ha un inizio e una fine ben definiti.

Puoi sentire il vibrato dettagliato nelle corde: la minore variazione nelle note garantisce uno strato extra di introspezione alla musica che altri lettori con un prezzo simile hanno difficoltà a raccogliere.

Passando a qualcosa di più ottimista, una versione a 24 bit/96kHz di Don’t Stop ‘Til You Get Enough di Michael Jackson, il Plenue D non ha problemi con l’estatico grido acuto del Re del Pop all’inizio della traccia, né lotta per stare al passo con la batteria che si muove rapidamente attraverso il campo sonoro.

Il Plenue D ha anche un solido controllo del suo equilibrio tonale. I grandi tamburi dei bassi non sovrastano la voce, gli acuti possono salire senza sentirsi tesi o duri: il Plenue D è un lettore dalla mano equilibrata.

Dagli qualcosa di più impegnativo, come le bassline che scuotono la terra del Supermassive Black Hole (24 bit/96kHz) di Muse, e Plenue D le pompa con una presa salda che trasmette ogni impatto senza compromettere gli strati del suono.

Questa è una canzone che ha bisogno di una buona capacità organizzativa per separare un elemento disparato da l’altro mantenendo un suono coesivo e coerente.

Fortunatamente, il Plenue D gestisce tutto bene – e c’è abbastanza spazio tra gli strumenti per distinguerne la trama.

Anche la gamma media è chiara e dettagliata. Riproduciamo un file a 24 bit/192kHz di American Idiot di Green Day, e il ringhio di Billie Joe Armstrong mentre canta della paranoia della gente emerge chiaramente.

Rispetto alla qualità del suono che si ottiene anche dai migliori smartphone, ci sono più dettagli e più sfumature.

Verdetto

Certamente, il Cowon Plenue D è un lettore che vale la pena. Può gestire una vasta gamma di file, ha una qualità del suono aperta e perspicace ed è facile da usare.

Chi è alla ricerca di un lettore semplice e tascabile, dal costo contenuto, dovrebbe assolutamente provarlo.

3. Astell & Kern AK Jr

Astell & Kern AK Jr Caratteristiche

€510

Con la qualità costruttiva e le prestazioni che si adattano al prezzo, questo è un piacere portatile.

  • + Stile ordinato, bella costruzione
  • + Buona durata della batteria
  • + Livelli di volume adeguati
  • + Suono bilanciato e vivace
  • – Costoso
  • – Quella cornice tattile è un po’ appuntita

Mini verdetto: Una goduria audio. Basta aggiungere le cuffie per il massimo piacere portatile

Potrebbe non sembrarlo alla prima occhiata, ma secondo gli standard di Astell & Kern questo è un lettore musicale portatile ad alta risoluzione sorprendentemente conveniente.

Dopotutto, questa è la compagnia che produce l’AK380, un lettore musicale portatile DSD da €3.000.

Quindi ti aspetti che l’AK Jr sia in qualche modo compromesso, che ha omesso delle cose per fa abbassare il prezzo ,vero? Non possiamo negare che è lo stesso pensiero che avevamo noi quando l’AK Jr è arrivato nel nostro ufficio.

Intendiamoci, è durato finche non lo abbiamo tolto dalla sua scatola e sentimmo che faceva il suo dovere.

Costruzione

Astell & Kern AK Jr Costruzione

Nulla sul modo in cui l’AK Jr appare o si sente nella mano grida riduzione dei costi. È una sottile striscia di alluminio tattile che si assottiglia da 8,9 a 6,9mm di profondità e pesa solo 93 grammi.

Il touchscreen da 3.1 pollici potrebbe non essere l’ultima parola in luminosità o nitidezza, ma è reattivo e l’interfaccia utente è logica.

Solo le curve piuttosto appuntite, che scavano nel palmo della mano quando si tiene l’AK Jr, rovinano l’esperienza complessiva.

Ma non è probabile che tu lo tenga in mano per troppo, e certamente non rovinerà il rivestimento della tua giacca come fa il robusto NW-ZX2 di Sony quando lo infili in tasca.

Caratteristiche

Astell & Kern AK Jr Caratteristiche

Né l’AK Jr viene meno in termini di specifiche. Il suo DAC Wolfson può gestire audio ad alta definizione fino a 24 bit/192kHz e Jr può supportare un’ampia gamma di formati di file, incluso il DSD.

I suoi 64GB di memoria interna sono abbastanza da contenere molti file ad alta definizione, e puoi raddoppiarli fino a 128 GB con una scheda microSD da 64GB. È

anche abilitato per Bluetooth 4.0, quindi lo streaming su cuffie o altoparlanti adatti è saldamente inserito nel menu.

È semplicissimo trascinare e caricare la musica sul Jr. Una volta lì è accessibile attraverso una ricerca di “canzoni”, “artisti”, “album”, “playlist” o elenchi di generi, che sono raramente affidabili.

Collega (o sincronizza in modalità wireless) alcune cuffie adeguatamente capaci – l’impressionante uscita RMS da 1,95V di Jr promette livelli di volume rispettabili.

Suono

Astell & Kern AK Jr Suono

Fin da subito, l’AK Jr ha un suono pieno. La produzione accattivante di Billie Jean di Michael Jackson su 176,4kHz da Quincy Jones sembra fresca come una rosa appena colta, con suoni di percussioni decisamente sostanziosi, bassi impeccabilmente sincronizzati e una gamma media molto ampia e dettagliata che comunica in modo assolutamente esplicito.

Nel corso della canzone – e del resto della musica che ascoltiamo, da So What (192kHz) di Miles Davis a Royals di Lorde (48kHz) – la dinamica è forte e la coesione è convincente.

C’è abbondanza di spazio per respirare ogni elemento della melodia, anche se il Jr li unisce tutti insieme con sicurezza. È un suono vivace, potente e sospeso, e supporta l’audio ad alta definizione in uno stile inequivocabile.

È anche una macchina senza fronzoli, pronta a riprodurre persino gli miserabili file da 256MB venduti da Apple. Un’esecuzione attraverso un file di Fisherman’s Blues di The Waterboys rivela l’approccio imparziale di Jr, la compressione del file annotata ma non forzata.

C’è una decente separazione del suono, un basso dal peso generoso e molta passione vocale esposta nella gamma media.

La presentazione generale è un po’ trascurata, confusa piuttosto che rigorosa come con i file ad alta definizione, ma è tutt’altro che inascoltabile. In effetti, alcune produzioni particolarmente amichevoli per la radio (ad esempio, Bounce di Calvin Harris) non perdono niente.

Verdetto

L’AK Jr fa onore alla sua promessa di volume sostanziale e offre una rispettabile, se non addirittura spettacolare, durata della batteria.

Angoli appuntiti a parte, è una macchina molto difficile da non amare.

Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell’e-commerce.

Effemeride.it supporta i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionato in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa.

Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche.

Per rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook.