Dopo aver ricercato 31 diversi monitor di gioco e testato sei finalisti, consigliamo l’Asus ROG Swift PG279Q per i giocatori con schede grafiche Nvidia e l’Asus MG279Q per le schede AMD. Entrambi i monitor hanno schermi di grandi dimensioni e ad alta risoluzione e offrono una sincronizzazione adattiva a frequenze di aggiornamento elevate per un gioco fluido e fluido senza strappi o balbuzie.

L’Asus ROG Swift PG279Q è un monitor IPS da 27 pollici con una frequenza di aggiornamento massima di 165Hz e supporto per G-Sync, la tecnologia di sincronizzazione adattiva che funziona con le schede grafiche Nvidia. Il suo schermo 2560 × 1440 è il punto ideale per i giochi: grande e ad alta risoluzione, ma non richiede una scheda grafica top-of-line per funzionare con alte impostazioni di qualità e frequenze di aggiornamento, a differenza di un monitor 4K. La sua accuratezza del colore non è buona come quella dei monitor non da gioco ma è abbastanza buona se non la usi anche per lavori di stampa o di fotografia.

L’Asus MG279Q è il miglior monitor di gioco che supporta la tecnologia di sincronizzazione adattiva FreeSync di AMD. L’MG279Q supporta una frequenza di aggiornamento fino a 144 Hz, ma FreeSync si attiva solo quando ci si trova tra 35 e 90 fotogrammi al secondo; che dovrebbe andare bene per la maggior parte dei giocatori. Il suo colore non è preciso come la nostra scelta G-Sync ma nessuno è abbastanza buono per il lavoro di fotografia di fascia alta. Per il resto, l’MG279Q è molto simile alla nostra scelta G-Sync in termini di dimensioni dello schermo e risoluzione, porte e ergonomia del supporto.

Il 24 pollici Dell S2417DG è il monitor G-Sync più economico che abbiamo testato, ma era anche il monitor da gioco più preciso che abbiamo testato nonostante l’utilizzo di un pannello di visualizzazione TN che di solito non funziona bene nei test di qualità dell’immagine. La risoluzione del display 2560 × 1440 è superiore a quella della maggior parte dei monitor da 24 pollici e presenta una densità di pixel maggiore e un’immagine più nitida rispetto ai monitor G-Sync da 1920 x 1080 da 27 pollici che sono comuni in questa fascia di prezzo. L’S2417DG supporta frequenze di aggiornamento fino a 165Hz, con o senza G-Sync abilitato.

Il XG2402 di Viewsonic è un ottimo monitor FreeSync, ma fa alcuni sacrifici per avere un prezzo basso. Il suo pannello TN da 24 pollici supporta una frequenza di aggiornamento di 144Hz ed è di buone dimensioni per la maggior parte delle persone, ma funziona con una risoluzione 1920 × 1080. Questo è poco più della metà dei pixel della nostra scelta FreeSync principale, l’Asus MG279Q. Il FreeSync su XG2402 smette di funzionare se si scende a meno di 48 fotogrammi al secondo (il FreeSync della nostra scelta principale funziona fino a 35 fotogrammi al secondo) e la garanzia di questo modello è peggiore delle nostre scelte Asus o Dell.

Per chi è questo

Un monitor da gioco con un’alta frequenza di aggiornamento e una tecnologia di sincronizzazione adattativa offre un’esperienza di gioco notevolmente più fluida rispetto a un monitor standard. Gli input del mouse e della tastiera sono più veloci e reattivi. Il gameplay è più realistico e fluido, soprattutto per gli sparatutto in prima persona, dove avere il doppio delle informazioni visive al secondo potrebbe significare la differenza tra un colpo in testa e un miss. Se giochi spesso a partite multiplayer competitive, considera un monitor di gioco. Una volta che ne hai usato uno, non vorai tornare indietro.

Tuttavia, tale fluidità viene a scapito della precisa e accurata riproduzione dei colori, quindi un monitor da gioco non è una buona scelta se si tratta di un computer che utilizzerai anche per lavoro come produzione di stampe, grafica o fotoritocco. Se questo è il caso (o giochi solo occasionalmente), un monitor più versatile per uso generale è una soluzione migliore. Questi monitor hanno una fedeltà dei colori molto migliore e costano meno di un monitor da gioco equivalente, e la loro frequenza di aggiornamento a 60Hz, ovvero il monitor ridisegna lo schermo 60 volte al secondo, va comunque bene per la maggior parte dei giochi.

Ma non è solo il fatto che i più alti tassi di aggiornamento dei monitor di gioco rendono le immagini più uniformi con meno strappi dei monitor a 60Hz. (Alcune delle nostre scelte arrivano fino a 165Hz). Il vero vantaggio è la sincronizzazione adattiva.

Brad Chacos di PCWorld spiega: “La tua scheda grafica spinge le immagini sul tuo monitor il più velocemente possibile, ma i monitor tradizionali aggiornano la loro immagine a una velocità impostata – un monitor da 60Hz, ad esempio, si aggiorna ogni 1/60 di secondo. Quando la tua scheda grafica offre frame al di fuori di tale velocità, il tuo monitor mostra simultaneamente una porzione di un frame e il frame successivo sullo schermo, causando la temuta lacerazione dello schermo. Sembra che l’immagine stia cercando di dividersi in due parti e strapparsi in direzioni diverse, e peggiora la dinamica del frame rate del tuo gioco. È brutto. Maledettamente brutto. ”

La sincronizzazione adattiva consente alla scheda grafica e al monitor di aggiornarsi alla stessa velocità, eliminando lo strappo. Combinandolo con una velocità di aggiornamento alta ottieni quello che Jeremy Laird da Rock, Paper, Shotgun chiama “un senso di cose che si muovono in modo fluido, piuttosto che immagini che vengono renderizzate e animate fotogramma per fotogramma. In breve, rimuove un altro strato che ti separa da una più completa immersione in ciò che stai guardando.”

Potrai trarre il massimo vantaggio da un monitor di gioco se il tuo desktop o laptop è abbastanza potente da produrre un’alta frequenza di fotogrammi nei giochi. Se colpisci costantemente più di 90 fotogrammi al secondo, un grande monitor di gioco può migliorare la tua esperienza.

Se stai lottando per raggiungere 60 frame al secondo, un monitor di gioco può ancora fornire alcuni miglioramenti visivi, ma saranno molto meno evidenti. Anche se puoi comunque provare a ridurre la qualità grafica dei tuoi giochi per ottenere un frame rate più alto. A quel punto, potresti essere in grado di migliorare l’aspetto dei tuoi giochi aggiornando la tua scheda grafica invece del tuo display.

Assicurati di verificare che il tuo sistema abbia le giuste connessioni per i giochi ad alte frequenze di aggiornamento. In genere, è necessario utilizzare DisplayPort anziché HDMI per i monitor con frequenze di aggiornamento elevate; verificare che questa connessione sia presente sulla scheda video o sul laptop e controllare le specifiche del produttore per confermare che la scheda video o il laptop supportano la frequenza di aggiornamento massima del monitor con la risoluzione predefinita del monitor.

Come abbiamo scelto

Ecco le caratteristiche di cui dovresti preoccuparti quando acquisti un ottimo monitor di gioco:

G-Sync o FreeSync: queste tecnologie di sincronizzazione adattiva corrispondono la frequenza di aggiornamento del monitor alla frequenza dei fotogrammi del gioco. Il G-Sync di Nvidia supporta una gamma più ampia di frequenze di aggiornamento, da circa 30Hz fino alla massima frequenza di aggiornamento del monitor, ma i monitor G-Sync utilizzano la tecnologia proprietaria Nvidia che li rende più costosi. Quello che usi dipende dalla tua scheda grafica: i giocatori Nvidia ottengono G-Sync; I giocatori AMD ottengono FreeSync.

Tipo di pannello: la maggior parte dei giocatori dovrebbe prendere in considerazione i display IPS, che in genere hanno angoli di visualizzazione migliori e colori più precisi, anche se a volte più bassi, rispetto ai pannelli TN.

Dimensioni e risoluzione: raccomandiamo un monitor da 27 pollici con una risoluzione di 2560 × 1440. È fisicamente abbastanza grande da essere in grado di vedere quello che stai facendo senza scalare l’interfaccia utente, ma non così grande da dominare la tua scrivania.

Qualità dell’immagine: un monitor di sincronizzazione adattativa dovrebbe essere in grado di visualizzare colori vibranti e precisi, ma trovare monitor di gioco che incorporano tutte le altre funzioni consigliate, avere una grande accuratezza dell’immagine e non costare troppo è raro.

Porte: HDMI e DisplayPort sono obbligatori. Questo è particolarmente vero per DisplayPort, che ha più larghezza di banda per risoluzioni più elevate e frequenze di aggiornamento, ed è richiesto per G-Sync. La maggior parte dei monitor di fascia alta viene fornita anche con un hub USB 3.0, che è utile per collegare dispositivi o unità flash e per caricare gli smartphone. È necessario preoccuparsi delle nuove porte come HDMI 2.0 o DisplayPort 1.3 solo se si acquistano monitor 4K o 5K. Nessuno dei nostri monitor di gioco supporta il 4K, quindi versioni “più vecchie” come HDMI 1.4b o DisplayPort 1.2 sono perfettamente adeguate.

Orientabilità: dovresti essere in grado di inclinare, ruotare e girare il pannello del tuo prossimo monitor da gioco. Dovrai anche essere in grado di regolare la sua altezza su e giù, il che è molto meglio che posizionare il tuo nuovo monitor su una brutta pila di libri.

Prezzo e valore: un tipico display G-Sync costa più di un display FreeSync, perché il produttore deve pagare Nvidia per l’hardware che fa funzionare G-Sync. Un grande schermo da gioco non dovrebbe costare più di €800. Vai più in alto e puoi prendere un monitor ultrawide o 4K (se entrambi i formati ti interessano, entrambi hanno i loro svantaggi). Vai a un valore inferiore a €500 o giù di lì e devi sacrificare dimensioni, risoluzione, connessioni o intervallo di sincronizzazione adattativa (per schermi FreeSync).

Garanzia e assistenza clienti: la maggior parte dei grandi monitor viene fornita con una garanzia limitata di tre anni. Il produttore dovrebbe anche disporre di criteri per pixel luminosi e morti. Ad esempio, se il tuo monitor viene fornito con un pixel luminoso, devi avere la possibilità di sostituirlo. Dovresti anche essere in grado di ricevere assistenza in garanzia se il tuo monitor acquisisce più di un certo numero di pixel morti entro il primo anno (o tre).

Abbiamo iniziato la nostra ricerca esaminando le più recenti liste di monitor da gioco più apprezzati da un certo numero di fonti esperte: TFT Central, CNET, PC Gamer, Tom’s Guide, PCMag e IGN. Abbiamo assemblato un elenco di 31 monitor in base ai nostri criteri e opinioni dei revisori, e quindi abbiamo ristretto questo numero a sette finalisti e ne abbiamo provati sei: il ViewSonic XG2703-GS non era disponibile al momento dei nostri test. Per G-Sync, abbiamo testato l’Asus ROG Swift PG279Q, il Dell S2417DG e l’Asus ROG Swift PG258Q. Per FreeSync, abbiamo testato l’Asus MG279Q, il ViewSonic XG2402 e il Dell SE2717H.

Come abbiamo provato

Abbiamo utilizzato lo stesso protocollo di test di sempre, che prevede l’analisi della precisione del colore di ogni monitor e dei livelli di nero con uno spettrofotometro i1Publish Pro 2 e un colorimetro i1 Display Pro.

Abbiamo eseguito test personalizzati nella suite di calibrazione del software CalMAN 2017 Ultimate per misurare ogni display in alcune aree chiave:

  • Luminanza bianca e nera a livelli di luminosità massimi e minimi (per i rapporti di contrasto)
  • Livello gamma
  • Temperatura di colore
  • Precisione del colore per scale di grigi, oltre 100 colori spot e incrementi di saturazione del 10% per rosso, verde, blu, ciano, magenta e giallo puri.

Prima del test, abbiamo regolato la luminosità di ciascun monitor a 140 cd/m², un buon valore di luminanza per l’uso quotidiano, e impostando il contrasto più alto possibile senza perdere i dettagli bianchi. Abbiamo lasciato ogni altra impostazione sul suo valore predefinito. Abbiamo anche utilizzato ciascuno dei nostri finalisti per alcuni giorni, per lavoro quotidiano, visione di alcuni film e riproduzione di molti giochi.

1. Miglior monitor G-Sync: Asus ROG Swift PG279Q

Miglior monitor G-Sync Asus ROG Swift PG279Q

L’Asus ROG Swift PG279Q è il miglior monitor da gioco G-Sync. A 27 pollici, questo display da €743,63 ha una dimensione perfetta per videogiochi coinvolgenti e la sua risoluzione di 2560 × 1440 offre molto spazio sul desktop per il lavoro. Il PG279Q supporta una frequenza di aggiornamento di 165Hz, una delle più alte frequenze di aggiornamento dei monitor che abbiamo testato, superata solo dai 240Hz di Asus ROG Swift PG258Q. La nostra scelta ha avuto il miglior rapporto di contrasto e il più basso livello di nero misurato tra i nostri finalisti, il che aiuta a far emergere dettagli nei film e nei giochi; ha tutte le connessioni di input necessarie e un hub USB 3.0 integrato; ed è incredibilmente regolabile.

Il G-Sync ha funzionato perfettamente con un ampia varietà di giochi. Il monitor supporta anche una frequenza di aggiornamento nativa di 144Hz, corrispondente al massimo che abbiamo visto sulla maggior parte dei monitor da gioco, ma può anche overcloccare fino a 165Hz tramite un’impostazione software. Probabilmente non avrai bisogno di overclockare il tuo monitor, perché pochi sistemi di gioco possono distribuire 165 fotogrammi al secondo in giochi nuovi e con impostazioni di alta qualità. Tuttavia, per i giocatori che hanno investito nelle ultime e più veloci schede grafiche, è un’opzione che pone il PG279Q leggermente al di sopra della maggior parte dei suoi pari.

L’Asus ROG Swift PG279Q supporta i due standard di connessione per display grandi, HDMI 1.4 e DisplayPort 1.2a, sebbene G-Sync funzioni solo su DisplayPort. Un hub USB 3.0 a due porte integrato è utile per collegare dispositivi come mouse, tastiere o telefoni, senza dover ricorrere alle porte sul desktop. Le porte, tuttavia, funzionano solo quando lo schermo è acceso, quindi non è possibile utilizzarle per caricare i dispositivi quando è spento. Asus include un cavo HDMI, un cavo DisplayPort e un cavo USB nella scatola.

Sebbene il PG279Q utilizzi un pannello IPS a 10 bit, che offre una migliore visione off-angolo e una precisione del colore solitamente migliore di un pannello TN, Asus non esegue la pre-calibrazione di questo monitor. La sua accuratezza dei colori era ancora buona se confrontata con quella degli altri monitor che abbiamo testato e appena leggermente inferiore dal migliore (l’S2417DG di Dell).

Nei nostri test di qualità delle immagini, il PG279Q ha ottenuto i livelli neri più bassi di tutti i nostri finalisti, il che ha consentito di ottenere un rapporto di contrasto di 1.152:1 – la differenza di luminosità tra lo schermo bianco e uno schermo nero. Nient’altro che abbiamo testato ha raggiunto un rapporto di contrasto superiore a 800:1. Ciò significa che non perderai i dettagli più fini delle scene più scure nei giochi o nei film come potresti fare con altri monitor.

I migliori monitor hanno una vasta gamma di luminanze, che ti dà più flessibilità per usare il display in qualsiasi cosa, da una stanza illuminata bene dal sole a una cantina buia. Un grande monitor dovrebbe essere almeno in grado di scendere a meno di 60 cd/m². Sebbene il PG279Q non avesse la luminanza più bassa dei monitor che abbiamo testato, la sua gamma da 56.8 a 349.3 significa che andrà benissimo in un’ampia gamma di condizioni ambientali.

Utilizziamo il nostro test della scala di grigi Calman, che misura 33 punti dal nero completo (0%) al bianco completo (100%), per darci il numero di gamma del monitor. Gamma, spiegato brevemente, rende i toni medi di un’immagine più scura quando è più alta, mentre i gamma più bassi rendono i toni intermedi più chiari e più sbiaditi. Ad una gamma misurata di 2.381, il PG279Q si avvicinò molto alla nostra gamma target di 2.4, lo standard sRGB.

Abbiamo testato la qualità del display misurando i numeri DeltaE 2000 del monitor, che ci dicono quanto il colore visualizzato sia vicino al colore che si suppone debba essere. Un valore inferiore a 1.0 è quasi perfetto. Un valore inferiore a 2.0 è sufficiente per il lavoro di produzione di stampa, e probabilmente non saresti nemmeno in grado di distinguere la differenza se un monitor migliore fosse seduto proprio accanto al tuo display. Con un DeltaE 2000 di 3.0 o superiore, sarai in grado di distinguere tra i colori del tuo monitor e un perfetto campione di riferimento.

Nei nostri test in scala di grigi, il monitor aveva un DeltaE 2000 medio di 5,96, che superava ampiamente il 3.0 nella curva della scala di grigi, il punto in cui si nota una discrepanza se si disponesse di un campione perfetto con cui confrontare il monitor. La sua incapacità di produrre un bianco chiaro e preciso ha influito anche sugli altri test. Misurare i tre colori primari (rosso, verde e blu) e secondari (ciano, magenta e giallo) ci ha regalato un DeltaE 2000 di 4.3424 – migliore, ma non eccezionale. Il nostro test con Colorchecker, che misura più di 100 colori diversi per accuratezza, ha ottenuto un DeltaE 2000 medio di 3,2249. In generale, altri monitor che abbiamo testato, anche quelli con pannelli TN, avevano schermi più precisi.

Anche se le scale dei grigi del monitor sono colorati di blu, le funzionalità di gioco del monitor sono più importanti per il pubblico che lo acquisterà. Un sacco di monitor calibrati in fabbrica hanno un aspetto migliore rispetto al PG279Q, ma non hanno G-Sync o una frequenza di aggiornamento di 165Hz.

L’accuratezza dei colori è difficile da trovare in qualsiasi monitor di gioco: se si desidera migliorare la precisione del colore, è possibile provare a calibrare lo schermo da soli.

Il supporto di ROG Swift PG279Q non è ingombrante o fastidioso come quelli di altri monitor che abbiamo testato e consente di girare il monitor di 60 gradi a sinistra e a destra, inclinare il pannello da -5 a 20 gradi rispetto alla verticale e ruotare il pannello di 90 gradi in senso orario per posizionare il monitor in modalità verticale o orizzontale. Puoi anche regolare l’altezza del pannello di circa 4¾ pollici.

Amiamo il look creato dalla lunetta ultrasottile del PG279Q. A soli 6mm, dà al display l’illusione di essere più grande di quanto sia in realtà – e la ghiera è ancora migliore per i fan multi-monitor che non vogliono un divario significativo tra i loro due display. Asus ti offre una serie di pulsanti fisici, di facile comprensione, per la navigazione del display sullo schermo, ma sono posizionati nella parte inferiore destra del monitor. Sebbene ciò assicuri che il display appaia piatto, ininterrotto e attraente nella parte anteriore, probabilmente azionerai il pulsante sbagliato prima di abituarti a dove si trovano.

E poiché questo è un monitor da gioco, Asus aggiunge un tocco di originalità alla sua base consentendo all’anello sul suo supporto, dove si ruota il monitor avanti e indietro, di illuminarsi in una bella tonalità di rosso Cylon. Puoi comunque disattivarlo se lo odi.

Gli altoparlanti incorporati nel monitor sono belli da avere in caso di emergenza – se hai dimenticato di portare le cuffie a casa dal lavoro, per esempio – ma, come ogni altro altoparlante per monitor, non impressioneranno nessuno. Tuttavia, siamo lieti di averli per quei momenti occasionali. Il monitor ha anche un jack per cuffie da 3,5mm se non hai voglia di collegare il cavo delle cuffie sul PC desktop o portatile.

PC Gamer chiama il PG279Q il suo miglior monitor di gioco globale, elogiandone dimensioni e risoluzione, qualità costruttiva e sistema di menu. Anche a TFT Central, il monitor ha guadagnato il massimo elogio del sito, una valutazione “consigliata”, per le sue prestazioni di gioco, i tempi di risposta e la qualità del display.

Asus fornisce una tipica garanzia limitata di tre anni per il pannello e il rivestimento del PG279Q. Ancora più importante, offre una garanzia Zero Bright Dot per il primo anno del monitor. In altre parole, se anche un solo pixel sul display emette un flusso di luce costante e fastidioso, questo sarà coperto. Se trovi dei pixel scuri (o “bloccati”) sul monitor, sei sfortunato: Asus ritiene accettabile avere cinque o meno in qualsiasi momento nei tuoi primi tre anni con PG279Q. Asus offre anche Advanced Rapid Replacement, dove la compagnia ti spedirà un monitor sostitutivo prima di dover spedirli il tuo.

Miglior monitor G-Sync: difetti

Come accennato in precedenza, la qualità dell’immagine è il più grande difetto di questo monitor. La sua scala di grigi e la riproduzione dei colori sono molto meno accurate di quelle di qualsiasi monitor per uso generico che raccomandiamo e sono un po’ peggiori di quelle dei nostri altri finalisti. E’ persino secondo in questo campo al pannello TN trovato sulla nostra scelta economica di monitor G-Sync, il Dell S2417DG. Tuttavia, nessun monitor da gioco con sincronizzazione adattiva ha una grande accuratezza del colore; questo non è un monitor per il fotoritocco. L’alta frequenza di fotogrammi e la sincronizzazione adattiva sono più importanti per il gioco multiplayer competitivo, e su quelli eccelle questo monitor.

Il PG279Q utilizza una scatola di alimentazione invece del normale cavo di alimentazione utilizzato dalla maggior parte dei monitor. Il “mattone” è ingombrante e fastidioso da gestire se si sta cercando di tenere i cavi sotto la scrivania in ordine, e sarà più difficile sostituirlo se lo si perde.

2. Miglior monitor FreeSync: Asus MG279Q

Il miglior monitor FreeSync Asus MG279Q

L’Asus MG279Q è il miglior monitor di gioco per le persone con schede grafiche AMD. Come la nostra scelta G-Sync, supporta una frequenza di aggiornamento di 144Hz, ma a causa delle peculiarità di FreeSync, la tecnologia di sincronizzazione adattiva funziona solo tra 35Hz e 90Hz (a meno che non si utilizzi uno strumento di terze parti come Custom Resolution Utility per spingerlo più in alto). Per il resto, questo display da €573,72 ha la stessa risoluzione a 1440p, dimensioni dello schermo da 27 pollici, connessioni di input, supporto USB 3.0 e regolazione come la nostra scelta G-Sync; i colori sono lo stesso accurati e di solito costa circa €170 in meno.

Sebbene alcuni monitor possono eseguire FreeSync fino alla frequenza di aggiornamento completa di 144Hz, nella nostra ricerca non abbiamo rilevato nessuno che raggiungesse i nostri alti criteri: pannelli IPS, risoluzioni elevate su display di grandi dimensioni, ampie connessioni e molta regolabilità. Non siamo preoccupati per la gamma FreeSync dell’MG279Q perché la maggior parte dei giocatori che giocano a giochi moderni con impostazioni di qualità alta sulla risoluzione 2560 × 1440 dell’MG279Q probabilmente non arriveranno a 144 fotogrammi al secondo con una singola scheda grafica. Probabilmente non noterai differenze nel gameplay di ogni giorno tra il FreeSync limitato a 90Hz di questo monitor e FreeSync a 120Hz o 144Hz.

L’MG279Q supporta una DisplayPort 1.2 e due connessioni HDMI 1.4, nonché una singola connessione Mini DisplayPort 1.2. Ciò ti dà molta flessibilità nell’usare il monitor come punto focale di una configurazione da scrivania multi-dispositivo (con computer e una console di gioco, per esempio). Il suo hub integrato USB 3.0 a due porte semplifica la connessione di dispositivi da scrivania o altri gadget che si desidera caricare e il monitor continuerà a fornire alimentazione anche se passa alla modalità standby, una funzione che manca dalla nostra scelta G-Sync.

Asus include un cavo Mini-DisplayPort-to-DisplayPort e un cavo HDMI nella confezione, insieme a un cavo USB per l’hub integrato del monitor. A differenza della nostra scelta G-Sync, l’MG279Q utilizza un cavo di alimentazione standard, incluso nella confezione.

Similmente alla nostra scelta G-Sync, l’MG279Q non ha la stessa qualità d’immagine di un display precalibrato, o persino un monitor con uno schermo più valido (e un pannello più scarso) come l’S2417DG di Dell. Superò rapidamente, nella curva della scala di grigi, un valore DeltaE 2000 pari a 3.0, ovvero il punto in cui si poteva notare una differenza di colore se si disponesse di un campione di riferimento perfetto con cui confrontarsi. I suoi bianchi erano tinti di ciano, che ha dato alle sue scale di grigio un DeltaE 2000 complessivo di 6.744.

Ha funzionato meglio con i test dei colori primari e secondari, con un DeltaE 2000 medio di 4.3215. È molto meglio della sua precisione in scala di grigi, ma nessuna dei due è stata all’altezza degli altri monitor da gioco che abbiamo testato. I test Colorchecker dell’MG279Q, una misurazione di oltre 100 colori diversi, avevano un valore DeltaE 2000 pari a 4.6541.

I bassi livelli di nero e un forte rapporto di contrasto di 787:1 non erano buoni come quelli della nostra scelta G-Sync di 1.152: 1; tuttavia, l’MG279Q fa comunque un buon lavoro mostrando i dettagli nelle scene più scure. La gamma di luminanza dell’MG279Q era ugualmente impressionante, raggiungendo una luminosità massima di 378,7 cd/m² e una luminosità minima di 47,627 cd/m². Non solo sarai in grado di regolare la luminosità del monitor piuttosto in basso se stai giocando in un ambiente buio, ma sarai anche in grado di alzarlo più in alto se hai intenzione di giocare in una stanza ben illuminata dal sole.

Come con la nostra scelta G-Sync, puoi facilmente regolare tutti gli aspetti dell’MG279Q. Il piedistallo è incredibilmente robusto, anche se di dimensioni ridotte, che comunque aiuta il monitor ad essere ben ancorato alla scrivania. Il supporto consente di girare il display di 60 gradi in entrambe le direzioni, inclinare il pannello da -5 a 20 gradi rispetto alla verticale, spostare il pannello verso l’alto e verso il basso di circa 4 pollici e ruotarlo di 90 gradi in senso orario.

La ghiera “super sottile” dell’MG279Q, come la chiama Asus, è più spessa rispetto alla nostra scelta G-Sync misurando 13mm sui lati e sopra e 16mm sul fondo. È abbastanza spessa da creare un bordo visibile in una configurazione multi-monitor. La ghiera non è un problema per l’uso regolare; semplicemente non particolarmente sottile.

Come nella nostra scelta G-Sync, Asus ha attaccato i pulsanti che usi per navigare il menu sul retro del lato destro del monitor. Questo gli conferisce un aspetto gradevole e piatto quando lo stai fissando, ma probabilmente causerà un po’ di confusione finché non ti abituerai a quali pulsanti corrispondono a quali comandi.

Il monitor include una clip di gestione dei cavi sul retro del supporto che è possibile scollegare se non è necessaria. Il monitor si stacca dal suo supporto premendo un singolo bottone, nel caso in cui si desideri rimontare il display su un braccio VESA.

Gli altoparlanti incorporati nel monitor sono terribili, come la maggior parte degli altoparlanti monitor, ma sono convenienti quando ne hai bisogno. Un jack per cuffie da 3,5mm incluso ti consente di collegare le cuffie, il che ti eviterà di dover collegare il cavo al PC desktop.

PC Gamer ha scelto MG279Q come miglior monitor FreeSync, commentando che “nessun altro display IPS FreeSync […] può raggiungere le specifiche di MG279Q”.

La garanzia limitata di tre anni di Asus copre il pannello e l’alloggiamento del MG279Q. I possessori di MG279Q possono usufruire dell’opzione di sostituzione rapida avanzata di Asus, proprio come con la nostra scelta G-Sync, ma questo monitor non è coperto dalla polizza Zero Bright Dots dell’azienda.

Miglior monitor Freesync: difetti

Come con la nostra scelta G-Sync, l’MG279Q non è calibrato in fabbrica, quindi non dovresti acquistarlo se la precisione del colore è la tua massima priorità. Ma questo è quello che sacrifichi per avere un monitor con sincronizzazione adattativa, al momento; il gameplay più fluido che consente FreeSync, grazie all’eliminazione dello strappo e della balbuzie dello schermo, compensa la disparità di colore. Se vuoi colori più precisi, puoi provare a calibrare il monitor da solo.

3. Miglior monitor G-Sync economico: Dell S2417DG

Miglior monito G-Sync economico Dell S2417DG

Se vuoi un monitor G-Sync più piccolo o più economico, il Dell S2417DG è un’ottima scelta. Poiché questo monitor da 24 pollici utilizza un pannello TN, la visualizzazione fuori angolo è terribile. Ma la sua frequenza di aggiornamento di 144Hz (overclockabile a 165Hz) è buona, la sua risoluzione 2560 × 1440 è superiore a quella della maggior parte dei monitor delle sue dimensioni e sorprendentemente ha la migliore qualità d’immagine di tutti i monitor da gioco che abbiamo testato. Il suo supporto è regolabile e di grandi dimensioni, e ha la stessa buona gamma di porte simile ai nostri monitor di primissima scelta offrendo sia regolabilità che connettività.

Come la nostra scelta G-Sync primaria, il ROG Swift PG279Q di Asus, il monitor Dell supporta una frequenza di aggiornamento di 144Hz e può anche overcloccare a 165Hz. La maggior parte dei giocatori probabilmente non sarà in grado di ottenere frame rate tanto elevati quando riproducono titoli moderni con le impostazioni di più alta qualità alla risoluzione 1440p nativa del monitor, quindi questa funzione è più da mostra che necessaria. Il monitor Dell ha lo stesso numero e tipo di connessioni della nostra scelta primaria: HDMI 1.4, un DisplayPort 1.2a, due porte USB 3.0 e un jack per cuffie da 3,5mm.

Ciò che distingue l’S2417DG è la sua qualità dell’immagine, la migliore di tutti i monitor da gioco che abbiamo testato, il che è estremamente sorprendente data la precisione dei problemi riscontrati nei pannelli TN. Il display ha raggiunto un DeltaE 2000 di 2.3128 sui nostri test in scala di grigi. Questo è praticamente perfetto per un monitor da gioco, perché avresti difficoltà a vedere una differenza se avessi un monitor più accurato per confrontare il S2417DG con.

Quando abbiamo testato diverse saturazioni dei colori primari e secondari su S2417DG, il suo DeltaE 2000 medio era leggermente meno accurato a 3.3861, ma ancora molto valido. Il nostro test ColorChecker di 100 colori diversi ha prodotto un DeltaE 2000 di 3.1329. Questi sono ottimi numeri per un display TN che Dell non ha nemmeno pre-calibrato, e leggermente migliori della nostra scelta primaria… anche se alla fine non si noterà una grande differenza tra i due.

L’S2417DG è regolabile in modo simile alla nostra scelta principale. È possibile inclinare il display da -5 a 21 gradi rispetto alla verticale, girarlo di 45 gradi in entrambe le direzioni, ruotarlo di 90 gradi in senso orario in modalità verticale e alzarlo o abbassarlo per un totale di circa 5,1 pollici. Se si desidera rimontare il pannello del monitor su un braccio VESA, è sufficiente premere un pulsante per far separare il display dal suo supporto.

Dell offre una garanzia limitata standard di tre anni per S2417DG, proprio come le nostre scelte primarie. La garanzia del pannello Premium dell’azienda ti offre una sostituzione gratuita se trovi dei pixel luminosi sul display quando lo usi per la prima volta: i pixel scuri non sono coperti. Come ulteriore vantaggio, il servizio Advanced Exchange consente ai clienti il ​​cui monitor ha problemi di ricevere un sostituto da Dell prima di dover spedire il monitor difettoso.

La nostra scelta G-Sync economica ha ricevuto numerosi riconoscimenti sin dal suo debutto nell’autunno del 2016: “Scelta dell’Editore” di PCMag e Tom’s Guide, una raccomandazione “Miglior Monitor” da CNET e una “Raccomandazione Top da parte di PCMonitors.info.

4. Miglior monitor Freesync economico: ViewSonic XG2402

Miglior monitor Freesync economico ViewSonic XG2402

Il ViewSonic XG2402 è un modo incredibilmente economico per ottenere la sincronizzazione adattiva per il tuo desktop di gioco FreeSync. La risoluzione predefinita di 1920 × 1080 è adeguata per il suo schermo da 24 pollici, ma la quantità di spazio desktop che si ottiene è solo il 56 percento delle nostre scelte primarie. Detto questo, l’XG2402 costa solo €279 al momento della scrittura, meno della metà del prezzo della nostra scelta principale, e condivide le connessioni e il supporto regolabile di quel monitor.

L’XG2402 supporta la stessa frequenza di aggiornamento massima della nostra scelta primaria a 144Hz, ma un intervallo diverso per FreeSync. Sebbene la sua sincronizzazione hardware funzioni fino a 144Hz, smette di funzionare al di sotto dei 48Hz; avremo preferito che FreeSync funzionasse ad una velocità inferiore, perché i giochi graficamente intensi hanno maggiori probabilità di scendere al di sotto di 48 fotogrammi al secondo rispetto a quelli da eseguire a 144 fotogrammi al secondo. Detto questo, poiché si tratta di un monitor 1080p, potresti essere in grado di ottenere un frame elevato, dato che non ci sono tanti pixel da gestire come in un display a 1440p.

L’XG2402 include due porte HDMI, una DisplayPort e due connessioni USB 3.0. Il monitor è dotato anche di due altoparlanti integrati: niente di cui entusiasmarsi, ma bello da avere, e può essere regolato in tutti gli stessi modi della nostra scelta primaria. Per separare il pannello e ricollegarlo a un braccio VESA, è sufficiente premere un solo pulsante.

Durante i nostri test di qualità dell’immagine, l’XG2402 ha ottenuto un DeltaE 2000 complessivo di 5.4423 per le sue scale di grigi, leggermente migliore rispetto alla nostra scelta FreeSync primaria, ma non una differenza che si noterà nell’uso quotidiano. Il monitor è migliorato quando abbiamo concentrato i nostri test su diverse saturazioni dei colori primari (RGB) e secondari (CMY), raggiungendo un DeltaE 2000 medio di 3.5747. Fa un po’ meglio della nostra scelta primaria, ma non è ancora incredibile. Lo stesso vale per il nostro test ColorChecker, dove abbiamo calcolato un DeltaE 2000 di 4.0517.

Il monitor ViewSonic viene fornito con la tipica garanzia hardware limitata di tre anni. La società consente al monitor di avere fino a tre pixel “funzionanti in modo errato” e non più di due pixel luminosi o due pixel scuri – non buono come le garanzie di Dell o Asus, che coprono qualsiasi pixel luminoso.

La competizione

L’Asus ROG Swift PG258Q ha uno strano stand a tre punte, che sembra prendere più spazio sulla scrivania rispetto a un supporto rettangolare più convenzionale. Il display G-Sync da 25 pollici non ha funzionato bene come altri monitor G-Sync sui nostri test del display, sebbene supporti una frequenza di aggiornamento di 240Hz; che paghi profumatamente però; pensiamo che il display sia troppo costoso per le sue dimensioni, la risoluzione a 1080p e la generale qualità.

Il Dell SE2717H è un display FreeSync da 27 pollici che costa ancora meno della nostra scelta economica. Le dimensioni extra dello schermo non valgono i suoi numerosi compromessi: un limite di 75Hz per la sincronizzazione hardware, nessuna connessione DisplayPort, nessuna porta USB e solo regolazioni dell’inclinazione. La nostra scelta FreeSync economica è un affare molto migliore.

Come parte della nostra ricerca, abbiamo anche esaminato le caratteristiche, le prestazioni e le recensioni di altri 25 monitor di gioco molto apprezzati o venduti. Di questi, 11 non supportavano G-Sync o FreeSync, facendoci escluderli. Tre erano monitor 4K, che non raccomandiamo come monitor da gioco per la maggior parte delle persone. Il resto non è riuscito a entrare nel nostro elenco dei finalisti per vari motivi: funzionalità chiave che mancavano, non avevano abbastanza recensioni positive, o il prezzo era più alto rispetto ai monitor concorrenti con più funzionalità.

I punti salienti di rilievo di quel gruppo includono l’Asus ROG Swift PG278QR, un monitor G-Sync che aveva dimensioni, risoluzione, connessioni e regolabilità eccezionali. Il suo pannello TN è meno ideale del pannello IPS della nostra scelta primaria (anche se quest’ultimo costa attualmente oltre €100 in più). Lo stesso era vero per il Dell S2716DG, un display G-Sync con tutti gli attributi giusti (e due porte USB 3.0 extra), ma anch’esso escluso per il suo pannello TN. L’Acer Predator XB272 era quasi un concorrente per G-Sync, ma abbiamo ritenuto che le sue dimensioni (27 pollici), la risoluzione (1920 × 1080) e il tipo di pannello (TN) fossero una combinazione scomoda per l’uso quotidiano.

Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell’e-commerce.

Effemeride.it supporta i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa.

Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche.

Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook.

Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti alla nostra Newsletter oppure al Blog tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Articolo aggiornato l’11 giugno 2018: Abbiamo controllato la nostra lista, e questi sono ancora i migliori monitor di gioco.

FONTEWirecutter
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.