Recensione di Samsung QE55Q9FN: il TV QLED di punta da 55 pollici di Samsung potrebbe essere migliore di un OLED

1
314
Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Il nostro verdetto

  • Il Q9FN è un incredibile risultato di Samsung e un degno rivale dei migliori OLED in circolazione

Pro

  • Immagine luminosa e vibrante
  • Neri profondi, dettagliati, uniformi
  • Un sacco di app e funzionalità
  • Potenza tramite OneConnect box
  • Buon movimento

Contro

  • Gli OLED diventano ancora più neri
  • Sony ha un movimento migliore
  • Gli angoli di visuale non sono perfetti

Si presume spesso che un televisore eccellente in una dimensione continui ad essere un televisore eccellente quando scalato verso l’alto o verso il basso. Tuttavia, ci sono molte ragioni per cui questo potrebbe non essere il caso.

Anche se le caratteristiche e l’elaborazione di bit e pezzi sono uguali (e questo non è dato, in particolare in dimensioni più piccole) il pannello stesso sarà diverso.

E tutto questo prima ancora di entrare nella spinosa questione se il set più piccolo o più grande abbia una diversa selezione di rivali e sia una proposta di valore maggiore o minore.

Questo potrebbe spiegare perché non possiamo semplicemente saltare il processo di revisione e schiaffeggiare una valutazione a pieni voti sul Samsung QE55Q9FN, nonostante il fratello da 65 pollici abbia dimostrato un assoluto miglioramento quando lo abbiamo esaminato il mese scorso.

Ma se avessimo trascurato il nostro lavoro, in questa occasione, avremmo comunque azzeccato la valutazione poiché il Q9FN da 55 pollici rimane un televisore quasi perfetto.

Immagine

Immagine

Il più grande aggiornamento per Q9FN rispetto ai suoi predecessori e fratelli QLED è il passaggio dalla retroilluminazione dei bordi a una retroilluminazione diretta.

Ciò ha portato a una maggiore luminosità (circa 2000 nits) ma anche, grazie al preciso controllo zonale, a un contrasto davvero sorprendente.

Il numero di zone dimmerabili individualmente non è stato confermato da Samsung, ma si pensa che sia nella regione di 500.

Considerando che un OLED 4K può essere illuminato o attenuato su una base per-pixel, dandogli effettivamente 8,294,400 “zone”, le 500 di Samsung sembrano piuttosto inefficaci. In azione, però, è vero il contrario.

Riproduciamo “Guardians Of The Galaxy Vol.2”

Riproduciamo “Guardians Of The Galaxy Vol.2” su Blu-ray 4K e l’immagine è incredibilmente brillante e incisiva. Il modo in cui gli elementi più brillanti si combinano con i neri profondi sono impressionanti e uno sviluppo entusiasmante per i televisori Samsung QLED.

Non c’è essenzialmente alcun visibile “sanguinamento” o artefatti di retroilluminazione, né aumento o diminuzione del complessivo livello del nero. Questo è il miglior tipo di retroilluminazione: uno che semplicemente non si nota.

Ciò ti lascia libero di concentrarti sull’immagine. La vista dei pianeti Sovereign dallo spazio, ad esempio, in cui è possibile vedere più stelle rispetto alla maggior parte degli altri TV è su uno sfondo nero quasi puro. Nero quasi-OLED, infatti.

“Guardians” è uno dei nostri preferiti per questi test e il Q9FN offre una delle migliori versioni di ciò che abbiamo visto.

Le stelle super luminose contro lo spazio super-buio, il pugno e la vivacità delle nebulose dai colori esotici e il ricco luccichio metallico delle parti dorate del pianeta principale: pochi televisori possono ricreare lo splendore dei materiali riflettenti nel modo in cui lo fa questo.

Ma non pensare che il Q9FN

Ma non pensare che il Q9FN sia uno strumento blando. Combina quel sorprendente pugno e vivacità con una delicata sottigliezza. Sebbene la tavolozza generalmente si appoggi al lato ricco della neutralità, le varie sfumature lo rendono altrettanto capace con un immagine più realistica, meno sci-fi.

Guardando “Baby Driver” in 4K HDR le tonalità della pelle sono calde ma naturali. Anche qui c’è una gran quantità di dettagli, in particolare nelle parti più luminose e più scure dell’immagine, ei bordi affilati come un rasoio – ma non artificialmente – offrono un senso di solidità e tridimensionalità che fa apparire personaggi e macchine uscire dallo schermo.

Samsung dovrebbe anche essere applaudito per aver fatto un grande passo in avanti in termini di elaborazione del movimento. La modalità “Auto” è ancora troppo aggressiva e innaturale, ma la modalità “Personalizzata”, anche con le sue impostazioni predefinite, fa un buon lavoro di irrigidimento senza introdurre artefatti o l’effetto soap opera.

Rispetto agli attuali set Sony c’è più sfocatura, ma questo è un miglioramento rispetto ai Samsung dell’anno scorso e, in misura minore, all’OLED55C8PLA di LG ($1,696.99).

Facciamo un passo indietro con il Blu-ray a 1080p

Facciamo un passo indietro con il Blu-ray a 1080p di “The Imitation Game” e il Q9FN continua a stupire. I livelli di dettaglio sono particolarmente impressionanti, rivelando tutte le tacche e i graffi della scrivania logora della sala delle interviste all’inizio del film e dei singoli mattoni del muro oscuro dietro.

C’è reale profondità e solidità nei procedimenti. Il detective Nock di Rory Kinnear si staglia contro la strada di Manchester, inzuppata di pioggia, della residenza recentemente svaligiata di Turing, la fascia di cuoio della sua fedora malconcia che riflette la poca luce del cielo coperto. C’è trama e vita qui, ed è molto lontano dall’immagine esagerata che ci si potrebbe aspettare.

Scendi a standard-def del DVD o del sintonizzatore TV di bordo, e il Samsung fa un buon lavoro con il segnale di bassa qualità.

Se la cava poco peggio delle quasi magiche qualità di upscaling degli OLED di LG, dimostrando un po’ più rumore intorno ai bordi e nei dettagli più fini, ma la chiarezza e la pulizia dell’immagine sono ancora impressionanti.

Questa è una TV eccellente anche per i giocatori

Questa è una TV eccellente anche per i giocatori. Non solo il suo pugno, la sua vivacità e il suo contrasto si adattano brillantemente alla grafica computerizzata, in particolare a quelli dei moderni giochi HDR, il suo intervallo di input inferiore a 16ms è essenzialmente al limite del possibile.

Gli ingressi HDMI supportano anche Variable Frame Rate (VFR), il che significa che la TV può adattare la sua frequenza di aggiornamento in tempo reale per sincronizzarsi con la frequenza fotogrammi del segnale in ingresso e quindi ridurre gli strappi dello schermo. Precedentemente disponibile solo sui monitor di gioco, potrebbe rendere la Q9FN la TV per eccellenza dei giocatori.

La nostra unica preoccupazione con la Q9FN sono i suoi angoli di visuale. Samsung ha fatto molti progressi rispetto ai QLED dello scorso anno ma la posizione fuori-centro offre lo stesso un’immagine leggermente subottimale.

Caratteristiche

Caratteristiche

In un certo senso, altrettanto eccitanti sono i cambiamenti che Samsung ha apportato alla scatola OneConnect. È qui che Samsung ospita le connessioni per i suoi televisori, lasciando gli schermi più sottili e meno ingombri.

La scatola OneConnect sui QLED di quest’anno è il doppio di quella dell’anno scorso, giacché, oltre a contenere gli ingressi e le uscite, alimenta anche il pannello. Il cavo che collega i due è più spesso di quello dell’anno scorso, ma è comunque facile da nascondere. Se la lunghezza di 5m del cavo in dotazione non è sufficiente, è possibile acquistare separatamente una versione da 15m.

L’approccio OneConnect è sicuramente un vantaggio per chi vuole montarla sul muro, che potrebbe anche trovare intrigante la modalità “Ambient”. È progettata per coloro che trovano lo schermo nero e vuoto di un televisore in standby esteticamente insoddisfacente e consente di visualizzare le proprie foto, con informazioni in tempo reale come un orologio, un calendario o un feed di notizie.

Se la TV è montata su un muro

Se la TV è montata su un muro con un particolare motivo, puoi persino replicare il motivo in modo che si integri. È una tecnologia straordinaria e una soluzione unica, se pensi che uno schermo bianco sia un problema.

Coloro che sono interessati alla tecnologia smart home potrebbero essere incuriositi nel sentire che la Q9FN, come i suoi fratelli nella gamma QLED del 2018, è integrata nell’ecosistema Smart Things di Samsung.

Ciò significa che può esercitare il controllo di base su altri dispositivi compatibili, come i frigoriferi Samsung e gli aspirapolvere robot, e prodotti di terze parti come le lampadine Hue.

Tuttavia, il controllo offerto tramite la TV è di base, nella misura in cui farai meglio usando il telefono.

Ma le app Ambient e Smart Things

Ma le app Ambient e Smart Things sono solo una ciliegina sulla torta di selezione delle app. Netflix e Amazon sono in formato 4K HDR, oltre a Google Play Movies & TV e l’app TVPlus Samsung per lo streaming on-demand di film di successo.

Amazon Video supporta anche il formato HDR10+ di Samsung, che utilizza metadati dinamici per migliorare il contrasto e i colori di specifici programmi TV. È utile allo stesso modo di Dolby Vision (che Samsung non supporta), ma il fatto che nessuno dei contenuti pertinenti sia contrassegnato come tale è un problema.

Anche i Blu-ray HDR10+ sono in arrivo, anche se non fino alla fine dell’anno. Tuttavia, il supporto per HDR10 e HLG standard significa che i principali formati HDR sono già coperti.

Suono

Suono

Sebbene non così drammatico come gli aggiornamenti del immagine, anche il suono è stato migliorato sulla Q9FN.

La modalità “ottimizzata” è la nostra preferita – grande, pesante e spaziosa per gli standard a schermo piatto, è sorprendentemente capace quando si tratta di film e spettacoli televisivi ricchi di azione.

Il modo in cui proietta le voci significa che funzionerà con la maggior parte dei contenuti. Ma mentre la consegna è buona per una TV, non è ancora ai livelli di una soundbar dedicata.

Ne consigliamo una se non addirittura un sistema surround completo.

Verdetto

Il Q9FN è innegabilmente un enorme passo avanti per i QLED di Samsung, e una TV che, per certe persone, sarà un’opzione ancora migliore rispetto all’equivalente OLED.

C’è la luminosità extra e la vivacità dei colori ma anche una maggiore profondità e consistenza del nero. Il suono sorprendentemente impressionante e le caratteristiche di gioco saranno una grande attrazione.

D’altra parte, gli OLED diventeranno ancora più neri e i problemi di retroilluminazione sono inesistenti. LG OLED55C8PLA ($1,696.99) è un po’ più coerente e naturale su tutte le fonti.

In definitiva, questo è sufficiente per noi per inclinarci verso l’LG, ma se sei attratto dalla più luminosa Samsung o la trovi un po’ più economica rispetto all’LG C8, prendila senza pensare.

Se ti è piaciuto questo articolo, allora ti pregiamo di iscriverti al nostro Canale YouTube. Puoi trovarci anche su Twitter e Facebook.
FONTEWhat Hi-Fi?
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. E non dimenticare di iscriverti al nostro Canale YouTube! Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

1 commento

  1. Recensione scritta in modo davvero pessimo, tanto da far pensare di essere stata scritta con google traduttore. La recensione video su YT è altrettanto scadente, questo perché viene utilizzata una voce automatica che prende pari pari quanto scritto nella recensione scritta (completamente sgrammaticata). In sostanza, vi consiglio di prendere in considerazione di cambiare completamente il vostro modo di lavorare.

Dicci cosa ne pensi