Abbiamo studiato tutti i televisori OLED più recenti e testato i migliori concorrenti per determinare che l’LG C7 è la migliore TV di fascia alta. Anche se costosa rispetto alle migliori TV LCD, il C7 ha lo stesso pannello OLED che si trova anche nei modelli più costosi di LG e Sony, e consente di risparmiare denaro lasciando fuori funzionalità extra che non miglioreranno sensibilmente la qualità dell’immagine. Come tutte le TV OLED, il C7 ti offre neri più scuri e colori più reali rispetto ai display LCD, rendendolo una scelta ideale per i videofili che cercano soprattutto la qualità delle immagini.

Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare un compenso per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

LG C7 supporta tutti gli standard HDR attuali più importanti, include una piattaforma di streaming video WebOS user-friendly e dispone di un menu completo che consente una dettagliata calibrazione. Fisicamente, il C7 ha un fattore di forma sottile che è possibile montare direttamente contro un muro e una cornice nera che è meno evidente rispetto alle cornici d’argento che si trovano su altri modelli LG. Pagare di più per un modello di fascia più alta di LG non migliora affatto la qualità dell’immagine, e i televisori OLED di altre aziende non offrono un miglioramento delle prestazioni sufficiente a renderli degni del denaro extra.

A parte la cornice nera, l’LG C7 è praticamente identica a LG B7, ei prezzi sono costantemente fluttuanti. Quindi se non ti dispiace l’argento, ti consigliamo di andare con quella che è più economica. Al B7A manca anche la decodifica di Atmos, ma non pensiamo che questo sia importante per la maggior parte delle persone perché nessun set di altoparlanti TV integrati può trarre il massimo vantaggio da Atmos. Inoltre, qualsiasi ricevitore o soundbar Atmos può decodificare Atmos da solo.

Se si desidera una più avanzata elaborazione video che riduce gli artefatti visivi durante lo streaming di contenuti, una migliore qualità audio e una migliore elaborazione del movimento, l’A1 OLED di Sony offre tutto ciò per circa €1.000 in più per uno schermo di dimensioni simili. Poiché Sony e tutti gli altri ottengono i loro pannelli OLED da LG, tutte le nostre scelte hanno prestazioni praticamente identiche se calibrate. Ma la Sony sembra un po’ più pronta, mentre l’LG offre leggermente più opzioni di regolazione della calibrazione. La Sony ha anche un sistema di montaggio che non è sottile quando posizionata sul muro, e il suo sistema operativo Android TV non è veloce o elegante come il WebOS sugli OLED LG.

Per chi è questo

Ora puoi avere una TV LCD 4K che supporta tutti gli standard più recenti per ben meno di mille euro, ma una TV OLED offre rapporti di contrasto sensibilmente migliori rispetto alle migliori opzioni LCD. Tuttavia, la tecnologia è ancora proibitiva per la maggior parte delle persone ed è la soluzione ideale per i videofili che desiderano la migliore qualità di immagine possibile e sono disposti a pagare un premio. La tecnologia OLED è più accessibile che mai, ma dovresti comunque aspettarti di pagare almeno un migliaio di euro in più per un TV OLED rispetto a un TV LCD di dimensioni simili.

OLED non è una buona opzione se la dimensione è la tua priorità. I televisori OLED sono attualmente al top a 65 pollici, mentre i televisori LCD da 75 pollici sono ampiamente disponibili. Se vuoi qualcosa di più più grande, un proiettore home theater di fascia alta in grado di produrre un’immagine da 120 pollici e costa circa un migliaio di euro in meno rispetto a un televisore OLED da 65 pollici. Il lato negativo dei proiettori è che hanno bisogno di spazio per uno schermo e devi essere in grado di controllare i livelli di luce nell’area di visualizzazione, quindi non sono l’opzione migliore per i salotti.

Cos’è una TV OLED?

Un TV OLED utilizza un display costituito da diodi organici a emissione di luce. Il vantaggio principale degli schermi OLED è che i pixel emettono la propria luce e non richiedono retroilluminazione per creare un’immagine vivida e luminosa. Ciò significa che i televisori possono essere molto più sottili, dal momento che non è necessario un ulteriore strato di retroilluminazione a LED o fluorescente per far apparire le immagini. Mentre una TV più sottile è un bel aggiornamento estetico, è la capacità di controllare i singoli pixel che vale la pena pagare di più.

Poiché ogni pixel può essere attivato o disattivato completamente tra i frame, i televisori OLED sono in grado di visualizzare veri neri sullo schermo. E tutto questo rende anche i tempi di risposta quasi istantanei.

OLED vs. LCD

La differenza fondamentale tra gli LCD (display a cristalli liquidi) e gli OLED (organici diodi emettitori di luce) è il modo in cui creano un’immagine. Gli LCD funzionano illuminando una fonte attraverso un pannello LCD. Poiché i pixel LCD non possono mai spegnersi completamente, lasciano sempre entrare la luce anche quando l’immagine dello schermo sta cercando di essere nera. Alcuni televisori LCD producono neri più scuri di altri, grazie all’attenuazione locale e ad altre tecnologie, ma non sono mai perfettamente neri. Su un OLED ogni pixel emette luce propria, quindi quando un pixel deve essere nero, è perfettamente nero.

La differenza tra nero puro e quasi nero può sembrare piccola sulla carta, ma nella vita reale fa una grande differenza. La qualità del nero che una TV è in grado di riprodurre rende tutto il resto dello schermo più luminoso con più effetti visivi e produce più distinzione tra gli oggetti. Anche con i contenuti HDR (high dynamic range), dove la luminosità assoluta può essere l’elemento più importante, gli OLED possono sembrare migliori degli LCD perché le luci appaiono ancora più luminose rispetto ai neri puri.

I televisori OLED possono essere visualizzati da angoli più ampi rispetto a quasi tutti i TV LCD. La maggior parte dei televisori LCD mostra significativi cambiamenti di colore e luminosità nel momento in cui si ottengono 20 gradi fuori dal centro, mentre un OLED sembrerà ancora lo stesso di prima. Se stai guardando la TV da solo e sempre nel posto centrale, non vedrai una differenza, ma se hai un gruppo più grande che guarda e non sei al centro, un OLED avrà un aspetto migliore per la maggior parte degli spettatori.

Mentre i TV LCD possono soffrire di sfocatura di movimento quando i pixel richiedono tempo per passare da un colore all’altro, i pixel OLED cambiano quasi istantaneamente. Se stai guardando sport o altri contenuti di azione rapida, vedrai immagini più chiare e maggiori dettagli. Un OLED non è ancora perfetto per tutti i movimenti perché utilizza la tecnologia sample-and-hold, ma ha prestazioni migliori di un LCD.

Come abbiamo scelto e testato

Ogni TV OLED che puoi acquistare adesso utilizza un pannello OLED prodotto da LG. Samsung ha realizzato un modello per un anno, ma poiché LG ha un brevetto per la sua tecnologia OLED (WOLED, acquistata da Kodak) può produrre pannelli in volumi molto più grandi e con meno denaro di chiunque altro. Gli unici televisori OLED in questo momento provengono da LG, Sony, Panasonic e Philips. Anche B&O ha annunciato un modello ma costa oltre €10.000.

Tutti i modelli LG OLED 2017 offrono una qualità d’immagine identica, utilizzando lo stesso pannello e lo stesso SoC (sistema su un chip, costituito da CPU, GPU e scheda di rete integrata in un unico chip). Le uniche differenze tra i modelli sono la qualità audio, il design e il prezzo. Anche i modelli B7 e C7 sono quasi identici. Esiste anche un modello B7A che elimina l’elaborazione audio Atmos, ma tutti e tre questi modelli sono quasi identici e hanno dimensioni da 55 pollici e 65 pollici. Sony produce solo un modello singolo, l’A1E, nelle dimensioni 55 pollici, 65 pollici e 77 pollici. Abbiamo testato il Sony A1E da 65 pollici e i modelli LG W7da 65 pollici, E7 da 65 pollici e C7 da 55 pollici.

Ho eseguito misurazioni oggettive sugli schermi OLED utilizzando il software CalMAN e un misuratore HDR i1Pro2 e C6 utilizzando un generatore di modelli Six-G Murideo. Ho anche guardato un’ampia selezione di contenuti da servizi di streaming, 4K e dischi Blu-ray standard e contenuti da chiavette USB. Ho anche parlato con altri revisori esperti, tra cui David Katzmaier di CNET e Vincent Teoh di HDTVTest, sulle loro esperienze con entrambi i display.

La nostra scelta: LG C7 OLED

La nostra scelta LG C7 OLED

L’LG C7 OLED è il miglior TV OLED per la maggior parte delle persone oggi. Offre una superba qualità delle immagini, costa meno di altri modelli che utilizzano lo stesso pannello, offre Netflix, Amazon e altri servizi di streaming con controlli intuitivi, supporta tutti i principali standard HDR, ha un design accattivante e offre un maggiore controllo dell’utente sull’immagine. Tutti gli attuali modelli LG OLED quest’anno offrono la stessa qualità d’immagine; le linee B7, C7 e B7A sono quasi identiche a parte lo stile e lievi differenze nell’audio, quindi qualsiasi modello che si possa trovare al prezzo migliore è quello che raccomandiamo. Qui preferiamo la C7 perché la cornice attorno allo schermo è nera anziché argento, lasciandola completamente scomparire quando guardi un film di notte, ma a causa delle fluttuazioni dei prezzi, compreremmo qualunque fosse il più economico al momento.

Gli OLED LG producono un’immagine che è buona come quella che abbiamo visto da qualsiasi TV che abbiamo recensito e testato. La qualità dell’immagine è quasi identica a quella del più costoso Sony A1E OLED: se non le avessi affianco, probabilmente non vedresti una differenza. Posizionati fianco a fianco ai nostri TV LCD preferiti, gli OLED offrono un chiaro vantaggio in termini di prestazioni che anche gli spettatori occasionali hanno potuto notare.

I neri sembrano perfettamente neri, ma senza l’ombra schiacciata che abbiamo visto su alcuni dei televisori OLED dell’anno scorso. (Lo schiacciamento dell’ombra è dove i dettagli scuri che dovrebbero variare nell’oscurità appaiono invece come un solido blocco nero). Il materiale 4K sembra nitido e realistico, e il contenuto HD e SD esistente sembra anche migliore di prima. I contenuti HDR sono fantastici con i punti salienti che saltano fuori dallo schermo e il vero supporto WCG consente al C7 di visualizzare i colori che gli altri TV non sono fisicamente in grado di visualizzare. Il risultato finale è un’immagine stupefacente e realistica che rappresenta un notevole passo in avanti rispetto a ciò che anche i TV LCD con le migliori prestazioni sono in grado di produrre.

LG attualmente supporta gli standard di streaming Dolby Vision, HDR10 e HLG HDR. LG ha anche promesso il supporto per lo standard HDR Technicolor, rendendo il set compatibile con quattro dei cinque formati HDR e i tre con il supporto più universale. Il set è anche pronto per i futuri canali di trasmissione HDR.

I pannelli OLED sono molto sottili e i modelli LG OLED ne approfittano per offrire un design pulito e sottile. Sono anche più facili da montare a parete rispetto ai modelli precedenti, utilizzando fori di montaggio VESA standard invece di una staffa personalizzata. Il Sony A1E, al confronto, è molto più spesso e farà sporgere la TV più lontano dal muro.

Il sistema di streaming integrato WebOS offre un facile accesso ai servizi più popolari ed è molto più reattivo nell’uso quotidiano rispetto alla concorrenza. Non ha una vasta gamma di contenuti come alcune altre piattaforme di streaming, ma supporta tutti i principali servizi (inclusi Netflix, Amazon, Hulu, Vudu, YouTube e Google Play Movies), e il sistema operativo lo rende facile da impostare i tuoi preferiti per accedervi rapidamente. Se invece usi regolarmente servizi non supportati, è sempre possibile ottenere un dispositivo di streaming multimediale autonomo per un costo piuttosto basso.

LG ha anche incluso controlli di calibrazione efficaci per le modalità HDR e SDR nella TV. Le modalità predefinite di ISF Expert sono molto accurate, quindi se non hai intenzione di spendere soldi per la calibrazione, lasciala impostata su ISF Expert o Technicolor. C’è anche la possibilità di calibrare per SDR, HDR e Dolby Vision con memorizzazioni uniche. I modelli Sony OLED condividono le impostazioni su SDR e HDR, ma non offrono lo stesso livello di accesso ai controlli di calibrazione che l’LG fa.

Infine, ci piace che LG supporti i propri televisori con aggiornamenti del firmware che aggiungono nuove funzionalità e un supporto più ampio per i nuovi formati. Ad esempio, mentre stavamo scrivendo questa recensione, LG ha rilasciato un nuovo firmware che ha migliorato diversi aspetti del video, tra cui: il rendering del movimento, riducendo la vibrazione visibile (un artefatto visivo causato dalle transizioni quasi istantanee della tecnologia OLED tra diversi colori), una Modalità technicolor per guardare contenuti molto accurati e dettagli migliorati nei contenuti più scuri pieni di ombre. Fornire questo tipo di supporto per migliorare il prodotto anche dopo il suo rilascio è bello da vedere.

Difetti

La qualità del suono del LG C7 OLED potrebbe essere migliore, e i loro modelli OLED E7 e W7 di fascia alta offrono un suono migliore. Poiché l’uscita ottica e l’uscita HDMI ARC supportano l’audio 5.1, possono essere facilmente collegati a una soundbar o un ricevitore.

Un OLED è più luminoso di un display al plasma, ma non può ancora competere con gli LCD per la luminosità generale in stanze molto illuminate. Se hai una stanza con molte finestre aperte che lasciano entrare sempre la luce del sole, un OLED potrebbe non essere la scelta migliore. Gli attuali modelli OLED possono produrre riflessi da 700 nit, ma la luminosità del bianco a schermo intero è di circa 135-150 nit. Gli LCD come il Sony X900E possono fare più di 500 nit di luminosità indipendentemente dal contenuto, rendendo molto più facile sovrastare i riflessi e la luce diretta.

Mentre il rischio di burn-in delle immagini è basso, c’è comunque la possibilità di danneggiare uno schermo OLED con contenuto statico. Se lasci la tua TV sulla stessa stazione con un logo per ore al giorno, o giochi lo stesso videogioco con elementi statici sullo schermo ogni giorno, c’è la possibilità che la tua TV subisca una ritenzione di immagine. Gli OLED hanno meccanismi di aggiornamento dello schermo progettati per prevenire questo, ma non sono perfetti. Per la maggior parte delle persone che guardano una varietà di contenuti, il burn-in non sarà un problema, ma ci saranno sempre delle eccezioni e i risultati alla fine possono essere permanenti. Rtings sta eseguendo test a lungo termine in questo momento, e mentre alcuni burn-in si sono sviluppati negli scenari peggiori, quelli implicano la visione di contenuti con elementi statici sullo schermo per ben 20 ore al giorno.

In teoria, la durata di vita di una TV OLED non è lunga quanto un TV LCD. In realtà, quando si guarda una TV forse per alcune ore al giorno, qualsiasi TV LCD o OLED acquistata è probabile che diventi tecnologicamente obsoleta prima che l’immagine sia troppo scura per goderne. LG mette la durata della vita dei propri pannelli a 100.000 ore o 10 ore al giorno per 30 anni.

Alcuni pannelli OLED presentano problemi di uniformità con un contenuto quasi nero (luminosità del 5%), ma spesso questo è visibile solo su contenuto di test, non nel contenuto reale. Anche se non è qualcosa che abbiamo visto di persona mentre guardavamo un film, alcune persone giurano di avere TV OLED con questo problema e alcune persone sono più seccate di altre da questo fatto.

Secondo classificato: Sony A1E OLED

Secondo classificato Sony A1E OLED

Mentre pensiamo che l’LG sia un valore migliore per la maggior parte delle persone, anchel’A1 OLED di Sony è una bella TV. Offre alcuni miglioramenti nell’elaborazione del movimento, prestazioni di streaming e prestazioni audio integrate ma l’LG è molto più economico, più sottile e regolabile.

La Sony batte l’LG in audio usando la superficie dello schermo del televisore come altoparlante. Questa superficie più ampia offre un suono migliore e consente anche all’audio di arrivare direttamente dalla TV e non dai lati o dalla parte posteriore. Ciò conferisce alla TV un bordo minimo senza altoparlanti. Tuttavia, colloca il subwoofer in un supporto non rimovibile sul retro del televisore, facendolo sporgere di alcuni pollici dal muro. I modelli LG saranno montati a parete in modo più elegante, anche se alcune persone preferiranno l’aspetto della Sony su un tavolo.

Nei test di immagine, abbiamo rilevato che la Sony ha prodotto un’immagine più precisa fuori dalla scatola rispetto ai modelli LG, ma non offre i controlli avanzati di calibrazione o le memorizzazioni separate HDR e SDR. Se non stai calibrando la TV, potresti ottenere un’immagine leggermente più accurata con la Sony che con la LG, ma l’LG offre molti più controlli per ottenere una composizione perfetta. Anche Sony offre un’elaborazione personalizzata che aiuta a rimuovere le bande causate per compressione. Nei contenuti di streaming, questo è molto evidente nei cieli e in altri gradienti ma non è così evidente sui contenuti basati su disco.

L’elaborazione video di Sony offre un miglioramento del movimento senza introdurre un effetto da soap opera. Né il Sony o l’LG OLED offrono l’inserimento del frame nero per migliorare la risoluzione del movimento, in quanto oggi probabilmente renderebbe l’OLED troppo scura, ma il movimento su Sony è meno brusco rispetto ai modelli LG.

Sony ha promesso il supporto per Dolby Vision, ma al momento non è disponibile. Sony offre inoltre un maggiore accesso ai contenuti di streaming tramite la funzionalità integrata di Android TV, ma l’interfaccia stessa è lenta e possono essere necessari 4-5 secondi per la visualizzazione di un menu sullo schermo. Puoi fare alcuni trucchi per velocizzarlo, ma ciò rende l’esperienza davvero piacevole. La maggior parte delle persone starebbe comunque meglio con un lettore multimediale esterno.

La competizione

Il più grande vantaggio di Panasonic EZ1000 OLED è che un calibratore esperto può regolare direttamente le tabelle di calibrazione interne per l’immagine più accurata. Ciò richiede una copia di CalMAN e apparecchiature di calibrazione, ma in questo modo puoi ottenre l’immagine più precisa che è possibile ottenere in una TV di consumo in questo momento. (È così preciso che alcuni studi di Hollywood lo stiano usando per classificare i loro film, cosa che normalmente non accadrebbe con un dispositivo consumer). È anche molto costoso, a €7.000 per un modello da 65 pollici, e manca il supporto per Dolby Vision.

L’LG E7 OLED offre una qualità audio migliorata e il loro aspetto “picture-on-glass” rende la TV più attraente rispetto ai modelli B7 e C7. Il suono è migliorato con altoparlanti migliori rispetto ai modelli più economici, ma nel complesso, stai pagando per l’aspetto della TV e non per la qualità dell’immagine.

L’LG G7 OLED è l’unico OLED TV di LG in formato da 77 pollici. È il più grande OLED ma a €15.000, probabilmente non quello che la maggior parte delle persone prenderà in considerazione. Lo stand con gli altoparlanti si ripiega dietro lo schermo per il montaggio a parete, e ha anch’esso il design “picture-on-glass”, ma offre comunque le stesse prestazioni video dei modelli B7 e C7.

L’LG W7 OLED è tanto sottile da sembrare incredibile, ma devi pagare un premio per questo. L’elettronica e l’alimentazione sono contenuti in una soundbar inclusa che fornisce il suono Dolby Atmos ma è piuttosto grande. Ha anche un cavo corto quindi non puoi posizionare la soundbar troppo lontano dal pannello OLED. Mentre fa una dichiarazione in termini di aspetto, è possibile ottenere le stesse prestazioni video nei loro modelli entry-level e aggiungere il proprio audio per molto meno.

L’LG B6 OLED è stato uno dei migliori televisori del 2016, ma i modelli del 2017 sono migliorati con superiori dettagli ombra, una migliore accuratezza del colore e una mappatura dei toni di gran lunga migliore per le luci HDR. La B6 è ancora una TV meravigliosa, ma a meno che non costi €500 o meno per le stesse dimensioni dello schermo, preferiamo i modelli del 2017 per le loro migliorate prestazioni.

Cosa aspettarsi in futuro

Ogni anno i display OLED diventano leggermente più luminosi e mostrano un po’ più della gamma di colori. Il più grande miglioramento per OLED sarà quando potranno passare ai pannelli RGB invece degli attuali pannelli bianchi con un filtro RGB. Sony utilizza un vero pannello RGB per il monitor di riferimento BVM-X300, ma quello schermo da 30 pollici costa €45.000. Di persona, la tecnologia produce immagini superiori, con riflessi più saturi e un’immagine con una profondità ancora maggiore, ma al momento è troppo costoso per i televisori consumer. Finché questa tecnologia non sarà compresa, ci aspettiamo che gli OLED abbiano i loro miglioramenti annuali. Forse più aziende inizieranno ad acquistare pannelli da LG, introducendo una maggiore concorrenza nel mercato degli OLED.

La linea OLED 2018 di LG, annunciata alla fiera CES di gennaio, include i B8PUA, W8PUA, E8PUA e C8PUA. Siamo più interessati a testare il secondo modello, che è disponibile nelle versioni da 55 pollici, 65 pollici e 77 pollici per circa €2.500, €3.500 e €9.000, rispettivamente, sottoquotando significativamente il costo della linea LG 2017. Gli aggiornamenti rispetto ai modelli del 2017 sono piuttosto limitati, come l’inclusione di un nuovo sistema di gestione del colore che aiuterà molto se si paga per avere la TV calibrata, e l’aggiunta dell’inserzione del frame nero, che consente di migliorare il movimento perdendo punti in luminosità. I televisori dispongono di funzionalità integrate ThinQ e Google Assistant e sono compatibili con i dispositivi Google Home e Amazon Alexa. Se è ancora possibile ottenere un modello del 2017 per risparmi significativi rispetto ai modelli del 2018, raccomandiamo di seguire questa rotta oggi, ma testeremo la linea 2018 il prima possibile per aggiornare la nostra guida.

Articolo aggiornato il 19 giugno 2018: Abbiamo controllato la nostra lista, e questa è ancora la migliore OLED TV.

FONTEWirecutter
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.