Che tu stia sostituendo un’unità a stato solido esistente o eseguendo l’aggiornamento da un disco rigido tradizionale per ottenere prestazioni migliori, quasi tutti gli SSD che puoi acquistare oggi sono fantastici. Ma alcuni sono migliori di altri. Se hai bisogno di acquistare un SSD SATA al momento, pensiamo che il 500GB Crucial MX500 sia l’opzione migliore per la maggior parte delle persone. L’MX500 non è il SATA SSD più veloce che puoi ottenere, ma si avvicina e offre la migliore combinazione di prezzo, prestazioni e capacità di qualsiasi unità che puoi acquistare oggi.

Disclaimer: Effemeride.it può guadagnare una piccola commissione per le vendite dai link su questo post attraverso programmi di affiliazione.

Il Crucial MX500 è solo un po’ più lento degli SSD SATA più costosi di Samsung nella maggior parte dei benchmark, ma la maggior parte delle persone non noterebbe la differenza. È buono come o meglio del resto della concorrenza, e offre prestazioni migliori se pieno o quasi pieno rispetto al suo predecessore, l’MX300. Supporta la crittografia a disco intero e Crucial offre una garanzia di cinque anni per maggiore tranquillità (tre anni è la durata tipica). Una versione da 2,5 pollici è ora disponibile e presto sarà disponibile anche una versione SATA M.2. E nonostante un modello nuovo di zecca, continua a costare molto meno degli SSD Samsung.

L’Evo 860 di Samsung sostituisce l’Evo 850, che è stata la nostra prima scelta SSD per quasi tre anni. Rispetto al suo predecessore e al Crucial MX500, l’860 è un po’ più veloce e offre una durata molto migliore. E oltre alle versioni da 2,5 pollici e M.2, è disponibile come unità mSATA, a differenza del MX500 e della maggior parte degli altri SSD moderni. È l’unità da ottenere se non riesci a trovare il Crucial, e ci aspettiamo che il prezzo scenda, il che renderà questa unità ancora più avvincente. Per ora, tuttavia, è più costoso del MX500, in particolare per le capacità da 1TB e più elevate, e i suoi vantaggi sono cose che la maggior parte delle persone non noterebbe.

Qualsiasi buon SSD SATA aiuterà il tuo PC ad avviarsi velocemente, velocizzerà i lanci delle app e i tempi di caricamento dei giochi, e generalmente renderà il tuo computer più reattivo; la maggior parte delle persone, compresi i giocatori, non ha bisogno di nulla di più veloce. Tuttavia, i redattori di video e foto, amministratori di server, progettisti CAD, sviluppatori di software e altre persone con esigenze di tipo workstation, chiunque carichi e salva file di grandi dimensioni, può trarre vantaggio da un’unità più veloce. Se questo ti descrive, scegli il PCIe Samsung 960 Evo, che può raggiungere il quadruplo della velocità di lettura delle unità SATA più veloci e più del doppio delle velocità di scrittura. È più costoso, in genere €100 in più rispetto a Crucial MX500 per l’unità da 500GB e quasi €200 in più per quella da 1TB, e per utilizzarlo è necessario un desktop o un laptop dotato di PCIe M.2. Ricordi però che la differenza tra un SSD SATA e un SSD PCIe non è così evidente come la differenza tra un SSD SATA e un disco rigido rotante.

Per chi è questo

L’acquisto di un SSD è un ottimo modo per aggiornare quasi tutti i computer da uno a cinque anni che hanno un disco rigido tradizionale. Gli SSD sono molto più veloci dei dischi rigidi, dall’avvio al caricamento dei giochi all’apertura e il passaggio da un’applicazione all’altra, e gli SSD attuali sono più grandi, meno costosi e più veloci degli SSD di un tempo. In generale, dovresti spendere i soldi solo se prevedi di mantenere il tuo computer per almeno un altro anno, o se sai che puoi spostare il tuo nuovo SSD sul tuo prossimo computer: non ha senso aggiornare una macchina che stai per sostituire.

Se il tuo computer ha già un SSD, l’unica vera ragione per ottenere un SSD diverso è se stai esaurendo il primo. Se il tuo disco è costantemente più pieno del 75 o 80 percento, vale la pena considerare l’aggiornamento a un SSD più grande, poiché gli SSD pieni sono più lenti e si consumano più velocemente delle unità con molto spazio libero. La maggior parte delle persone non noterebbe una differenza di velocità tra due SSD diversi, a meno che non scrivessero file enormi ogni giorno, modificando file video 4K, lavorando con enormi fogli di calcolo e database, o progettando in AutoCAD o altri software di modellazione 3D e prestando attenzione a qualche secondo di miglioramento. Indipendentemente dal tipo di SSD acquistato, non è probabile che noterai alcun ritardo quando accedi alla maggior parte delle app o lanci giochi.

Se si dispone di un PC desktop con spazio per più unità e sono necessari più di 500GB di spazio di archiviazione, è consigliabile utilizzare la nostra scelta di SSD per il sistema operativo e i programmi e aggiungere un disco rigido tradizionale o due per l’archiviazione multimediale. Sebbene gli SSD siano molto meno costosi di quanto fossero una volta, sono comunque meno economici dei tradizionali dischi rigidi per enormi librerie di musica e video multi-terabyte.

L’aggiornamento a un SSD può fare una grande differenza se si proviene da un disco rigido meccanico e per massimizzare tale vantaggio è necessario aggiornare anche la RAM se il computer ha 4GB o meno. Per la maggior parte delle persone, 8GB di RAM sono abbondanti e dovrebbero fornire un notevole aumento di velocità nell’uso quotidiano.

I proprietari dei Mac dovrebbero pensarci due volte su un aggiornamento SSD. Sebbene sia possibile aggiornare alcuni MacBook più vecchi (per lo più pre-2013) con unità SATA standard, non è possibile fare lo stesso con i più recenti MacBook e MacBook Pro. I portatili dal 2013, 2014 o 2015 spesso supportano tali aggiornamenti, ma solo con unità costose e specializzate di un paio di produttori. Pertanto, abbiamo indirizzato questa guida principalmente ai proprietari non Mac.

Cosa devi sapere sugli SSD

Cosa devi sapere sugli SSD

Se si dispone di un computer con un disco rigido meccanico, tale unità è probabilmente la parte più lenta del sistema. Il resto del computer deve attendere la lettura delle informazioni o la scrittura sull’unità. Tutto ciò che fai richiede l’accesso ai dati sul tuo disco rigido, come l’avvio o lo spegnimento, il salvataggio e il caricamento dei file, l’avvio di un’applicazione o l’avvio di un gioco o il rendering di un video, molto più veloce su un SSD.

A differenza dei dischi rigidi tradizionali, gli SSD non hanno parti mobili, il che significa che sono molto meno soggetti a guasti meccanici. In effetti, sono migliori degli hard disk standard in quasi ogni aspetto. Usano molta meno energia, emettono molto meno calore e non vibrano. Gli SSD SATA sono tre o quattro volte più veloci dei dischi rigidi standard nelle letture e scritture sequenziali; Gli SSD PCI Express sono sette volte più veloci dei modelli SATA.

Gli SSD sono più costosi delle unità meccaniche per la stessa quantità di storage, e i dischi rigidi più grandi possono contenere più dati rispetto agli SSD più capienti. Ma il divario di prezzo si sta restringendo: un SSD decente costa €3 per gigabyte nel 2010 e €1 per gigabyte nel 2012. Nel 2018, è possibile ottenere un SSD eccezionale tra 25¢ e 30¢ per gigabyte. Un buon disco rigido meccanico, nel frattempo, costa meno di 5¢ per gigabyte. E le persone conservano più dati nell’archiviazione su cloud e meno sui loro computer: potresti non aver bisogno di tanto spazio di archiviazione come pochi anni fa.

Prima di acquistare, è importante capire quale tipo di SSD si adatta al tuo computer. Al momento, è possibile trovare due diverse interfacce per il trasferimento dei dati (SATA e PCIe), due diversi protocolli di trasferimento (AHCI e NVMe) e quattro comuni connettori fisici e fattori di forma (SATA da 2,5 pollici, mSATA, SATA M.2, e M.2 PCIe). Sì, può diventare confuso.

Ecco una rapida suddivisione della terminologia:

SATA si riferisce sia al tipo di connessione fisica che al protocollo di trasferimento delle informazioni che trasporta. È possibile trovare il connettore fisico su dischi rigidi da 3,5 pollici e 2,5 pollici, oltre a molti SSD. Se si dispone di un computer desktop o di un laptop più grande, è probabile che sia possibile utilizzare un’unità SATA da 2,5 pollici (si consiglia di installare una staffa di montaggio SSD da 2,5 pollici a 3,5 pollici se il desktop può contenere solo unità da 3,5 pollici ). Le unità che utilizzano il protocollo SATA vengono anche con connettori mSATA e M.2 fisicamente più piccoli. L’attuale standard SATA III è in grado di trasferire dati a una velocità di circa 600 MB/s, che la maggior parte delle unità moderne raggiunge facilmente. [Il massimo teorico, 6 gigabit al secondo, in realtà si traduce in 750 MB/s, ma a causa della codifica e di altri overhead di trasferimento, il massimo pratico è leggermente inferiore a 600 MB/s]. Se non si dispone di uno slot PCIe M.2 o PCIe di dimensioni standard, non è possibile ottenere un SSD più veloce.

PCI Express (PCIe) è un’interfaccia più veloce capace di velocità di trasferimento dati fino a 985 MB/s per “corsia”. La maggior parte degli SSD PCIe utilizzano un’interfaccia a due o quattro corsie, che offre tra 1.970 MB/s di larghezza di banda per due corsie e 3.940 MB/s per quattro corsie; questo è rispettivamente 3,3 e 6,5 volte più veloce di SATA. Le unità PCIe per le nuove schede madri desktop e quasi tutti gli ultrabook sono le schede M.2, sebbene sia possibile ottenere adattatori PCIe di dimensioni standard per unità M.2 che si adattino ai desktop più recenti. Gli SSD PCIe M.2 tendono a consumare più energia rispetto alle loro controparti SATA, il che può aumentare leggermente il calore e ridurre la durata della batteria nei notebook.

M.2 è un tipo di connettore fisico per SSD SATA e PCIe; è presente nella maggior parte degli ultrabook e desktop di fascia alta. Le unità M.2 sono disponibili in varie dimensioni; M.2 2280 (22mm di larghezza per 80mm di lunghezza) è la più comune, ma anche più brevi unità M.2 2242 (22mm di larghezza per 42mm di lunghezza) sono facili da reperire. Le unità PCIe M.2 possono anche essere fornite in tre diversi “keyings”, che determinano il numero di corsie PCIe utilizzate dall’unità. Quando acquisti un’unità M.2, è importante assicurarsi di avere il giusto tipo di interfaccia, dimensioni e keying per la tua macchina, ma il processo non è così spaventoso come potrebbe sembrare: quasi tutte le attuali M.2 unità sono 2280, la maggior parte degli SSD SATA USA il keying B+M e le unità PCIe solitamente usano il keying M.

NVMe è un protocollo di interfaccia per unità PCIe che sostituisce il precedente protocollo AHCI utilizzato con unità SSD e dischi rigidi SATA. Progettato da zero per funzionare con SSD e altre memorie flash, consente velocità di lettura e scrittura molto più veloci. La maggior parte degli SSD PCIe ora utilizza NVMe.

Le unità mSATA erano presenti in molti ultrabooks prima che M.2 diventasse comune. La maggior parte dei nuovi computer portatili utilizza M.2, ma molti ultrabooks con porte mSATA sono ancora in circolazione, e sono ancora disponibili sostituti SSD mSATA (anche se stanno diventando rari). Le unità mSATA generalmente funzionano come le loro controparti SATA da 2,5 pollici e M.2.

Se si dispone di un computer portatile, controllare il sito Web del produttore per capire quale tipo di unità utilizza il computer e se è possibile sostituire l’unità. Ricorda che alcuni modelli MacBook Air e Pro recenti, ad esempio, utilizzano design proprietari che possono rendere difficile o impossibile eseguire un aggiornamento fai-da-te.

Di quanti gigabyte hai bisogno?

Al momento, la maggior parte delle persone dovrebbe ottenere un SSD da 500GB, a meno che non si sappia di averne bisogno. [Poiché diversi tipi di SSD utilizzano quantità diverse di overprovisioning, le capacità elencate per un’unità in questa classe possono variare tra 480GB, 500GB, 512GB e 525GB]. Non acquistare un SSD con meno di 250GB di spazio di archiviazione se possibile: Gli SSD con 128GB o meno di capacità non lasciano abbastanza spazio per un sistema operativo più la roba di molte persone, e entrambe le unità da 128GB e 250GB sono più lente e significativamente meno efficaci rispetto alle unità più grandi. All’estremo opposto, le unità da 1TB e 2TB costano lo stesso con le unità da 500GB in termini di prezzo per gigabyte (e sono spesso anche più veloci), ma i loro cartellini dei prezzi da €260 in su non vale la pena spendere a meno che tu non sappia che avrai bisogno di più di 500GB di spazio.

Se stai acquistando un nuovo computer da un’azienda come Dell, HP o Lenovo, a volte puoi risparmiare denaro ordinando un computer con un SSD più piccolo o un disco rigido meccanico e sostituendolo tu stesso con un SSD più grande. Fai attenzione, però: alcuni produttori di laptop rendono molto difficile l’aggiornamento del drive, sia saldandolo alla scheda madre o richiedendo complicati disassemblaggi che invalidano la garanzia. Assicurati che il tuo nuovo laptop sia facilmente aggiornabile prima di percorrere questa rotta.

Le unità con capacità maggiori tendono anche ad essere più veloci. Questo perché gran parte del vantaggio di velocità di un SSD proviene dalla parallelizzazione. Scrivendo per AnandTech nel 2014, Kristian Vättö ha spiegato: “Un singolo NAND non è molto veloce ma quando ne metti una dozzina o più in parallelo, le prestazioni si sommano”. Se l’unità ha meno moduli che il controller può scrivere contemporaneamente (cioè se ha una capacità inferiore), non sarà tanto veloce quanto potrebbe esserlo. Anche se gli SSD da 500GB non sono male, con l’attuale tecnologia avrai le migliori velocità con le unità da 1TB o 2TB.

Come abbiamo scelto

Come abbiamo scelto

Abbiamo trascorso ore alla ricerca di nuove unità. Da lì, abbiamo controllato le inserzioni Amazon e le recensioni dei proprietari per tutte le unità, eliminando alcuni modelli vecchi, le unità con capacità inferiori a 500GB e modelli con recensioni particolarmente scadenti. Poi abbiamo letto le recensioni di siti che sappiamo fano grandi test sugli SSD, in particolare AnandTech, ma anche CNET, Tom’s Hardware, The SSD Review, StorageReview.com, The Tech Report e pochi altri, e studiato i benchmark.

Per le 12 unità qualificate, abbiamo quindi utilizzato attendibili recensioni di terze parti e pagine di prodotti del produttore per confrontare le unità in base a questi criteri:

  • Un buon prezzo: gli SSD più costosi sono spesso migliori, ma non si desidera pagare più del dovuto per ottenere prestazioni extra o altre funzionalità che probabilmente non si noterebbero o non si userebbero.
  • Buone prestazioni: la velocità è la ragione principale per acquistare un SSD, dopo tutto! Abbiamo controllato le recensioni per accertarci che le unità raggiungessero i loro dati pubblicizzati sulle prestazioni e che continuassero a essere veloci nel tempo.
  • Una capacità pari o vicina a 500GB, che rappresenta attualmente un buon mix di valore, capacità e velocità: sebbene le unità da 1TB solitamente offrano prestazioni migliori e costino un po’ meno per gigabyte rispetto alle unità da 500GB, sono comunque eccessive per la maggior parte delle persone nell’era del pervasivo cloud storage.
  • Per le unità SATA, entrambe le versioni da 2,5 pollici e M.2 per la massima compatibilità con diversi tipi di sistemi: abbiamo preferito quelle versioni perché il vecchio mSATA è sempre più raro e quindi non era una priorità assoluta.
  • Una garanzia decente: le garanzie triennali sono lo standard, ma a volte le unità di fascia più alta sono dotate di cinque o persino 10 anni di garanzia, che li aiutano a distinguersi dalla massa.
  • Durata: è possibile scrivere sulle celle di memoria flash solo una finita quantità di volte prima che si esauriscano. Mentre la maggior parte delle persone non arriverà mai vicino a questo limite durante la vita normale di un disco, una maggiore resistenza è un vantaggio.

Abbiamo anche preso in considerazione alcune cose di cui non tutti avranno bisogno, ma che è bello avere se riesci a ottenerle:

  • Il supporto nativo per l’accelerazione della crittografia del drive non era un requisito per noi, ma tutte le nostre scelte sono finite per includerlo. Questa funzione è importante soprattutto per le aziende con requisiti specifici di riservatezza dei dati, ma è un bel bonus per la privacy. Le unità con supporto di crittografia nativa possono scaricare il lavoro di crittografia e decrittografia dei dati dalla CPU, risparmiando energia e aumentando la velocità.
  • Molti SSD includono software gratuito per la migrazione dei dati, il che è un grande vantaggio se si aggiorna un computer con molti file o impostazioni che non si desidera trasferire manualmente.

Il migliore: Crucial MX500

Il migliore Crucial MX500

Se stessimo aggiornando un laptop o acquistando l’unità primaria per un desktop, acquisteremmo il 500GB MX500 di Crucial (disponibile nelle versioni SATA da 2,5 pollici e SATA M.2). È uno dei più economici SSD di marca che è possibile acquistare, è abbastanza veloce e abbastanza capiente per la maggior parte delle persone e offre funzionalità utili come il supporto per la crittografia hardware e una garanzia di cinque anni. Una manciata di unità SATA, tra cui la nostra seconda scelta, l’Evo 860 di Samsung, sono un po’ più veloci e utilizzano un po’ meno energia rispetto all’MX500, ma attualmente nessun SSD offre una combinazione così eccellente di velocità e funzionalità per il prezzo.

Non si noterà una differenza di velocità tra l’MX500 e le unità SATA molto più costose. I benchmark dei recensori di AnandTech e Tom’s Hardware mostrano che l’MX500 è occasionalmente più lento dal 10 al 20 percento in alcuni test individuali rispetto al’Evo 860 di Samsung, ma le sue prestazioni complessive sono migliori di quelle del resto della concorrenza e vicine ai limiti del Interfaccia SATA. Rispetto alla generazione precedente l’MX300, l’MX500 migliora le prestazioni quando l’unità è piena o quasi piena, una delle principali carenze dell’MX300.

In una recensione della versione da 1TB di MX500, Billy Tallis di AnandTech scrive: “Non è al top di ogni benchmark… Ma per la maggior parte degli utenti, non è necessario pagare alcun extra per le prestazioni di un drive Samsung”. In una recensione della versione da 500GB, Tallis afferma che, sebbene sia più lento della versione da 1TB, non presenta ancora grossi difetti ed è “facile da consigliare”.

Crucial offre l’MX500 in una gamma di capacità: l’unità SATA da 2,5 pollici è disponibile nelle versioni da 250GB, 500GB, 1TB e 2TB, mentre l’unità SATA M.2 è disponibile in 250GB, 500GB e da 1TB. Crucial non crea una versione mSATA del MX500, quindi se stai usando un ultrabook più vecchio che ha bisogno di una tale unità, guarda invece il nostro secondo classificato.

La garanzia limitata di MX500 dura per cinque anni o 180 terabyte scritti (TBW), a seconda dell’evento che si verifica prima. [Hai sempre una garanzia di cinque anni indipendentemente da quale MX500 compri, ma il rating TBW varia in base alla capacità, dal momento che le celle NAND possono essere scritte solo tante volte prima che si esauriscano. L’unità da 250GB ha una potenza nominale di 100TBW, l’unità da 1TB ha una potenza nominale di 360TBW e l’unità da 2TB ha una potenza nominale di 700TBW]. La copertura non è altrettanto buona della garanzia Samsung di cinque anni, 300TBW per la versione da 500GB dell’Evo 860, ma avresti comunque bisogno di riempire completamente l’MX500 una volta ogni 10 giorni per arrivare a rovinare quella macchina in meno di cinque anni. La maggior parte delle persone semplicemente non USA il proprio computer in quel modo (e le persone che lo fanno sarebbero meglio servite dalla nostra professionale, comunque).

MX500 supporta l’accelerazione della crittografia nativa, cosa che non si trova nella maggior parte degli SSD nella sua fascia di prezzo, inclusi WD Blue 3D NAND, SanDisk Ultra 3D e Crucial BX300 e viene fornito con una licenza (solo per Windows) per Acronis True Image, software di trasferimento dati, se hai bisogno di aiuto per spostare le tue cose dalla tua vecchia unità. Il software Crucial Storage Executive (anch’esso per Windows) è utile se si desidera monitorare lo stato del disco o installare gli aggiornamenti del firmware. E Crucial include un distanziatore (da 7,5mm a 9mm) con la versione da 2,5 pollici del MX500, quindi può adattarsi più comodamente nei portatili più datati progettati per utilizzare dischi rigidi più spessi.

Difetti

I test di AnandTech mostrano che l’MX500 utilizza un po’ più di potenza rispetto alla maggior parte delle unità. Non è un grosso problema: il processore, la scheda grafica e lo schermo hanno un maggiore impatto sull’utilizzo di energia rispetto al tuo SSD, ma l’utilizzo di MX500 in un laptop può ridurre di alcuni minuti la durata della batteria del sistema.

Secondo classificato: Samsung 860 Evo

Secondo classificato Samsung 860 Evo

L’Evo 860 di Samsung è buono tanto quanto o meglio del Crucial MX500 in quasi tutti i parametri: è un po’ più veloce, consuma meno energia, ha una durata molto più elevata, è disponibile nelle versioni da 2,5 pollicimSATAM.2 e ha la stessa garanzia di cinque anni e supporto per la crittografia. È anche la scelta migliore se hai bisogno di un SSD mSATA. Ma al momento della scrittura, è più costoso del MX500, in particolare nelle versioni da 1TB e 2TB. La maggior parte delle persone non noterebbe le differenze tra l’Evo 860 e l’MX500, e le persone che hanno bisogno di qualcosa di più veloce o con una maggiore durata dovrebbero guardare agli SSD PCI Express come la nostra scelta professionale. Se le due unità avessero lo stesso prezzo o quasi, l’Evo 860 sarebbe la nostra scelta, ma per ora la maggior parte delle persone non dovrebbe spendere più denaro di quanto ci vuole per ottenere l’MX500.

L’Evo 860 sostituisce l’850. Quel disco si stava già scontrando con i limiti dell’interfaccia SATA e le prestazioni dell’Evo 860 sono simili nel complesso, vale a dire, molto buone. Secondo Billy Tallis di AnandTech, “i miglioramenti sono misurabili ma altrimenti solitamente impercettibili”. L’860 è tra il 10 e il 20 percento più veloce in alcuni test individuali rispetto al Crucial MX500 e il suo consumo energetico è leggermente inferiore, ma la maggior parte delle persone non potrebbe notare la differenza tra loro nell’uso quotidiano.

L’unità da 2,5 pollici è disponibile nelle capacità da 250GB, 500GB, 1TB, 2TB e 4TB; le unità M.2 e mSATA includono entrambe le capacità di 250GB, 500GB e 1TB, ma la versione M.2 si ferma a 2TB e la versione mSATA non supera l’1TB.

La garanzia limitata di Samsung copre l’unità per cinque anni o 300 terabyte scritti (TBW), a seconda dell’evento che si verifica per primo. [Come con tutti gli SSD, il rating TBW per l’Evo 860 è legato alla capacità dell’SSD. Il 250GB è valutato per 150TBW, la versione da 1TB è valutata per 600TBW, la versione da 2TB è valutata per 1.200TBW e la versione da 4TB è classificata per 2.400TBW]. È un passo avanti rispetto alla garanzia di cinque anni, 180TBW di Crucial per MX500. La maggior parte delle persone andrà bene con il rating TBW inferiore di Crucial, ma se si stanno modificando e salvando enormi file video o database ogni giorno e non si può passare a un’unità PCI Express più veloce, la resistenza più elevata di Evo 860 potrebbe valere il prezzo premium.

Come l’MX500, l’Evo 860 supporta l’accelerazione della crittografia del drive, una funzionalità di sicurezza utile che gli SSD più economici spesso mancano. Samsung offre anche alcuni strumenti software solo per Windows: un’app per la migrazione dei dati che ti aiuta a copiare materiale da vecchie unità e il software Samsung Magician per gestire tutto, dai controlli delle unità alle modifiche delle prestazioni agli aggiornamenti del firmware.

Scelta professionale: Samsung 970 Evo

I possessori di laptop più recenti o schede madri desktop che necessitano veramente di maggiore velocità dovrebbero acquistare Samsung 970 Evo. Questo modello combina prestazioni significativamente più veloci di SATA con l’ottima reputazione dei controller SSD Samsung e della memoria flash, oltre al supporto per la crittografia hardware che manca da molte altre unità PCIe M.2. Il più grande svantaggio è la sua garanzia di base di tre anni, due anni in meno di copertura rispetto a Evo 860.

L’Evo 960 riesce a funzionare da due a quattro volte più velocemente di qualsiasi unità SSD SATA nella maggior parte delle attività e costa molto meno della 960 Pro alle stesse capacità. Ma è più costoso della nostra scelta migliore, il Crucial MX500: al momento della stesura, pagherai circa €100 in più per un Evo 960 da 500GB e quasi €200 in più per una versione da 1TB. La maggior parte delle persone non noterebbe la differenza tra un’unità PCIe M.2 e un’unità SATA per la maggior parte delle attività: la differenza tra due qualsiasi SSD decenti non è così evidente come il divario tra un SSD e un disco rigido, ma se si ha un nuovo PC di fascia alta e si modifica video o foto, l’Evo 960 potrebbe valere il costo aggiuntivo se si desidera ridurre i tempi di caricamento.

I recensori amano il mix di prezzo e prestazioni dell’Evo 960, ma riconoscono che il 960 Pro è il drive più veloce nel complesso. In una recensione, Billy Tallis di AnandTech elogia la versione da 1TB del disco per la sua costanza delle prestazioni nel tempo e la sua velocità rispetto alle unità concorrenti di Toshiba, Intel e Plextor. Steven Walton di Techspot afferma che le versioni da 500GB e 1TB sono “eccezionali” e hanno un “rapporto prezzo/prestazioni ineguagliato”. Chris Ramseyer di Tom’s Hardware è più misurato nel lodare l’unità e consiglia di stare lontano dalla versiona da 250GB perché non corrisponde alle prestazioni delle versioni con capacità maggiore; la versione da 1TB ha ottenuto di nuovo il premio “Raccomandato dall’Editore” tuttavia, e Ramseyer scrive che la versione da 500GB è “affidabile e fornisce una garanzia equa e un prezzo accettabile”.

Installazione

Se vuoi copiare il tuo disco rigido esistente sul tuo SSD prima di installarlo, avrai bisogno del software di clonazione e, a volte, dell’hardware aggiuntivo. Tutti i nostri SSD consigliati hanno accesso al software di clonazione solo per Windows: le unità Crucial di classe MX, incluso l’MX500, sono dotate di una chiave di licenza per il software Acronis True Image HD; Gli SSD Samsung vengono forniti con il software di migrazione dei dati di Samsung. Altrimenti puoi usare la gratuita MiniTool Partition Wizard. Su un Mac, se è possibile installare una nuova unità, è possibile utilizzare Carbon Copy Cloner o l’Utility Disco incorporata.

Avrai bisogno di un modo per connettere la tua nuova unità al tuo computer mentre stai clonando la vecchia. I proprietari dei desktop devono solo collegare l’SSD nel PC, ma i proprietari di laptop con unità SATA da 2,5 pollici necessitano di un contenitore o adattatore SATA-to-USB. Alcuni SSD sono dotati di kit di aggiornamento che includono un adattatore SATA-USB, ma ottenere la versione solo drive e acquistare un enclosure separatamente è solitamente meno costoso.

Se stai acquistando un’unità SATA M.2, dovresti procurarti un adattatore o una custodia M.2 SATA-to-USB 3.0. Per M.2 PCIe, l’opzione migliore sembra essere quella di clonare l’unità su un disco rigido USB, quindi sostituire e clonare nuovamente.

Dopo aver scambiato le unità, puoi inserire la tua vecchia unità portatile in un enclosure USB (come quella che potresti aver usato per il nuovo SSD durante la clonazione) e utilizzarla per il backup, se lo desideri. Basta fare attenzione di fare ciò con dischi rigidi con più di qualche anno di vita: non vorrai salvare i tuoi backup su un’unità che potrebbe non funzionare.

Se hai un Mac

La maggior parte delle persone che possiedono i Mac in genere non devono aggiornare gli SSD nei loro computer a meno che non abbiano assolutamente bisogno di capacità extra. Molti Mac recenti non sono in grado di supportare gli aggiornamenti e i Mac post 2013 che vengono spediti con lo storage a stato solido rimovibile utilizzano già unità PCI Express più veloci di qualsiasi altra opzione di terze parti. Gli SSD Aura PCIe di OWC, sebbene abbastanza rispettabili, sono più lenti delle unità di Apple e, come la maggior parte dei sostituti di terze parti, si vendono per molto più di un normale SSD (l’Aura OWC 480GB costa poco più di €350, circa €100 in più rispetto al costoso Samsung 970 Pro).

Se è possibile e devi aggiornare, sappi che è difficile installare un nuovo SSD nella maggior parte dei Mac, perché è difficile aprire il computer o le unità a stato solido nei Mac sono proprietarie e quindi incompatibili con i normali connettori PC.

I MacBook Pro fino a ed inclusi alcuni dei modelli 2012 sono abbastanza facili da aggiornare con le nostre scelte SATA da 2,5 pollici, anche se pure li ci sono alcuni trabocchetti.

Apple non abilita TRIM (un comando di garbage collection di livello del sistema operativo) su SSD di terze parti, sebbene in macOS 10.10.4 e versioni successive sia possibile abilitare forzatamente TRIM tramite un prompt della riga di comando. Tuttavia, alcuni utenti Linux hanno riportato dati persi e altri bug come risultato della forzatura del TRIM su Samsung e altri SSD in Linux. Non è chiaro se macOS abbia gli stessi bug, ma non abbiamo visto nessun rapporto diffuso di problemi TRIM con le unità Samsung. Se si forza TRIM, procedere con cautela e mantenere buoni backup.

La competizione

SSD SATA e M.2 SATA

Esistono tanti SSD SATA da 2,5 pollici là fuori ma dal momento che solo una manciata di aziende costruiscono la propria memoria flash e/o controller di unità, vale a dire Samsung e Micron (società madre di Crucial), la maggior parte delle unità non si distinguono da la folla. La maggior parte va bene, e se ne trovi uno a prezzo migliore dei nostri puoi acquistarlo tranquilamente. Ma a prezzi correnti, ci sono pochi motivi per considerare un SSD diverso rispetto alle nostre scelte principali. Stiamo elencando alcuni punti salienti, saltando le unità che sembrano essere esaurite.

L’Evo 850 di Samsung è ancora un ottimo disco e, se riesci a trovarlo a meno di €130, dovresti comunque comprarlo. Al momento della stesura di questo articolo, la versione da 2,5 pollici è solitamente più economica rispetto all’Evo 860 che lo ha sostituito, anche se le velocità dei due modelli sono per lo più confrontabili e hanno la stessa garanzia di cinque anni. Ha anche un rating di resistenza di 150TBW che è abbastanza vicino al MX500, oltre al supporto per la crittografia hardware e tutto il grande software SSD di Samsung. Ma è sempre più difficile da trovare (specialmente con capacità più elevate o nelle versioni M.2 e mSATA) ei prezzi stanno diventando meno prevedibili. L’Evo 850 è stato il nostro SSD preferito per ben per tre anni, ma finalmente sta per uscire di scena.

WD Blue 3D NAND e SanDisk Ultra 3D sono unità identiche: l’unica differenza è l’etichetta sul lato anteriore e il fatto che WD Blue include una versione M.2 mentre il SanDisk è disponibile solo nella versione SATA da 2,5 pollici. Entrambi sono SSD SATA ben recensiti e sufficientemente potenti con prestazioni solide ed entrambi sono disponibili per circa lo stesso prezzo del Crucial MX500. Ma la loro mancanza di supporto per la crittografia hardware e la loro garanzia più breve di soli tre anni rendono l’MX500 l’acquisto migliore.

Intel 545s utilizza un controller e un flash NAND simili ai componenti del Crucial MX500, quindi nel complesso funziona in modo simile alla nostra prima scelta; include anche una garanzia di cinque anni e supporto per la crittografia. Ma al momento della stesura, di solito costa €140, più del MX500 e vicino all’Evo 860. Se riesci a ottenere questo modello per meno, è un buon disco, ma per il resto non hai motivo di prenderlo in considerazione rispetto alle nostre scelte principali.

L’850 Pro di Samsung e il nuovo 860 Pro sono entrambi dischi SATA di prima qualità con elevata resistenza e buone garanzie (sebbene l’860 Pro abbia una garanzia di soli cinque anni, meno di quella da 10 anni dell’850 Pro), ma a questo punto le persone che vogliono un SSD più veloce e migliore delle nostre scelte principali dovrebbero guardare le unità PCI Express, non i modelli SATA. Unità come Crucial MX500 e Samsung Evo 860 sono decisamente più economiche ma non molto più lente. Inoltre, né Pro è disponibile in una versione M.2 o mSATA.

Crucial BX300 è uno degli SSD budget dell’azienda; funziona meglio del vecchio BX200 ma non ha il supporto per la crittografia hardware, non è disponibile nelle versioni da 1TB o M.2 e (confusamente) si vende allo stesso prezzo del MX500.

Adata Ultimate SU800 e SanDisk Ultra II sono abbastanza buoni e prontamente disponibili, ma di solito funzionano più lentamente delle nostre scelte principali, hanno garanzie più brevi di soli tre anni e non dispongono di supporto per la crittografia. Potrebbero valere la pena di considerarli se scendessero nel prezzo o se si trovassero in uno sconto significativo.

L’OCZ TR200 di Toshiba ha i modelli da 500GB (480GB) e 1TB (960GB) elencati nella relativa pagina del prodotto, ma solo la versione da 240GB è disponibile per l’acquisto in questo momento.

SSD PCIe NVMe

La maggior parte delle migliori unità PCIe NVMe si esibisce all’incirca allo stesso livello (o meno) dell’Evo 970 di Samsung. La maggior parte delle persone interessate a un disco di questo tipo dovrebbe attenersi all’Evo 970, ma potrebbe essere utile prendere in considerazione una serie di alternative se si hanno esigenze specifiche.

Il nuovo WD Black PCIe SSD con 3D NAND di Western Digital (venduto anche come SanDisk Extreme Pro M.2 NVMe 3D SSD) è solitamente tanto veloce o più veloce dell’Evo 960 di Samsung e occasionalmente competitivo persino con l’960 Pro. Sia AnandTech che Tom’s Hardware sono rimasti colpiti dalle sue prestazioni. Il WD Black ha una garanzia di cinque anni simile a quella di Samsung, ma non supporta alcun tipo di accelerazione della crittografia hardware, di solito ha lo stesso prezzo (o un po’ più costoso) dell’Evo 960, ed è attualmente più difficile da trovare.

Il non è tanto veloce quanto l’Evo 960, sebbene sia significativamente migliore di qualsiasi SATA SSD e un notevole miglioramento rispetto alla generazione precedente 600p di Intel. Intel offre una garanzia di cinque anni e supporto per la crittografia delle unità, e questo modello è una delle pochissime unità PCIe in versione da 128GB per le persone che desiderano un’unità veloce ed economica solo per il loro sistema operativo e alcune app. Ma il 760p arriva solo a 512GB, e il disco Samsung offre prestazioni migliori per circa lo stesso prezzo.

Il BPX di MyDigitalSSD costa all’incirca quanto l’Evo 960 e le sue velocità di scrittura sono spesso inferiori, ma è comunque considerevolmente più veloce di qualsiasi unità SATA. Utilizza il flash MLC ed è valutato oltre tre volte la durata dell’Evo 960, un numero supportato da una garanzia di cinque anni. Ma Tom’s Hardware cita potenziali problemi di durata della batteria dei portatili, e l’unità arriva solo a 480GB (la capacità che raccomandiamo, anche se l’opzione da 1TB è piacevole da avere). E pensiamo che Samsung sarà in grado di mantenere il suo prodotto in stock in modo più coerente.

Il 960 Pro di Samsung, la nostra precedente scelta professionale, è costosa e esagerata ma se hai assolutamente bisogno dell’unita migliore e più veloce che puoi ottenere, è ancora in cima alla pila. Il 960 Pro utilizza flash multilevel cell (MLC) e non si affida alle cache TurboWrite o Dynamic Write Acceleration per la velocità, quindi può offrire prestazioni più veloci e coerenti se si scrivono sempre tonnellate di dati alla volta. Ma pagherai molto di più per un drive MLC: al momento in cui scrivo, un 960 Pro da 512GB costa €70 in più rispetto all’Evo 960 da 512GB, e un Pro da 1TB costa €160 in più rispetto al corrispondente Evo. Ma se la velocità, la resistenza extra e una garanzia di cinque anni valgono i tuoi soldi, il 960 Pro è l’opzione per te.

Gli altri drive rientrano nella categoria “buoni ma non grandi”: nessuno di essi è cattivo, ma non ci sono molti motivi per cui la maggior parte delle persone li dovrebbe preferire sull’Evo 970. Il Patriot Hellfire, il Toshiba OCZ RD400 e il Plextor M8Pe sono dischi decenti, ma costano tutti intorno allo stesso prezzo dell’Evo e offrono prestazioni simili ma nessuna crittografia dell’unità.

Articolo aggiornato il 13 giugno 2018: Abbiamo controllato la nostra lista, e questi sono ancora i migliori SSD.

FONTEWirecutter
Effemeride.it è progettato per far emergere le raccomandazioni più utili e specialistiche per le cose da acquistare attraverso il vasto panorama dell'e-commerce. Supportiamo i lettori con migliaia di ore di rapporti e test per aiutarvi a trovare ciò di cui avete bisogno per vivere una vita migliore. Voi ci sostenete attraverso i nostri link, selezionati in modo indipendente, che possono farci guadagnare una piccola commissione ogni volta che comprate qualcosa. Aggiorniamo i link quando possibile, ma tieni presente che le offerte possono scadere e tutti i prezzi sono soggetti a modifiche. Per non comprare mai più spazzatura e rimanere sempre aggiornato, segui Effemeride.it su Twitter e Facebook. Per recensioni sui prodotti, idee regalo e offerte più recenti, iscriviti al Blog oppure alla nostra Newsletter tramite e-mail. Puoi scegliere di cancellarti in qualsiasi momento.

Dicci cosa ne pensi