Chi non ha mai provato la fastidiosa sensazione di guardare il cielo terso o uno schermo bianco e vedere piccole macchie muoversi nel campo visivo? Sono le cosiddette ‘mosche volantì o miodesopsie, oggetti minuscoli che proiettano ombre sulla retina. Ma adesso arriva una nuova tecnica per cancellarle dalla vista.

“La vitrectomia 27 Gauge è una tecnica chirurgica mini invasiva che interviene direttamente sulle cause che provocano la comparsa di questi piccoli oggetti, scientificamente chiamati miodesopsie – spiega in una nota Alberto Bellone, oculista di Torino specializzato in chirurgia refrattiva e chirurgia vitreoretinica -. Che sono dovute alla degenerazione del corpo vitreo, ovvero al gel che riempie l’occhio, che con il passare del tempo tende a dividersi in due: parte liquida e fibrillare.

“Le fibrille vitreali – si legge ancora – si agglomerano e formano dei corpi mobili che seguono il movimento dell’occhio in tutte le direzioni. La tecnica – spiega Bellone – permette di utilizzare una sonda ben più piccola rispetto al passato il cui diametro non arriva al mezzo centimetro. Attraverso tre fori di 0,4 mm si asporta il vitreo e si possono riparare eventuali alterazioni retiniche mediante il laser'”.

L’intervento, dura non più di 20 minuti e non prevede suture. La ripresa post operatoria, salvo eventuali complicanze, circa 24 ore. Ovviamente “ogni singolo caso clinico – conclude Bellone – deve essere attentamente valutato”.

Fonte: QuotidianopugliaIntelligonews

Addio alle “mosche volanti” negli occhi: una nuova tecnica per ‘scacciarle’
5 (100%) 3 votes

CONDIVIDI